Bakery Piacenza 55
Blacks Faenza 87
(9-27; 22-44; 41-69)

PIACENZA: Agbortabi 4, Angelucci ne, Korsunov 7, El Agbani 4, Livelli 14, Balestra, Carone 2, Ringressi, Berra 8, Cecchetti 6, Coltro 10. All.: Del Re
BFAENZA: Siberna 13, Vico, Poggi 13, Voltolini 20, Molinaro 10, Petrucci 5, Aromando 12, Ragazzini, Pastore 2, Nkot Nkot. All.: Garelli.
Arbitri: Sordi – Martinelli
Note. Tiri da 2: PI: 15/52, FA: 21/31; Tiri da 3: PI: 6/23, FA: 11/25; Tiri liberi: PI: 7/11, FA: 12/20; Rimbalzi totali: PI: 33, FA: 51.
Uscito per falli: Siberna

Grande prestazione dei Blacks, ritornata alla vittoria sbancando il campo di Piacenza dove aveva vinto soltanto la capolista Rieti. Una prova di carattere e di forza, costruita sin dalla prima azione grazie al gioco di squadra. Con questo successo i Raggisolaris ritornano al secondo posto insieme a Fabriano e guadagnano punti su tutte le inseguitrici.

I Blacks, privi di Bandini out per una semplice influenza, impongono subito il loro gioco volando sull’11-0. Piacenza fatica a trovare la via del canestro e così Faenza ne approfitta macinando punti. La terza tripla di Siberna vale il 20-6, vantaggio che tocca il 27-6 di fine periodo prima del tiro da tre di Livelli. Decisive sono la maggiore fisicità a rimbalzo dei romagnoli e le alte percentuali offensive. La Bakery rientra in campo piazzando un break di 4-0, coach Garelli chiama time out per evitare cali di tensione, e l’inerzia ritorna nelle mani degli ospiti. I Blacks volano sul 30-13 e poi sul 37-15 grazie al tiro da tre di Petrucci e all’intervallo sul 44-22 il match è già chiuso.

I Raggisolaris non smettono di spingere sull’acceleratore e inaugurano il secondo tempo con ben cinque triple consecutive andando sul 61-30. L’ultimo quarto si gioca quindi solo per le statistiche, ma nonostante tutto l’attenzione non cala mai fino alla sirena finale. Negli ultimi minuti c’è anche spazio per Ragazzini e Nkot Nkot. Con questo successo i faentini conquistano la quinta vittoria in trasferta nelle sei gare disputate.