STOP FORZATO: IL VBSM AZZERA LE LANCETTE
E BLINDA TUTTE LE CATEGORIE A RISCHIO
Il presidente Marani: “Ora dovrò tener fede alle promesse…”

“Avremmo preferito lottare fino alla fine per la salvezza sul campo e viverci questi mesi di pallavolo in allegria e a pieno regime, come sempre, ma purtroppo così non può essere. Pur nella tragicità del momento però prendiamo atto della bella notizia: quando potremo andremo al mare a mangiare il pesce per festeggiare, ogni promessa è debito”.

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 non spegne l’entusiasmo della grande famiglia del Volley Ball San Martino che blinda così la salvezza di tutte le categorie maschili a rischio, dalla serie B Ama alla serie D Tecnosaldature passando per la C griffata MonkeyDu. “In un’annata in cui i risultati faticavano ad arrivare – spiega il presidente Verissimo Marani – la decisione della Fipav di stoppare tutti i campionati senza promozioni né retrocessioni, azzera così le lancette e ci permette di rifare tutto da capo”.

A metà febbraio infatti, l’Ama allenata da Pupo Dall’Olio era penultima a 7 punti da penultimo posto dopo tredici partite disputate, la MonkeyDu penultima a 10 punti in dodici gare e la Tecnosaldature quartultima a 14 punti in sedici giornate. La serie C femminile sponsorizzata dall’Ama stava vivendo invece un momento di forte rilancio, decima a 19 punti con cinque lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione.

“Dato il momento è doveroso annullare i campionati – commenta il coach della serie B dell’Ama Pupo Dall’Olio – da uomini di sport ci dispiace non aver potuto lottare a testa alta per guadagnarci il posto in categoria in queste ultime undici partite, in cui tutto poteva ancora accadere, ma la Federazione ha preso la decisione più giusta. Peccato però perché la situazione era incoraggiante, avevo visto un bel cambio di passo da parte dei ragazzi e avremmo potuto continuare a crescere tanto insieme”.

“La vera bella notizia oggi è di essere tutti in salute – aggiunge il presidente Verissimo Marani – appena si potrà tornare alla normalità faremo i conti per chiudere questa stagione e inizieremo subito a pensare al futuro, non vediamo l’ora. Molto saggia la decisione di garantire continuità all’attività giovanile svolgendo il prossimo anno con categorie di annate dispari, così da non interrompere bruscamene i singoli percorsi di crescita. Cosa rimane di questi mesi? La consapevolezza di aver lavorato con degli ottimi gruppi, sia a livello di giocatori che di staff, e di aver fatto tutto il possibile per mettere in cassaforte le categorie. Certo avremmo preferito salvarci sul campo ma tant’è: ora questo liberi tutti d’ufficio mi costringe a tener fede alla promessa di portare la B al mare a mangiare il pesce e farmi tagliare il pizzetto dal capitano”.