Esordio amaro nei Play Off: biancazzurri sconfitti da Sora nelle volate dei 3 set

Globo banca Popolare del Frusinate – Volley Potentino 3-0
(25-20, 25-22, 25-20)

SORA: Fabroni 3, Mariano ne, Festi (U) 4, Lucarelli ne, Santucci (L), Bacca 3, Rosso 18, Hoogendorn 11, Buzzelli 2, Giglioli 2, Marrazzo (U), Mauti ne, Sperandio 6. All Soli
POTENZA PICENA: Cavuto (U) 11, Codarin 3, Pierotti 7, Partenio 4, Miscio ne, Cristofaletti 3, Calistri (L), Moretti 8, Ferrini (U), Biglino ne, Ippolito, Quarta 8. All. Graziosi
Arbitri: Oranelli e Bellini, entrambi di Perugia
Note: durata set 28’, 29’, 28’. Totale 1h 25’. Sora: errori al servizio 9, ace 3, muri 10. Potenza Picena: errori al servizio 15, ace 5, muri 7.

Il primo atto dei Quarti di Finale Play Off Promozione A2 UnipolSai va ai padroni di casa della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, più lucidi ed esperti nel gestire le fasi calde. Nella prima gara della serie il Volley Potentino cade in tre set, ma a testa alta, sul campo dei secondi classificati della Regular Season e mercoledì 6 aprile, alle 20.30, dovrà vincere con qualsiasi risultato tra le mura amiche per arrivare alla bella. L’eventuale spareggio è in programma per domenica 10 aprile alle 18 di nuovo al PalaPolsinelli di Sora. Il tabellone luminoso scandisce un punteggio finale fin troppo severo per l’equilibrio visto in campo nei singoli parziali. La truppa di Gianluca Graziosi non demerita, ma spreca diverse occasioni d’oro per invertire l’inerzia del match. Moretti e compagni si esprimono con grinta impegnando severamente il club ciociaro per quasi tutta la durata dei set, salvo poi incappare in errori determinanti nelle volate finali. Grande il rammarico per l’epilogo del secondo parziale, con i potentini avanti di tre punti (16-19) e poi rimontati con un 9-1 senza diritto di replica. Nell’arco dell’incontro i biancazzurri ritrovano Andrea Ippolito per qualche scampolo di gioco e indovinano il giusto approccio alla gara, ma ogni volta che riescono a costruire un “tesoretto” di punti, sistematicamente Rosso e compagni annullano il gap confermando una concentrazione e una forma impeccabili in questa fase chiave della stagione. Nonostante i riscontri dai 9 metri e la qualità della ricezione, i campioni in carica patiscono le buone percentuali di attacco dei padroni di casa, con Rosso best scorer (18 punti) e la tenuta del muro ciociaro nei momenti clou.

IL MATCH:

Il Volley Potentino si presenta in campo con la diagonale Partenio-Moretti, supportata da Quarta e Codarin al centro, Cavuto e Pierotti in banda, Calistri nel ruolo di libero. I padroni di casa schierano Fabroni al palleggio per l’opposto olandese Hoogendoorn, Sperandio e Giglioli al centro, Bacca e Rosso in banda, Santucci libero.

Avvio di gara equilibrato con le squadre che rispondono colpo su colpo. Un mini-break per parte e l’intensità degna di un Quarto di Finale (7-7). Quasi una partita a scacchi tra i padroni di casa e i campioni in carica della Serie A2, sotto di un punto al time out tecnico dopo la battuta a rete di Cavuto (12-11). Sulla conclusione fuori di poco di Codarin Sora trova un break 14-12. Il sestetto marchigiano resta in scia sul diagonale di Pierotti (20-19) e impatta con Partenio (20-20). La compagine laziale si costruisce un altro break a tempo record portandosi sul 22-20 con Hoogendoorn, mentre gli ospiti incappano in un fallo di doppia (23-20). La battuta di Pierotti sfila a fondo campo per il 25-22 che porta avanti la Globo. Qualche errore di troppo per Potenza Picena che attacca comunque con un buon ritmo ed è lievemente inferiore in ricezione, ma paga i due muri punto sorani. Buon impatto di Moretti con 6 punti. Si rivede Ippolito per qualche scampolo di gioco.

Nel secondo set Sora parte forte al servizio e crea subito un piccolo solco dopo la giocata di Hoogendoorn (7-4). L’infrazione di Rosso, il block di Codarin e un’ingenuità dell’attaccante olandese della Globo consento al Volley Potentino di pareggiare (9-9), mentre un’altra infrazione dei laziali consegna il quarto punto di fila con annesso sorpasso nelle mani di Moretti e compagni (9-10), che vanno al time out in vantaggio (11-12). Fase positiva per la squadra marchigiana avanti di tre punti grazie alle prodezze di Quarta e una conclusione errata di Hoogendoorn (13-16). Vantaggio subito polverizzato e nuovo pareggio dopo il tentativo fallito di mani out (16-16). Per Potenza Picena entra Ippolito al posto di Cavuto. Si avanza a strappi: biancazzurri di nuovo sul +3 grazie anche al servizio insidioso del nuovo entrato Cristofaletti che impegna gli avversari (16-19), ma come nella precedente situazione Sora trova l’aggancio in pochi scambi (20-20). Non passa l’attacco di Ippolito per il vantaggio dei ciociari, che allungano con due ace di Festi (23-20). Graziosi rimanda in campo Cavuto, ma Hoogendoorn gioca con le mani del muro per poi timbrare anche la giocata del ser (25-20). Determinante per gli uomini di Soli il contributo di Festi, entrato dalla panchina.

Braccio di ferro in avvio del terzo set come nel primo parziale (7-6). Potenza Picena vuole rimanere nel match e infila tre punti in successione (7-9), ma Sora non molla nulla e riagguanta il pari sull’attacco di Rosso (10-10). Terzo set altalenante con la Globo che mette il naso avanti al time out tecnico (12-11). Le due squadre giocano a corrente alternata (12-14), tanto che Sora, sfruttando il servizio float, perviene nuovamente al pareggio (16-16) e si porta avanti (18-17), per poi allungare con Hoogendoorn (19-17). Sul 20-19 Sora intravede il traguardo e spinge sull’acceleratore con Mattia Rosso in attacco e un muro ermetico (24-19). I biancazzurri annullano la prima palla set, ma capitolano per via di un’infrazione (25-20).

Ufficio Stampa Volley Potentino
Michele Campagnoli