Amici della Bici Junior subito col vento in poppa nel ciclocross tra allievi ed esordienti

E’ arrivato il momento di fare sul serio nel ciclocross per il sodalizio giovanile pescarese Amici della Bici Junior, che ha iniziato a fare il suo esordio un po’ sparso in tutta Italia sia con gli allievi che con gli esordienti.

L’occasione per far crescere molti ragazzi giovani con la dovuta attenzione nella preparazione tecnica e nell’abilità che richiede questa disciplina contraddistinta dalle tre “F” (fango, freddo e fatica), ripercorrendo le orme di due “ex” che, da un semplice gioco, si ritrovano a lottare nel fango ad alti livelli: Gaia Realini e Lorenzo Masciarelli, già nell’orbita della nazionale italiana negli anni passati con l’ex cittì Fausto Scotti ed anche allo stato attuale con il neo commissario tecnico Daniele Pontoni che li ha convocati nelle due prove di Coppa del Mondo negli Stati Uniti.

Per gli Amici della Bici Junior, subito ripartenza col vento in poppa nelle Marche a San Severino (Adriatico Cross Tour) con il successo di Giacomo Serangeli tra gli allievi e nono Filippo Cerasi nella stessa categoria. Non da meno il comparto femminile con il secondo posto di Marta D’Incecco tra le esordienti e quarta Alice Testone tra le allieve, molto bene anche i compagni di squadra Giacomo Agostini tra gli esordienti secondo anno e Paolo Di Lorenzo tra i G6.

In gara anche nel Lazio a Posta (Trofeo Romano Scotti) dove Serangeli ha fatto suo il primato tra gli allievi battendo gli atleti di un anno più grandi mentre Testone si è fatta notare con un secondo posto tra le donne allieve. L’esordiente Marta D’Incecco è stata l’unica della squadra a prendere parte al Giro d’Italia Ciclocross, nella tappa di Osoppo in Friuli, chiudendo al quinto posto.

Quello del ciclocross è il primo mattoncino a un progetto che, oltre a Domenico Cerasi, vede impegnati nel dietro le quinte anche Gianluca Serangeli, Fabrizio Scocchia e Walter D’Incecco con il coinvolgimento dei familiari di ogni singolo ragazzo che, a sua volta, deve prima “divertirsi e poi se arriva il risultato ben venga” è il commento di Cerasi.