La vittoria della Coppa Italia da parte della Rari Nantes Bogliasco è un fatto storico, che va al di là del risultato sportivo. E’ l’espressione del lavoro, del sacrificio, dell’appartenenza, sono i valori di una piccola comunità, un’eccellenza che deve essere esportata.
Ci sono le dichiarazioni dell’assessore allo sport della Regione Liguria Ilaria Cavo e quelle del parlamentare e sindaco di Bogliasco Luca Pastorino.
E poi le emozioni delle protagoniste di questo splendido traguardo. Quasi tutte sono nate e cresciute nella Rari Nantes Bogliasco ma anche chi è arrivata da fuori ha trovato una grande famiglia che le ha accolte e fatte crescere. Non possono mancare le emozioni a distanza di Teresa Frassinetti che pensa a vincere con il 7Rosa ma è anche una delle tigri della Rarirosa.
La dichiarazione di Ilaria Cavo assesore allo sport Regione Liguria:-“Grandissimi complimenti a tutta la squadra. Questo successo è la dimostrazione di come anche da un paese piccolo si può arrivare in vetta, di come conta il gioco di squadra ed una comunità coesa. Alla società i complimenti perchè ha saputo sostenere le ragazze in un moment in cui non è facile supportare lo sport. Vi aspettiamo in Regione, nel nostro Spazio Aperto, il giusto riconoscimento a questo grande successo”.

La dichiarazione dell’onorevole Luca Pastorino, parlamentare e sindaco di Bogliasco:-“Massima  soddisfazione.  Oltre ai Trofei del Giocatore, i cinque consecutivi, ed è già un risultato clamoroso, questo è il primo riconoscimento di livello assoluto, dopo lo scudetto del 1981. Lo viviamo con grandissima è gioia, anche più di allora considerando il  contesto molto più difficile. Ha un valore assoluto perché è il primo Trofeo della squadra femminile e come sindaco viverlo è uno di quei motivi per cui il mandato si ricorda e si arricchisce di un altro momento importaste di cui vado molto fiero. Alle ragazze dico che sono state straordinarie,  siamo tutti con loro, e che hanno la fortuna di vivere il contesto di una società, come la Rari Nantes, che capisce ed investe. Questo  contribuisce ad arricchire la relazione che diventa un contesto familiare, dove ci sono tutti i valori dello sport a cominciare dalla bontà dello stare insieme. Il Bogliasco lo fa. Aspetto le ragazze, lo staff, i dirigenti, quanto prima, nella sede del Comune di Bogliasco, per abbracciare tutti”.

LE RAGAZZE DELLA RARIROSA

Carola Falconi capitano:-“Ce la siamo guadagnata, dal primo all’ultimo secondo di ogni partita, sono orgogliosa di questa Coppa Italia, di come l’abbiamo affrontata e vinta. Non mi sono  mai sentita così granitica, in un gruppo straordinario. La volevamo e ce la siamo andate a prendere. Sono orgogliosa di me e di come abbiamo lavorato, tutte insieme. Ringrazio tutti, il presidente,  Mario Sinatra, la società. Siamo contente: è un altro pezzo di storia per questa Rarirosa che mi fa venire i brividi”

Giulia Viacava:-“Un’emozione fortissima mai provata. Sono contentissima. Tutti i sacrifici sono serviti a qualcosa . La dedico alla squadra e alla mia famiglia. Una speciale per Teresa Frassinetti e Carlotta Malara”

Greta Gualdi:-“Bellissimo. La prima vittoria importante. E’ un’emozione forte e sono felice. La dedico a tutte le mie compagne di squadra”

Eugenia Dufour:-“Tante emozioni che non riesco nemmeno a descriverle. Sono a Bogliasco da una vita ed essere riuscite a portare a casa questa Coppa ha dello straordinario. La dedico ai miei genitori, in particolare a mia mamma”

Francesca Trucco:-“Un’emozione bellissima, la prima esperienza così forte. E’ impagabile per la portata dell’evento per come l’abbiamo vinto. Una squadra fantastica. La dedica è per le mie compagne, per mamma e papà perché ci sono sempre”.

Giulia Millo:-“Finalmente un grande risultato, sono felicissima e tutti i sacrifici si ripagano. Grazie a Mario per la pazienza e per la grinta che si ha trasmesso. Questa Coppa è anche di Teresa Frassinetti e Carlotta Malara”. 

Elena Maggi:-“Sono contentissima. Orgogliosa di tutto il Bogliasco, erano tutti qui, con noi, è bellissimo ed io sono molto felice. E la Coppa la dedico a noi stesse.

Rosa Rogondino:-“Siamo stupende e tutto questo è indimenticabile. Era un sogno che coltivavamo ed è diventato realtà. Abbiamo creduto tutte in noi stesse e nella squadra, grazie a Mario pee quello che ci ha insegnato e per la tanta fiducia che ha dato a tutte. Siamo proprio soddisfatte. La dedica è per la squadra e per i miei genitori, che sono venuti da Bari”

Virginia Boero:-“Emozioni fortissime. E’ il primo dei tanti obiettivi che vogliamo. Questo trofeo ci serve per far capire, prima a noi stesse, chi siamo e cosa valiamo. La dedica è per i miei genitori, a mia mamma in particolare, spesso sola perché papà ci segue e per i suoi sacrifici”

Giulia Rambaldi Guidasci:-“Sono felicissima e fiera di questa squadra. In un anno e mezzo siamo cresciute tantissimo e  tanto dobbiamo ancora crescere. La dedica alla squadra,  compresa Teresa il suo supporto è stato ed è fondamentale;  a Mario;  a tutta la società, erano tutti qui a Ostia, dal presidente, quella di Bogliasco è una realtà bellissima. E un pensiero particolare a mia mamma e mio papà”

Agnese Cocchiere:-“Vittoria stupenda, ci abbiamo creduto dall’inizio e meglio di così non poteva andare. Ci godiamo questa vittoria ma pronte per un altro successo, in Campionato, vogliamo lo scudetto.  La dedica a tutti coloro che mi hanno aiutato e  mi hanno fatto diventare come sono, a tutti i miei allenatori, a cominciare da Neyra Marsili”

Michela Crovetto:-“ Una grande emozione, con Viola siamo le più piccole, non ho parole per dire come mi sento. Avevo già giocato la fase a Rapallo, è tutto un sogno,  è bellissimo. Questa Coppa è per  tutte le mie compagne e per Mario”

Viola Franci:-“Tanta ansia ma alla fine una grande gioia. Non riesco a parlare per l’emozione. E la mia dedica è tutta per la squadra”

Benedetta Casareto:-“Un’emozione grandissima. Siamo una grande squadra anche se ci mancava Teresa.  Abbiamo dimostrato che ci posiamo prendere quello che vogliamo, non abbiamo mai perso la concentrazione. La dedico a Marco il mio ragazzo e alla mia mamma”

Teresa Frassinetti:-“Sono felice come se fossi lì. Sono veramente orgogliosa della mia squadra e della mia società. Mario si conferma un grande allenatore che, come sempre, in meno di due stagioni ha fatto crescere tantissimo un gruppo giovane e questo è solo l’inizio. Il lavoro paga sempre e questa deve essere una consapevolezza per le ragazze, per andare avanti, dopo il meritato risposo”

Ufficio Stampa Rari Nantes Bogliasco