CHI VINCE IN FRENATA IN AUSTRIA?
DOPO AUSTIN BREMBO TROVA LA RISPOSTA ANALIZZANDO I DATI DEL CIRCUITO DI SPIELBERG

MotoGP o Formula 1: quale delle due categorie raggiunge la velocità maggiore? E quale è più efficace in frenata? Dopo aver effettuato un primo confronto per la pista di Austin, azzardiamo un paragone anche per il circuito di Spielberg, il tracciato austriaco ha ospitato la Formula 1 il mese scorso e si appresta ad essere teatro della gara delle MotoGP.

L’obiettivo è verificare se quanto emerso ad Austin è frutto solo delle specificità del circuito texano o è confermato anche dal circuito austriaco.
Alcuni di voi potrebbero obiettare che il paragone non si pone, perché le caratteristiche fisiche dei due veicoli sono troppo differenti. Entrambe le serie rappresentano però la massima espressione della ricerca in ambito motoristico e pertanto il parallelo ci permette di scoprire quanto sono avanzate le due tipologie di prototipi.
Oltretutto Brembo è da decenni il fornitore dei team più importanti dei due campionati. Un ruolo che ci permette di presentarvi dei dati che vi faranno riflettere.
Prima di dare il là alla nostra inchiesta, precisiamo le caratteristiche tecniche dei due veicoli:

Formula 1    MotoGP
Peso    702 kg pilota incluso 157 kg pilota escluso
Motore    Turbo 1600 cc    Aspirato 1000 cc
Cerchi    13 pollici    17 pollici Larghezza Pneumatici anteriori 245 mm    125 mm
Larghezza pneumatici posteriori 325 mm    190 mm
Dischi    278 mm    340 mm

Escludendo dal conteggio i piloti, quindi, una monoposto di Formula 1 pesa il quadruplo di una MotoGP e vanta un motore decisamente più potente (grazie anche alla presenza dei motori elettrici). Naturalmente sono diversi anche i pneumatici: sia per numero (4 anziché 2) sia per dimensione del battistrada: le monoposto di Formula1 dispongono di gomme molto più generose rispetto alla MotoGP.
Ma oltre alla larghezza del battistrada ciò che differisce tra F1 e MotoGP è l’impronta a terra, cioè la superficie del pneumatico a contatto con l’asfalto, assai diversa per la differente costruzione di un pneumatico auto e di uno moto. Mentre nelle F1 la larghezza del pneumatico coincide con l’impronta a terra, nella MotoGP questa è solo una porzione della larghezza totale del battistrada.

Confrontiamo le loro prestazioni sul giro a Spielberg:

Formula 1    MotoGP
Miglior tempo sul giro 1’07’922 L.Hamilton 1’23’’240 A.Iannone

Confrontando il miglior giro ottenuto nel 2016 da L. Hamilton in qualifica e da A.Iannone nei test del mese scorso, il gap tra Formula 1 e MotoGp supera i 15 secondi.

I limiti delle MotoGP sono essenzialmente due:
il tempo necessario per diminuire la velocità quanto serve per affrontare le curve;
la velocità di percorrenza di curva.

Entrambi sono imputabili a diversi fattori tra cui principalmente:
A)    la differente dinamica dei due veicoli, perché la MotoGP deve tenere in considerazione il rischio di ribaltamento del mezzo;

B)    la sostanziale differenza dovuta al carico aerodinamico, inesistente su una MotoGP, ma che influenza pesantemente i valori di decelerazione di una F1;
C)    la notevole differenza dell’impronta a terra degli pneumatici dei due veicoli.

A chiarire il punto 1 bastano tre situazioni desunte dai dati che Brembo ha rilevato a Spielberg:

Formula 1 MotoGP Tempo di frenata alla curva 1 1,3 secondi 4 secondi Tempo di frenata alla curva 3 1,5 secondi 5 secondi Tempo di frenata alla curva 8 0,9 secondi 3,5 secondi

Rappresentativi del punto 2 sono invece queste frenate, sempre relative alla pista di Spielberg:

Formula 1 MotoGP Velocità di ingresso alla curva 1 113 km/h 97 km/h Velocità di ingresso alla curva 5 156 km/h 121 km/h Velocità di ingresso alla curva 8 179 km/h  134 km/h

Naturalmente anche gli spazi di frenata delle moto risultano più lunghi a Spielberg:

Formula 1 MotoGP Spazio di frenata alla curva 1 116 metri 210 metri Spazio di frenata alla curva 2 146 metri 250 metri Spazio di frenata alla curva 5 77 metri    144 metri

Non a caso, secondo gli ingegneri Brembo che seguono sul campo di gara le competizioni, ad Austin i piloti delle MotoGP spendono il X% della gara in frenata; mentre le Formula 1 solo il 17 %.   Una     differenza     che     determina      tempi      sul      giro      significativamente      differenti. La spiegazione è tutto sommato banale: le Formula 1 possono scaricare subito a terra tutta la coppia frenante, perché non hanno alcun problema di equilibrio; mentre i piloti della MotoGP devono dosare la  forza,  perché  con  due  sole   ruote   a   disposizione   il   rischio   di   ribaltarsi   è   alto.   Oltre tutto, le monoposto dispongono di una impronta a terra dei quattro battistrada che è ben oltre il quadruplo di una MotoGP: naturalmente, maggiore è l’impronta a terra maggiore sarà la possibilità di scaricare a terra la coppia frenante.

Per questa ragione, le decelerazioni di cui sono vittime i piloti sono in linea con le caratteristiche dei veicoli che guidano:

Formula 1 MotoGP Decelerazione media    4,4g    1,3g Decelerazione massima 5 g    1,5g

A differenza di Austin, il circuito di Spielberg comporta quindi un impegno per gli impianti frenanti differente tra auto e moto: gli uomini Brembo l’hanno inserito tra quelli di media difficoltà per la Formula 1 e tra quelli impegnativi per la MotoGP.

Cosa abbiamo imparato da questo nuovo confronto?
Austin non era un caso: in frenata le F1 sono significativamente più efficaci delle MotoGP e anche i il confronto sul circuito dello Spielberg lo conferma.

Ufficio stampa