Dopo lo stop del secondo giro, l’azzurro alla ripresa  ha staccato il terzetto che l’aveva raggiunto
Francesco Molinari ha mantenuto con 138 (66 72, -6) colpi la leadership solitaria al termine del secondo giro del Wells Fargo Championship (PGA Tour), sul percorso dell’Eagle Point Golf Club (par 72) di Wilmington nel North Carolina.
Dopo che il secondo turno era stato sospeso per oscurità a causa dei ritardi dovuti a un temporale mattutino, Molinari, fermato sul “meno 5” all’11ª buca, condivideva la posizione con John Peterson, stesso score alla 12ª, e con Billy Hurley III (70 69) e con l’irlandese Seamus Power (68 71), che avevano terminato con 139.
Alla ripresa l’azzurro, nelle sette buche che gli rimanevano da giocare, ha segnato due birdie e un bogey che uniti ai due birdie e tre bogey realizzati in precedenza, gli hanno permesso con un 72 (par) di riportarsi in vetta. Lo seguono con 139 (-5) Bill Hurley III, John Peterson e l’irlandese Seamus Power, e con 140 (-4) Vaughn Taylor, Brian Harman, Grayson Murray, Nick Taylor, Ben Martin, lo svedese Alex Noren e gli spagnoli Jon Rahm e Rafael Cabrera Bello. Al 13° posto con 141 (-3) Patrick Reed, al 20° con 142 (-2) il nordirlandese Graeme McDowell, al 34° con 143 (-1) Phil Mickelson, e in forte ritardo l’australiano Adam Scott e Dustin Johnson, leader mondiale, al rientro dopo lo stop per un infortunio alla schiena, 56.i con 145 (+1). Il montepremi è di 7.500.000 euro.

Ufficio Stampa