Tennis Tavolo Sassari: domenica parte la B1 maschile con la gara casalinga contro l’Apuania Carrara “A” – La squadra allenata da Alessandro Poma punta in alto
A porte chiuse per le norme anti-Covid, ma si parte. Inizia in casa il campionato di B1 maschile per la Tennis Tavolo Sassari che domenica ospita alle 10.30 la squadra “A” dell’Apuania Carrara nella Palestra della Scuola Media n° 2. La stagione sarebbe dovuta partire in novembre, ma è stato deciso il rinvio. Per questo è cambiata anche la formula e si disputerà solo il girone d’andata.
La Tennis Tavolo Sassari è stata inserita nel girone B insieme a Villa d’Oro Modena, Apuania Carrara “A”, Apuania Carrara “B”, Cus Torino, Biella, Parva Domus-Marco Polo e Milano Sport.
Mario Santona, vice presidente e responsabile tecnico del club pongistico sassarese illustra gli obiettivi della squadra: “Puntiamo a disputare un campionato di vertice con il sogno di riportare una squadra sassarese in serie A dopo altre vent’anni. Per questo abbiamo inserito due forti pongisti entrambi provenienti dalla serie superiore come Marco Sinigaglia, modenese e da anni ai vertici delle classifiche nazionali, e Marco Poma già solido seppur giovane, con ampi margini di miglioramento. Completa la squadra il valido Segun Olawale Abayomi. In panchina i ragazzi saranno seguiti da Alessandro Poma”.
Non sarà semplice riprendere l’attività agonistica dopo una interruzione così lunga. In settembre la Tennis Tavolo Sassari ha organizzato il Trofeo Città dei Candelieri-14° Memorial Stefano Ganau e Sergio Visioli che doveva servire proprio come prova generale prima del campionato. La speranza di tutto il mondo pongistico è che possano ripartire tutti i campionati e soprattutto possano concludersi senza problemi.
Sarebbe dovuta partire anche la serie C1 nel gruppo N ma è slittata la partita. Mario Santona commenta: “Nella serie C1 ci auguriamo di ben figurare con uno sguardo anche qui all’alta classifica con una compagine tutta fatta in casa composta da Tonino Pinna, Luca Baraccani, Alberto Ticca e Marcello Pinna”