La Carpegna Prosciutto Basket Pesaro è tra le squadre che più di altre hanno schierato giocatori italiani nella stagione 2019/2020 dichiarata conclusa in anticipo nelle scorse settimane dalla FIP. I biancorossi con il loro 30,6% totale concludono al quarto posto l’annata nella specifica classifica relativa all’utilizzo di giocatori di cittadinanza e formazione italiana Under 28 dietro alla Germani Basket Brescia, alla De’ Longhi Treviso e alla Dolomiti Energia Trentino mettendosi alle spalle la Pompea Fortitudo Bologna. A questi cinque club che hanno scelto di adottare la formula del 5+5 e che hanno registrato le percentuali più elevate di utilizzo di giocatori italiani Under 28 va il premio complessivo di 350.000 euro che verrà suddiviso. La percentuale viene calcolata dividendo i minuti giocati dagli italiani per i minuti complessivi disputati.

Questo conteggio è stato realizzato prendendo in considerazione i soli match del girone di andata oltre all’utilizzo dei giocatori Over 28 che nelle ultime tre stagioni hanno disputato match ufficiali con la maglia della Nazionale italiana.

La Carpegna Prosciutto Basket Pesaro però è nelle posizioni di vertice anche in un’altra classifica, quella riservata all’impiego dei giocatori Under 25 grazie al suo 24,4%. I biancorossi chiudono infatti al secondo posto alle spalle del Banco di Sardegna Sassari e precedono la OriOra Pistoia, la De’ Longhi Treviso e la Germani Basket Brescia.

In questo caso il relativo premio di 150.000 euro è destinato solo ai club che hanno adottato esclusivamente la formula 5+5 e che hanno fatto registrare le percentuali più alte in termini di utilizzo degli atleti di cittadinanza e formazione italiana Under 25. Nel calcolo totale rientrano anche i minutaggi degli atleti Under 21 che vengono raddoppiati. Triplicati invece i minutaggi dei giocatori Under 25 che sono stati tesserati per almeno due stagioni utili al completamento della formazione per la propria società.

Ufficio Stampa