Tutto quello che c’è da sapere sull’impegno richiesto ai freni delle SBK a Phillip Island
Ai raggi X l’impegno dei sistemi frenanti delle derivate di serie sul Phillip Island Grand Prix Circuit
Dopo la lunga pausa invernale, il Campionato del Mondo Superbike riparte dal leggendario Phillip Island Grand Prix Circuit. Dal 23 al 25 febbraio la pista australiana ospita il 1° appuntamento della stagione. Inaugurato nel dicembre 1956, è sede delle gare del Mondiale Superbike dal 1990. Con 53 gare ospitate, è la pista più utilizzata del Mondiale Superbike nonché l’unica dell’emisfero australe. La scelta di correre a febbraio, in piena estate, garantisce ai piloti temperature superiori a quelle che toccheranno alla MotoGP.  Nel 2015 le gare si sono disputate con 30 e 31 gradi (temperatura dell’aria) e nel 2016 con 22 gradi e l’anno scorso Gara 2 con 24 gradi. Naturalmente la temperatura dell’asfalto era molto più alta: nell’ultimo triennio non è mai scesa sotto i 36 gradi, arrivando a punte di 44 gradi.
Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con 16 piloti del Mondiale Superbike, il Phillip Island Grand Prix Circuit è in assoluto il circuito meno impegnativo per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 1, eguagliato solo dalla pista di Assen.
immagine
L’impegno dei freni durante il GP
I 4.445 metri della pista si snodano su 12 curve, metà delle quali sono posizionate nella sezione che arriva a lambire le gelide acque dell’Oceano Pacifico. I piloti fanno ricorso ai freni 7 volte ogni giro, numero che fanno segnare anche il Chang International Circuit e Donington Park Circuit. In Australia però il tempo complessivo di frenata è di 20 secondi al giro, a fronte dei 25 secondi della pista inglese e dei 26 secondi della pista tailandese.
Dal semaforo alla bandiera a scacchi i freni sono usati per poco meno di 7 minuti e mezzo e ciò evita il rischio di surriscaldamenti indesiderati.  Particolarmente contenuta è anche la decelerazione media: soli 1,06 g. Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva del freno dalla partenza alla bandiera a scacchi il valore sfiora i 6 quintali, equivalenti al peso di circa 51 koala maschi.
Le frenate più impegnative    IMMAGINE DEX
Delle 7 frenate del Circuit Phillip Island Grand Prix nessuna è considerata altamente impegnativa per i freni mentre 6 sono di media difficoltà e 1 è light.

La prima curva è la più impegnativa per l’impianto frenante, nonostante il ricorso ai freni sia contenuto a soli 2,6 secondi. Le moto però vi arrivano dopo aver toccato la punta di velocità massima del Mondiale Superbike, 312 km/h. Per scendere a 198 km/h le moto hanno bisogno di 173 metri, cioè una decina di metri in meno della lunghezza della Opera House di Sydney.