La nuova società ha orientato il proprio impegno verso il rilancio dell’impianto di via dell’Acropoli
Intanto è stato presentato il nuovo logo societario e la collaborazione per uno stage internazionale

Sta prendendo forma il nuovo progetto sportivo e sociale della Vasari Arezzo Rugby Football Club. Oltre ai buoni risultati ottenuti sul campo dalle squadre giovanili, la nuova società ha rivolto il proprio impegno soprattutto verso il rilancio dell’impianto di via dell’Acropoli con l’obiettivo di farne un luogo sempre più aperto all’intero rugby cittadino. La struttura, ottenuta in gestione dall’amministrazione comunale, necessitava infatti di alcune migliorie per renderla maggiormente efficiente ed accogliente, dunque negli ultimi mesi la Vasari Arezzo Rfc ha proceduto a mettere in opera il proprio piano di manutenzione e di miglioramento. In questo senso, in occasione dell’amichevole delle nazionali Under17 di Italia e Francia, è stata installata una prima tribuna in ferro sul campo principale, sopperendo così alla mancanza di un posto da cui assistere alle partite. La club house, nel frattempo, ha ritrovato piena efficienza ed è tornata ad essere un luogo di aggregazione per gli atleti e per le loro famiglie, ospitando i terzi-tempi di tutte le partite casalinghe del Vasari Arezzo Rfc, del vecchio Vasari Rugby e degli Arieti Rugby. «Il nostro obiettivo – spiega il presidente Francesco Cherubini, – è di gestire in modo virtuoso l’impianto e di apportarvi continue migliorie per rispondere alle esigenze dell’intero movimento rugbystico cittadino».
L’intenzione di rafforzare la sinergia tra le società attive nell’impianto di via dell’Acropoli è espressa anche dal nuovo logo della Vasari Arezzo Rfc che riprende i disegni e i colori della tradizione trentennale del rugby aretino, dalla Chimera alla triade cromatica giallo-blu-amaranto. Da un punto di vista tecnico, infine, è stato raggiunto l’accordo per organizzare ad Arezzo un importante momento formativo come il primo stage estivo internazionale di rugby, un progetto creato dall’ex coach della nazionale italiana e francese Pierre Villepreux in collaborazione con un team di allenatori professionisti. L’iniziativa, in programma dal 26 al 30 giugno alla presenza di tecnici noti a livello mondiale come Lynn Evans e Ben Pegna, è rivolta agli atleti dai 9 ai 16 anni che desiderano migliorare il loro rugby e agli allenatori interessati a sviluppare una filosofia di gioco all’avanguardia basata su rapidità, immediatezza e divertimento. «Questo stage – afferma Dario Senesi, direttore tecnico della Vasari Arezzo Rfc, – ricalca l’impronta che vogliamo dare alla crescita e al gioco dei nostri ragazzi. Sarà un’occasione formativa importantissima per far vivere un ulteriore salto di qualità alla preparazione degli atleti e dei tecnici che potranno allenarsi e confrontarsi con un rugby di altissimo livello».

UFFICIO STAMPA