“LE IENE SHOW”

ERA REGOLARE IL CONCORSO DA PROFESSORE GRAZIE AL QUALE L’ATTUALE PREMIER GIUSEPPE CONTE NEL 2002 FU PROMOSSO DA GUIDO ALPA?

NELLO STESSO ANNO, IN UNA CAUSA CONTRO LA RAI, CONTE E ALPA EMISERO UN’UNICA FATTURA O DUE SEPARATE?

GIUSEPPE CONTE: “È UNA PARTITA CHE DOVETE GIOCARE CON IL GARANTE. DA PARTE MIA MASSIMA TRASPARENZA”

ANTONINO MONTELEONE: “COSA C’ENTRA IL GARANTE? CI FACCIA VEDERE LA SUA FATTURA”

LE IENE COSTRETTE A FARE RICORSO AL TAR DEL LAZIO  PER AVERE LA DOCUMENTAZIONE
Nella puntata de “Le Iene Show” in onda ieri, domenica 20 gennaio, Antonino Monteleone è tornato a occuparsi della vicenda relativa al concorso da professore ordinario che l’attuale Presidente del Consiglio Giuseppe Conte vinse nel 2002 e che gli diede l’abilitazione necessaria a essere assunto all’Università di Firenze nel 2005.

Negli ultimi mesi, da alcune inchieste giornalistiche è emersa la sua particolare vicinanza professionale con il professor Alpa, uno dei commissari dell’esame: un rapporto che, seppur consentito all’epoca, oggi potrebbe causare dei problemi rispetto all’esito del concorso.

Monteleone si è concentrato in particolare sulla causa che nel 2002 Conte fece, assieme ad Alpa, alla Rai: entrambi difendevano come avvocati l’Autorità Garante della Privacy.
A ottobre Conte, incalzato dalle domande della Iena sulla collaborazione con Alpa, aveva dichiarato: “Il garante privacy, dovendo difendersi da una causa particolarmente delicata, ha conferito mandato a due professionisti, Giuseppe Conte e Guido Alpa. Quindi insieme ci siamo ritrovati a stretto fianco, a stretto contatto nel medesimo collegio difensivo. Abbiamo fatto le nostre difese, io ho fatturato per conto mio, Alpa per conto suo…”.

La Iena ha quindi cercato di verificare la reale esistenza di due fatture separate, documenti che dovrebbero essere facilmente reperibili sia per via della legge sulla trasparenza amministrativa, sia per il più recente FOIA: il freedom of information act italiano.

Al Garante è stata presentata da parte del professor avvocato Alpa formale opposizione all’istanza richiamata. Per questo motivo, la Iena ha deciso di fare ricorso al Tar del Lazio. E la causa verrà decisa a metà marzo.

Successivamente, l’inviato ha raggiunto uno dei protagonisti della vicenda, l’avvocato Guido Alpa:
Iena: Professor Alpa benvenuto da Parigi, come sta?
Alpa: Bene, molto bene.
Iena: Mi inchino per la seconda volta perché…
Alpa: Andiamo, perché mi hanno convenuto due volte in giudizio.
Iena: No, una volta.
Alpa: No, due.
Iena: Perché l’autorità per la garanzia e la tutela dei dati personali ci ha negato l’accesso a questa benedetta fattura del contenzioso tra l’Authority e la Rai. Perché il tema è: il professore Conte dice che avete fatto due fatture separate, ma è bastato il suo diniego perché non ci desse niente l’autorità. Ci è venuto il sospetto, sono due o è una la fattura professor avvocato Alpa? Perché se la fattura è una sola succede il patatrac, perché non solo il professore Alpa coinquilino di Conte ha giudicato Conte al concorso, quindi l’università dove il coinquilino giudica l’altro… ma soprattutto c’è il tema se questo studio era associato o no. Le fatture erano due o ha fatturato solo lei? Perché non si può sapere quale era la parcella che avete emesso professore? Ste fatture erano due o erano una, ci dia una parola (Alpa non risponde a nessuna di queste domande, ndr).

Infine, Antonino Monteleone ha cercato di ottenere risposte direttamente dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte:
Iena: Buongiorno Presidente.
Conte: Giorno.
Iena: Come sta? Buon anno.
Conte: Che mi vuole chiedere?
Iena: È un appello che facciamo al presidente del Consiglio per la trasparenza degli atti amministrativi.
Conte: Sì.
Iena: Lei si ricorda che c’ha detto “Io e il professor Alpa all’autorità per la privacy abbiamo fatto fatture separate” e invece l’autorità garante per la privacy ci dice che il professor Alpa si è opposto, ma che il professor avvocato Giuseppe Conte non ha fatto arrivare alcun riscontro.
Conte: Non mi sono opposto. Non è una partita che mi riguarda.
Iena: Ma lei riesce a superare questo ostacolo…
Conte: Dovete chiedere al garante.
Iena: …e fare lei massima trasparenza e darci queste fatture?
Conte: A parte che le fatture di quanti anni fa sono?
Iena: È del 2010 la fattura, quindi 10 anni di conservazione, ci siamo.
Conte: A parte guardi, è una partita che è giocata col garante e il professor Alpa ha fatto le sue valutazioni.
Iena: Se la fattura fosse unica professore…
Conte: Ascolti…
Iena: …è un patatrac…
Conte: Ascolti, non mi sono opposto, non ho nessun problema per quanto riguarda la trasparenza, però dovete chiedere al garante.
Iena: Ma no riguarda lei, la fattura che ha emesso lei.
Conte: Guardi, io su questa partita non ho preso assolutamente posizione, però siccome è documentazione del garante tra avvocato…
Iena: Ma non è che è una sola fattura presidente? Cioè eravate associati come avevate scritto nel suo curriculum…
Conte: Ho già detto che eravamo coinquilini, questo è un fatto vecchio.
Iena: Quindi all’università l’ha giudicato il suo coinquilino, ma nel frattempo è possibile che lei ci dia questa fattura così mettiamo una parola definitiva di chiusura? Perché se c’è anche la sua fattura, è come dice lei!
Conte: Io non…
Iena: Se c’è una sola fattura… Il patatrac.
Conte: Guardi, chiariamo questo punto: avevo facoltà di oppormi, non mi sono opposto, per me tutta la possibile trasparenza, ma non dipende da me.
Iena: La sua fattura ce la dia.
Conte: È del garante.
Iena: Ma non è che è una sola la fattura?
Conte: Quindi per me tranquilla trasparenza.
Iena: Ma è una sola o sono due?
Conte: Per me tranquilla trasparenza…
Iena: Presidente…
Conte: Però è una partita che dovete giocare col garante, io non mi sono opposto, per me va benissimo quindi.
Iena: Ma la sua ce la fa avere presidente?

Ufficio Stampa