Juve ha valori fortissimi, farà di tutto per portare a casa il risultato. Allegri ha una leadership spiccata”

Gian Paolo Montali, neo direttore generale del Progetto Ryder Cup 2022, ha concesso una lunga intervista a Sportitalia a margine della prima Riunione del Comitato Organizzatore. E’ stata l’occasione per parlare anche delle vicende delle sue ex squadre, Juventus e Roma.
Un giudizio sul campionato della Juventus. E ora c’è una sfida importante col Bayern… “Quello che sta facendo la Juventus è sotto gli occhi di tutti, sta dimostrando dopo la partenza che ha avuto di essere una squadra, una società, con valori fortissimi. E quello che tutti ci auguriamo è che possa imporsi anche nelle Coppe europee. E’ complicata, è difficilissima l’impresa a Monaco, ma credo che l’atteggiamento della squadra nella partita di domani giocherà un ruolo decisivo, di sicuro la Juventus come in tutte le occasioni farà di tutto per portare a casa il risultato. Poi nel mondo dello sport uno vince e uno perde”.

Massimiliano Allegri è la persona giusta per la Juventus?
“Sì, non so perchè non dovrebbe esserlo. Anzi, ha dimostrato nel tempo di avere una leadership spiccata, anche se la leadership non ha una caratteristica unica, si può essere leader con stili completamente diversi. Ci sono persone che hanno un modo duro, altri che sono più morbidi, mentali. Quello che conta per governare una squadra come la Juve è avere le idee chiare  e credo che Allegri ce le abbia”.

Spalletti ha centrato l’ottava vittoria con la Roma. E’ il leader di questa squadra?
“Spalletti è un amico e voi siete i primi che mi strappano una dichiarazione su Luciano, perchè non ne ho volute fare, non troverà niente detto da me da quando è tornato alla Roma. Voglio solo dire una cosa: ho trovato Luciano, che era già molto bravo, nettamente migliorato. Da quando è tornato dall’esperienza all’estero, non vedo più solo un allenatore di calcio, ma vedo una persona con una visione a 360° della gestione di una squadra. Sta diventando un manager vero, si capisce da come lo dico che mi piace l’imprinting che ha dato alla squadra. Molto dipenderà da quanto la società gli darà la possibilità di continuare su questo percorso. Gli faccio i complimenti perchè l’ho trovato migliorato tantissimo”.

Il terzo posto lo centrerà la Roma?
“Il minimo che può fare. Se va di questo passo, il Napoli deve stare attento”.