Non lasciatevi ingannare dagli occhioni azzurri come il mare ed i setosi capelli biondi che fanno pensare a tanta dolcezza… in campo si trasforma e diventa una calciatrice grintosa che lotta come poche su ogni pallone. Sua specialità le scivolate alla De Rossi e, come per il campione giallorosso, è tale la sua velocità di azione che non sempre gli arbitri riescono a vedere se l’intervento è, o meno, sul pallone. Stiamo parlando di Noemi Carosi, giovane (ventunenne) centrocampista giallorossa. Per lei non si può parlare di conferma in rosa perché lei è la Roma femminile.
L’abbiamo raggiunta qualche minuto per parlare di pallone e della Roma femminile e gli occhioni le si sono illuminati. D’estate il campo le manca!!!
“Si può dire che io con la maglia della Roma ci sono cresciuta. La Roma è la mia seconda famiglia, da sempre e per sempre. Ho visto passare tanta gente, chi è rimasto, chi dopo poco ha deciso di andar via, ma tutti hanno contribuito alla crescita della squadra negli anni.
Sono passata dalla scuola calcio, alla primavera ed in un attimo è arrivata la prima squadra. Proprio come in un sogno, tutto ciò che ho sempre desiderato ce l’ho nelle mie mani. Anzi nei piedi! Grazie alla fiducia dei vari mister che si sono succeduti in giallorosso, ho fatto le mie esperienze in serie A (esordio a 14 anni) e sono cresciuta tantissimo.
Purtroppo come tutti i sogni ad un certo punto, mi sono svegliata di botto e con la retrocessione ed il cambio della presidenza siamo approdate in Serie C. Abbiamo affrontato anni duri e pieni di sacrifici.
A parer mio la passata è stata la stagione più bella ed emozionante. Non avevo mai fatto parte di un gruppo così unito ed intraprendente. Un po’ di amaro per il secondo posto è normale che ci sia, ma dentro ognuna di noi c’è una voglia di riscatto immensa che ci porterà a fare ancora meglio nell’anno che verrà.”
Grazie Noemi per il tuo grande impegno e immenso amore per i colori giallorossi.

Resp. Comunicazione
Roma calcio femminile
M. Quintarelli