“MILAN DEI MERAVIGLIOSI” DI CARLO ANCELOTTI: IL PODCAST SULLA STORIA ROSSONERA DI STARCASINÒ SPORT RACCONTA I GLORIOSI ANNI DUEMILA DEL CLUB DI VIA TURATI  

Tre imperdibili episodi narrati da Carlo Pellegatti e dedicati alla leggendaria squadra arrivata sul tetto del mondo 

Nella settimana di uscita del docufilm “Stavamo bene insieme” che celebra le vincenti notti milaniste in Champions League nel periodo tra il 2003 e il 2007, StarCasinò Sport, Official Partner di AC Milan, lancia tre episodi del podcast “La Storia del Milan raccontata da Carlo Pellegatti”. 

Celebrando il Milan dei Meravigliosi, nelle puntate disponibili ora su Spotify e sui principali digital store, il famoso giornalista di fede rossonera racconta con minuzia di particolari proprio quelle magiche stagioni del Club di Via Turati, salito due volte sul tetto d’Europa. Vittorie raggiunte grazie a fenomeni come Shevchenko, Dida, Rivaldo e Maldini guidati dalle sapienti mani di Carlo Ancelotti. 

L’elemento che più ha caratterizzato quegli anni è stato il famoso dietro le quinte del calciomercato, che vedeva Silvio Berlusconi e Adriano Galliani protagonisti nelle più accese trattative per l’acquisto dei giocatori. Andrea Pirlo, Filippo Inzaghi, Alessandro Nesta e Clarence Seedorf sono solo alcuni dei calciatori entrati in squadra in quel periodo, pilastri del gruppo vincente che ha alzato al cielo due Champions League, nel 2003 e nel 2007. Anni meravigliosi che hanno contribuito a rafforzare la fratellanza e l’amicizia che da sempre contraddistingue la famiglia rossonera. Valori comuni che hanno permesso di raggiungere questi obiettivi e risultati ancora oggi memorabili e indimenticabili. 

In quelle stagioni, oggetto del desiderio di molti club in tutta Europa era il portoghese Manuel Rui Costa, trequartista dalla classe cristallina che vestiva la maglia viola della Fiorentina, squadra che il Milan affronterà in campo proprio questo weekend. Pellegatti racconta dettagliatamente come si è svolta la trattativa per portare a Milanello il fenomeno iberico, ancora oggi ricordata per l’urlo di Adriano Galliani che ha svegliato qualche condominio di Viale Regina Giovanna a Milano. 

Ma non è l’unico fuoriclasse di lingua portoghese acquistato dal Milan in quegli anni: nell’estate del 2003, sbarca a Malpensa uno dei giocatori più forti passati da Milanello, Pallone d’Oro del 2007, “Smoking Bianco” Kakà. Per raccontare quello che è stato Ricardo Izecson dos Santos Leite per la maglia rossonera, Pellegatti riporta il ricordo di Rino Gattuso al primo allenamento del brasiliano a Milano: “Il giorno in cui arrivò Kakà a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quel ragazzino con gli occhialini. Due ore dopo iniziammo la partitella. Che ci crediate o meno, in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quel ragazzino”. E, infatti, così è stato. Nel maggio del 2007, con una cornice da sogno data dallo stadio Olimpico di Atene, Paolo Maldini alza la settima Champions League del Milan, vinta in finale contro il Liverpool. 

Non si tratta dell’unica vittoria europea di quel magico gruppo: quattro anni prima, al “Teatro dei Sogni” di Manchester, il primo Milan di Carlo Ancelotti ha vinto la sua sesta Champions League in finale contro gli storici rivali della Juventus. La sfida si è conclusa ai rigori, con il decisivo battuto dall’ucraino Andrij Shevchenko davanti a oltre 62.000 spettatori. Un indimenticabile momento che Pellegatti associa a una scena clou del famoso film “Il buono, il brutto e il cattivo”. “Il regista dell’Old Trafford sembra essersi ispirato al Triello di Sergio Leone: l’inquadratura passa dagli occhi stretti di Clint Eastwood, a quelli spiritati di Eli Wallach e poi, ancora, alle fessure di Lee Van Cliff. Manca solo la musica travolgente di Ennio Morricone, anche perché qui a dominare è solo il silenzio, un silenzio irreale”. Il Milan dei Meravigliosi diventa così Campione d’Europa per la seconda volta. 

Per rivivere quei magici anni di vittorie rossonere, su Spotify è possibile ascoltare l’episodio otto (2003: Kakà e lo scudetto n°17), nove (2003: il trionfo di Manchester) e dieci (2001: il Milan dei Meravigliosi) e lasciarsi trasportare dalla voce di Carlo Pellegatti in un racconto leggendario, tra aneddoti, curiosità e cronaca dell’unica e incredibile storia dell’AC Milan.