AMA ESAGERATA, LA CAPOLISTA MIRANDOLA
CADE ALLA BOMBONERA
Il coach Bernardi: “Gran bella partita, dimostrato ancora una volta il nostro valore
con una prestazione di pregio dell’intero gruppo”

AMA SAN MARTINO – VOLLEY STADIUM MIRANDOLA 3-0
(27-25, 29-27, 25-21)
Ama San Martino: Petratti 10, Caciagli 1, Porta 10, Reyes 17, Santini 9, Zambelli 3, Bonfiglioli (L), Luppi 2, Caciagli 2, Fregni, Grassigli, Bergantino, Gozzi 1, Roncaglia. All. Bernardi, vice Iotti
Volley Stadium Mirandola: Bellei 12, Canossa 10, Ghelfi F. 18, Dombrovski 6, Scaglioni 3, Ghelfi G. 1, Rustichelli M. (L), Shelepayuk, Paletta (2L), Mottaggioli, Cadore 2, Bonavita, Rustichelli R., Gulinelli 2. All. Dall’Olio.
Durata: 29’, 31’, 26’. Tot. 1h34’.
Note Ama: ace 2, service error 5, ricezione 40%, attacco 49%, muri 7.
Note Mirandola: ace 5, service error 12, ricezione 67%, attacco 45%, muri 7

È una stagione senza esclusione di colpi quella della serie B maschile dell’Ama San Martino, che nell’ultima giornata di campionato ha battuto per 3-0 niente di meno che la capolista Volley Stadium Mirandola. Il colpaccio è stato messo a segno davanti al pubblico amico della Bombonera, infiammato da uno spettacolo ad alto livello di tecnica e di grinta. Se il podio di Mirandola rimane indiscusso, in vetta a 51 punti, il settimo posto a 35 punti dell’Ama appare ancora una volta amaro.

“Gran bella partita, ancora una volta la squadra ha confermato il suo valore – commenta il coach Cristian Bernardi – nel primo set il merito è stato quello di non mollare mai, pur essendo scivolati in svantaggio abbiamo tenuto duro e un ace di Zambelli sul finale ha suonato la carica per vincere 27-25. Una volta prese le misure sul muro-difesa, nel secondo la differenza l’abbiamo fatta in fase di contrattacco, cinici fino al 29-27 finale. Nel terzo abbiamo sfruttato la delusione che aleggiava nel campo avversario per scappare in avanti, con vantaggio massimo sul 20-12. Il pubblico è stato come sempre l’uomo in più, queste sono gare da ricordare”.

Assente nella rosa degli All Blacks solo Brizzi, tutti gli altri a disposizione e capaci di essere determinanti quando chiamati in causa. “Difficile attribuire i meriti di questa vittoria, tutti i ragazzi hanno giocato la loro miglior pallavolo – commenta Bernardi – Reyes in attacco è stato devastante così come il solito Porta e Petratti, quest’ultimo chiamato al posto di Brizzi e pronto a dimostrare di aver compiuto un percorso di crescita importante. Al centro ottima prova di Santini e Luppi che, entrato nel corso del primo set, è poi rimasto a far valere tutta la sua esperienza e il suo carisma. Il tutto è stato orchestrato dalla sapiente regia di Zambelli, che ha esibito delle giocate di pregio, mentre l’ordine nelle retrovie è stato garantito come sempre da Bonfiglioli, concentratissimo. Decisivi poi gli ingressi di Fregni e Gozzi, i complimenti vanno davvero a tutti. Oltre alla soddisfazione rimane però l’amarezza di aver dimostrato ancora una volta di meritare i primi posti e di essere invece soltanto al settimo: purtroppo il periodo sfortunato in cui siamo incappati a inizio anno tra covid e infortuni ci ha condannato”.

Ora all’appello manca solo una gara, quella contro il Modena Volley che andrà in scena di nuovo alla Bombonera alle 18 di sabato 30 aprile.