Todis Salerno ‘92, ancora un successo: Catanzaro ko a domicilio
Russo: “Attenzione e capacità di reazione, ma è mancata continuità nei 40’. Brave le under”

La Todis Salerno ’92 vince anche in casa dell’Edilizia Innovativa Catanzaro e balza da sola in vetta alla classifica. Al PalaGallo finisce 36-65 per le granatine, che restano imbattute – con cinque vittorie in altrettante gare – e si preparano ad affrontare tra le mura amiche la Nuova Matteotti Corato sabato prossimo. Il recupero sul campo della Lowengrube Taranto invece, inizialmente fissato per il 14 aprile, va verso un nuovo slittamento. Rinviati anche altri due match della 6^ giornata (Battipaglia-Taranto e Corato-Capri).
LA PARTITA. Coach Russo inizia col quintetto composto da Duran, De Mitri, Valerio, Cragnolino e Van Der Linden. Apre le marcature De Mitri al termine di una bella azione corale. Poi quasi 3’ senza canestri: Valerio segna e prende fallo, ma Egwoh accorcia. Salerno difende bene e trova l’imbucata con Van der Linden (2-9 a metà primo quarto), ma anche qualche disattenzione di troppo che consente alle calabresi di restare in partita. Russo inizia a ruotare; Orchi fa +7 a 2’:30” dalla prima interruzione, De Mitri mette la tripla del +10, ma Codispoti rimedia. Col contributo di Aceredo è di 9-17 il primo parziale in favore di Salerno. L’uruguaiana segna anche ad inizio secondo periodo, la Todis allunga a +14, ma le locali rosicchiano subito cinque punti ancora con Codispoti. Qualche minuto di pausa, poi la difesa campana torna ermetica e l’attacco ricomincia a correre: la bomba di De Mitri, Orchi e Scolpini fanno +19 (14-33) e nei successivi 2’:40” c’è solo il libero di Diop a puntellare sul 15-33 il punteggio di metà partita. Arrembante il rientro sul parquet di Catanzaro, un po’ più spenta la Todis. Russo chiede di alzare i ritmi offensivi, ma viene ascoltato a sprazzi; al 26’ è 22-37. Un timeout scuote le granatine solo momentaneamente, perché dal potenziale +22 Salerno finisce col chiudere sul 30-43 alla mezzora. Egwoh fa -11 alla ripresa, però Orchi e Valerio orchestrano il rilancio, Duran e l’esordiente Basile lo arricchiscono: +22 a 4’:30” dalla fine (36-58). La compagine di patron Somma torna aggressiva e non lascia altro alle catanzaresi, peraltro spendendo solo due falli nell’intero ultimo quarto. Felice anche l’impatto della giovane Ghiran, anche lei alla prima in maglia Todis. Il finale è di 36-65.
“Sono soddisfatto della prestazione, non era una partita facile. – commenta coach Aldo Russo – Abbiamo iniziato bene contro i cambi sistematici di Catanzaro che ha confermato il suo miglioramento. Le mie giocatrici sono state brave ad approcciare, ma non ad avere quella continuità nel nostro modo di giocare. Avevo attivato la sentinella alla vigilia e mi ero raccomandato: era la prima trasferta lunga, da giocare col piglio giusto, quindi sono contento dell’attenzione e della capacità di reagire a un momento negativo, un po’ meno del fatto che non siamo stati continui. Ci lavoreremo in settimana, ovviamente. Resettiamo anche questa e procediamo sempre un passo per volta, alla ricerca dei necessari miglioramenti”. Menzione speciale per le under: “Grazie alla loro energie siamo riusciti a mantenere un livello alto nel finale, frutto di quel che fanno in settimana, che va condiviso anche con le altre giovanissime che non erano convocate”.

TABELLINO – EDILIZIA INNOVATIVA CATANZARO-TODIS SALERNO 36-65 (9-17; 15-33; 30-43)
CATANZARO: Diop 11, Egwoh 7, Isabella 2, A. Montebello, Codispoti 11, Alfano, M. Montebello, Gagliardi 1, Lorusso, Bellassi, De Rossi, Trotta. All: Astorino.
SALERNO: Basile 5, Golemi, Valerio 10, Orchi 14, De Mitri 14, Cragnolino 4, Sestito, Van der Linden 2, Aceredo 5, Duran 8, Ghiran, Scolpini 2. All: A.Russo.
Arbitri: Greco-Tolomeo