La talentuosa guardia torna in Campania dopo 5 anni e… uno Scudetto: “Una scelta di cuore”

“Una scelta di cuore. Ho deciso di venire a vivere a Salerno, che ormai è la mia seconda casa, e non potevo rifiutare la proposta di Angela Somma”. Camilla Valerio, classe 1993, è uno dei colpi di mercato della Todis Salerno ’92 per la stagione 2020/21. La guardia di 178 cm torna a indossare la casacca delle granatine a distanza di cinque anni dalla sua precedente esperienza campana ai tempi della Serie A2, categoria in cui ha militato dal 2013 allo scorso anno (giocando anche con Vigarano, Ariano Irpino e Bolzano) quasi ininterrottamente. “Quasi”, perché nel mezzo Valerio si è tolta anche lo sfizio di laurearsi campionessa d’Austria con la casacca dell’Ubi Graz. Insomma, alla Todis approda una giocatrice di grande livello che andrà a impreziosire il roster di coach Aldo Russo.
“Sarà la prima volta in Serie B per me, anche se qualche anno fa avevo disputato una stagione nella vecchia A3. A Salerno sto bene, ci torno con piacere perché ho scelto di viverci e non vedo l’ora di cominciare: la voglia di pallacanestro è tanta. – dice l’atleta bolzanina – Patron Somma mi ha parlato super bene del progetto, con un roster che sarà composto da ragazze giovani e altre un po’ più esperte. Mi sa che sarò io la più ‘vecchia’ (ride, nda), ma sono davvero carica e spero che anche il pubblico di Salerno possa aiutarci, entusiasmandosi per le nostre partite. Ne abbiamo bisogno”.
Vincere uno Scudetto non è da tutti. A Graz, Camilla Valerio ha dato un forte contributo per il primo titolo austriaco della storia della sua ex società. Dopo il gradino più alto della Bundesliga ed un anno nella sua Bolzano, riecco Salerno. “Sarà bello ritrovare un ambiente che con me è sempre stato accogliente. – aggiunge – So che ci sarà la possibilità di lavorare bene con un ottimo allenatore ed ho pensato che, anche se in Serie B, potesse essere una buona occasione per continuare a crescere cestisticamente, stando vicina ai miei affetti nello stesso tempo. Le aspettative alte? Ci sta. Non voglio certo giocare tanto per farlo, ma per inseguire obiettivi ben precisi e credo che questo debba valere per tutti. Dobbiamo capire anche come si articolerà il campionato e quali squadre si iscriveranno. L’idea è quella di giocarsela per un torneo di vertice. Delle mie compagne conosco già anche Alessia De Mitri, che è stata a Salerno con me nel 2014/15, la ritrovo con piacere”. E Salerno ritrova con piacere Valerio: bentornata, Camilla!