Nella tormenta del Pietro Barbetti è un cinico Gubbio a conquistare i primi tre punti del 2021. Decide l’incontro l’argentino Juanito Gomez che piazza una doppietta nel giro di 2 minuti durante il primo tempo. Il 2-1 di Morachioli, nella ripresa, serve soltanto a premiare i ragazzi di Catalano per la prestazione volenterosa offerta durante i 90 minuti. Il Gubbio avanza a 22 punti, l’Imolese resta ancora ferma al palo a quota 12 e contro il Matelica occhio alle squalifiche sulla fascia destra.

LA CRONACA DEL MATCH

1’ – FISCHIO D’INIZIO. Mister Catalano sceglie l’attacco pesante con Ventola, Polidori e il neoacquisto Bentivegna , mentre dietro Boccardi si prende la fascia destra con Rondanini dirottato a sinistra. Nel Gubbio out De Silvestro: dietro le punte c’è Pasquato.

2’ – Avvio di gara equilibrato in cui è l’Imolese a provare più trame palla a terra nonostante le insidie di un campo pesante – per ora – e  della neve incessante da ore.

13’ – Nessuna azione degna di nota. Si lotta a centrocampo e l’Imolese conquista un calcio di punizione dal vertice sinistro dell’area di rigore. Il pallone calciato da Bentivegna viene allontanato non senza qualche affanno dalla difesa dei padroni di casa.

16’ – Transizione offensiva guidata da Bentivegna e pallone scaricato a sinistra verso Polidori. Il suo cross rasoterra trova Ventola che si fa respingere il tiro. Sul calcio d’angolo seguente botta da fuori di Torrasi e altro calcio d’angolo per l’Imolese che sembra provarci di più.

21’ – Il pallone fa sempre più fatica a circolare e rimbalzare, ma l’Imolese non rinuncia alla costruzione dal basso prendendosi anche qualche rischio complici le numerose pozzanghere.

22’ – Occasione per il Gubbio: punizione pericolosa dai 30 metri di Pasquato con Siano che respinge e con la collaborazione di Boccardi riesce ad allontanare in corner.

27’ – Si alza anche un forte vento, condizioni di gioco sempre più proibitive.

34’ – Brutto scontro tra Pilati e Gerardi a centrocampo. L’attaccante ex Rimini allarga il braccio colpendo Pilati al volto con una gomitata. L’arbitro e il quarto uomo non ravvisano nulla e il Gubbio non sfrutta il contropiede.

36’ – GOL DEL GUBBIO: Cross dalla sinistra di Ferrini e Juanito Gomez anticipa tutti di testa spiazzando Siano. 1-0 Gubbio.

38’ – GOL DEL GUBBIO: Raddoppia il Gubbio con l’Imolese che non riesce a reagire dopo il vantaggio dei padroni di casa. Punizione dai 40 metri di Pasquato, flipper in area e pallone che finisce sui piedi di Juanito Gomez il quale non può sbagliare da quella posizione. Doppietta per l’argentino nell’arco di un paio di minuti. 2-0 Gubbio.

43’ – Fallo di Rondanini su Gomez per fermare un contropiede: giallo inevitabile ed è un cartellino che pesa perché il numero 2 rossoblù era diffidato e salterà il match casalingo contro il Matelica.

45’ – 2 minuti di recupero. Si era perso tempo in occasione del raddoppio di Gomez perché Siano era rimasto a terra.

47’ – FINE PRIMO TEMPO. Imolese punita oltremisura da quello che era il peggiore attacco casalingo del torneo. Su un campo così pesante non sta pagando la prestazione propositiva dell’Imolese e l’uno due di Juanito Gomez ha già indirizzato fortemente il match verso gli eugubini.

46’ – INIZIO SECONDO TEMPO. Si riprende con due sostituzioni per l’Imolese: escono Ventola e Pilati (evidentemente provato dal colpo ricevuto nel primo tempo), al loro posto entrano Piovanello e Cerretti.

49’ – Bella iniziativa di Bentivegna che punta l’avversario e scarica su Provenzano. Il centrocampista avrebbe l’occasione di calciare in porta, ma preferisce restituire il pallone a Bentivegna favorendo l’uscita del portiere avversario.

56’ – Stesso canovaccio tattico del primo tempo con l’Imolese che prova a muovere il pallone mentre il Gubbio attende pronto a sfruttare gli spazi in contropiede.

58’ – Punizione interessante di Bentivegna, ma il pallone si perde alto sopra la traversa.

60’ – Sugli sviluppi di un corner bell’imbucata di Torrasi per Lombardi: il numero 25 si gira ma il pallone non c’entra lo specchio della porta.

61’ – Terzo cambio per l’Imolese: esce Provenzano e al suo posto entra D’Alena.

63’ – Primo cambio anche per i padroni di casa: mister Torrente sostituisce Gerardi e al suo posto entra Pellegrini.

65’ – L’Imolese continua a provarci. Questa volta è un’iniziativa di Piovanello a servire Torrasi il culi tiro dal limite dell’area viene respinto in corner.

66’ – Altra ammonizione pesante per l’Imolese. Anche Boccardi si prende il giallo e salterà il prossimo match.

69’ – Esaurisce le sostituzioni mister Catalano inserendo Morachioli e Tonetto. Lasciano il campo Lombardi e Boccardi.

70’ – GOOOOOOOOOL DELL’IMOLESE!! Subito Morachioli! Appena entrato in campo l’attaccante dialoga con D’Alena al limite dell’area e poi è Rondanini a servirgli il pallone di ritorno. Tiro preciso che si infila sul secondo palo. Match riaperto.

72’ – Occasione Gubbio: pallone perso in uscita da D’Alena e contropiede guidato da Pellegrini. Il suo tiro viene deviato da Siano in rimessa laterale.

75’ –  Bell’inizitiva di Piovanello con Ferrini che è costretto a spendere il giallo per fermare l’attaccante lanciato verso l’area di rigore. Punizione calciata dallo stesso Piovanello e Zamarion è costretto a superarsi per deviare il pallone in corner. L’Imolese ci crede.

81’ – Altri due cambi per i padroni di casa: Escono Pasquato e Megelaitis, al loro posto Sainz Maza e Munoz.

90’ – Sostituzione per il Gubbio: esce il mattatore del match Juanito Gomez e al suo posto entra Cinaglia.

90’ – Sono stati concessi 3 minuti di recupero.

90’ + 3’ – FISCHIO FINALE.Il Gubbio sfrutta il fattore «Barbetti». La squadra di Torrente si dimostra più cinica e sale a quota 22 in classifica. Ancora una sconfitta per l’Imolese, ma la squadra ha tirato fuori una prestazione di carattere come aveva chiesto ieri Catalano.

LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA

Pasquale Catalano, allenatore

«Il campo dice sempre la verità, ma penso che la squadra abbia fatto la partita se escludiamo quei 5 minuti in cui abbiamo subito il loro uno-due con Gomez. E’ innegabile però che abbiamo creato i presupposti per rimanere in partita fino alla fine. Alleno un gruppo di ragazzi di qualità e il mio compito è farli crescere velocemente perché giochiamo in un campionato in cui la malizia e l’episodio contano tanto. La squadra è rammaricata perché abbiamo fatto la partita come l’avevamo preparata e sono convinto che questa squadra possa fare risultati attraverso il gioco. Se ci mettiamo dietro ad aspettare gli avversari facciamo fatica. Proviamo a giocare dal basso quando ci sono le possibilità, la palla alta e i duelli aerei non sono tra le nostre doti migliori. Abbiamo iniziato l’anno con una sconfitta, ma penso che lavoreremo bene con questi ragazzi».

Serie C, girone B – 18ª giornata

Gubbio – Imolese 2-1

Gubbio: Zamarion; Formiconi, Uggè, Signori, Ferrini, Megelaitis (dal’81’ Munoz) , Malaccari (c), Oukhadda, Pasquato (dall’81’ Sainz), Gomez, Gerardi (dal 63’ Pellegrini). All. Torrente (a disp. Cucchietti, Migliorelli, Sdaigui, Pellegrini, Sorbelli, Sainz, Cinaglia, Montanari, Munoz, Gaia).

Imolese: Siano; Boccardi (dal 69’ Tonetto), Pilati (dal 46’ Cerretti), Carini (c), Rondanini; Lombardi (dal 69’ Morachioli), Torrasi, Provenzano (dal 61’ D’Alena); Bentivegna, Polidori, Ventola (dal 46’ Piovanello). All. Catalano (a disp. Rossi, D’Alena, Angeli, Sall, Sabattini, Morachioli, Masala, Piovanello, Tonetto, Cerretti, Alboni, Mattiolo).

Marcatori: 36’ e 38’ Juanito Gomez (Gub), 70’ Morachioli (Imo).

Arbitro: Marco Acanfora di Castellammare di Stabia (assistenti Maicol Ferrari, Egidio Marchetti,  Ermanno Feliciani).

Ammoniti: 43’ Rondanini (Imo), 66’ Boccardi (Imo), 75’ Ferrini (Gub).

Recupero: 2’ e 3’.