Sabato 5 e domenica 6 marzo

SABATO 5 MARZO

ore 16 – NEL PAESE DELLE NEVI. STORIA CULTURALE DEL TIBET DAL VII AL XXI

MAO – Presentazione del libro di Chiara Bellini

Nell’immaginario occidentale, il Tibet è associato al volto sorridente del Dalai Lama, a film come Sette anni in Tibet o ancora alle complesse e travagliate relazioni con il Governo di Pechino a partire dalla metà del XX secolo. Questo paese remoto e misterioso viene spesso percepito come il luogo per antonomasia della pace e dell’introspezione, della ricerca interiore. Tuttavia, talune di queste visioni, dove la storia si intreccia saldamente con il mito, possono diventare una gabbia per i tibetani, e rischiano di nuocere alla conoscenza sia della loro cultura, e alla sua divulgazione, sia del loro travagliato passato, segnato da numerose invasioni, guerre e dominazioni straniere. Il libro di Chiara Bellini, presentato al MAO Museo d’Arte Orientale sabato 5 marzo alle ore 16.00, ricostruisce i processi storici, politici e sociali che hanno modellato nel corso dei secoli la complessa e affascinante cultura tibetana, e si rivolge soprattutto a un pubblico non specialista ma curioso di conoscere una delle civiltà più suggestive dell’Asia. Al termine dell’incontro, Chiara Bellini condurrà una speciale visita guidata alla collezione himalayana del MAO (posti limitati, prenotazione obbligatoria).
Chiara Bellini è Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Storia Culture e Civiltà dell’Università di Bologna. Dottore di ricerca in tibetologia (Università di Torino), ha compiuto numerosi soggiorni di ricerca in Tibet, Ladakh, India, Nepal e Mustang. Si occupa in particolare di arte, storia e cultura religiosa dei paesi himalayani.

Incontro a ingresso gratuito fino esaurimento posti disponibili. Costi visita: € 4. INFO e prenotazioni: t. 011.4436927

DOMENICA 6 MARZO

ore 15.00 – 18.00 – EDUCATIONAL DAY

GAM – in collaborazione con AMACI

La GAM di Torino partecipa alla proposta partecipativa OSMOSIS di Valerio Rocco Orlando, l’artista invitato da AMACI a realizzare un intervento sulla fruizione del pubblico museale in collaborazione con i Dipartimenti Educazione dei Musei d’Arte Moderna e Contemporanea Italiani.

Appuntamenti:

Ricordi lo stupore del primo incontro?

Attività partecipativa con il pubblico adulto condotta dal Dipartimento Educazione GAM con gli studenti del Liceo Classico Massimo d’Azeglio di Torino e le stagiste dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino.

I ragazzi del Liceo d’Azeglio, coinvolti dal Dipartimento Educazione in un percorso formativo per farli entrare nel progetto OSMOSIS, hanno dialogato e riflettuto su questioni inerenti alla possibile relazione tra il loro vissuto personale e l’arte a partire dalla domanda Ricordi lo stupore del primo incontro?  L’interlocuzione è scaturita dall’intervista che Valerio Rocco Orlando ha realizzato alla GAM, durante il viaggio tra i musei italiani della rete AMACI. Il 6 marzo gli studenti insieme al personale del Dipartimento Educazione GAM entreranno in relazione con il pubblico proponendo un’attività partecipativa nelle collezioni GAM tra le opere d’arte moderna e contemporanea esposte nelle gallerie tematiche Etica e Natura. L’attività si concluderà con l’invito, rivolto ai visitatori, di esprimere un’opinione personale, attraverso la scrittura, scegliendo di rispondere ad almeno una delle domande chiave del progetto Osmosis, – Ricordi lo stupore del primo incontro? oppure L’arte ti appartiene?- questo feed back sarà consegnato all’artista e servirà a mantenere vivo il rapporto di scambio con lui.

Creative corrispondenze

Laboratorio a flusso continuo aperto a tutti anche alle persone con disabilità a cura del Dipartimento Educazione GAM con l’istituto dei Sordi per la traduzione LIS.

Il laboratorio che proponiamo per l’Educational day 2016 fa riferimento, in primo luogo, all’artista Alighiero Boetti, autore di interessanti Lavori postali che si caratterizzano come affascinanti giochi combinatori, lo stesso si può dire della sua Scacchiera del 1968 attualmente esposta nelle Collezioni GAM. Inevitabile è anche la connessione alla Mail Art introdotta negli anni Sessanta da Ray Johnson e George Brecht componenti di Fluxus, essi conferirono valore estetico alla trasmissione del “vissuto” attraverso la spedizione di originali lettere. Il movimento Fluxus ha recuperato l’ideologia dadaista, promuovendo una creatività sempre più libera con azioni sperimentali corrispondenti in paesi anche molto lontani, attuando così una forma di superamento delle distanze geografiche e culturali. Sulla scia delle suggestioni della Mail Art inaugureremo questo nuovo laboratorio accessibile a tutti grazie alla collaborazione dell’Istituto dei sordi che garantirà la traduzione LIS; l’obiettivo è incoraggiare il pubblico a venire al museo per un’azione collettiva facendosi coinvolgere dal Dipartimento Educazione GAM nell’elaborazione di lettere, buste, cartoline attraverso l’uso di timbri, materiali grafici e pittorici, il materiale prodotto costituirà il primo passo per avviare creative corrispondenze.

ingresso e attività Educational Day gratuite

ore 15.30 – FIABE SOTTO LE TORRI. Orchi, giganti, pentole e fagioli

Borgo Medievale – attività per famiglie

Dai racconti del cantastorie prenderanno vita Orchi e Giganti, creature dall’aspetto pauroso e spesso poco intelligenti. I bambini saranno coinvolti nella lettura di diverse fiabe arricchendole con canzoni, piccoli giochi e… magici fagioli!

Durata: 60 m.; dedicate ai bambini dai 3 ai 6 anni. Costo dell’attività: bambini € 5. Informazioni e prenotazioni: 0115211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com

ore 16.00 – ECCENTRICA NATURA

Palazzo Madama – visita guidata alla mostra

La vocazione scientifica  dei Granduchi di Toscana e la perizia didascalica e illustrativa del pittore Bartolomeo Bimbi (Firenze 1648 – 1723) sono alcuni degli argomenti trattati nel percorso di vista alla mostra. Attraverso la specifica competenza botanica della guida saranno illustrati  i dipinti realizzati  un tempo per villa La Topaia. Frutti, fiori e piante, dalle dimensioni e forme considerevoli e stravaganti, fanno bella mostra di sé, accompagnati da cartigli didascalici e piccoli animali. A concludere l’itinerario alcuni oggetti provenienti dalla collezione pomologia di Francesco Garnier Valletti, esempio di continuità della ricerca scientifica anche nei secoli successivi.

Costo: 4.00 euro (+ biglietto di ingresso). Informazioni e prenotazioni: 0115211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com

16.30 – IL DRAGO E IL FIORE D’ORO

MAO – visita guidata alla mostra

L’itinerario illustra una serie di opere tessili realizzate tra il XVIII e il XIX secolo per adornare le sale e i podi dei troni imperiali nella Cina dominata dalla dinastia Qing (1644-1911). I tappeti esposti, annodati in seta e metallo, rappresentano un nucleo consistente di tutti i tappeti imperiali Qing noti a livello mondiale. Attraverso le diverse sezioni della mostra saranno toccati argomenti quali l’uso cerimoniale del tappeto al tempo dei fasti della Città Proibita, il significato del microcosmo decorativo e figurativo dei manufatti ele tecniche e l’utilizzo sapiente dei colori.

Costo: 4.00 euro (+ biglietto di ingresso – gratuito per i possessori di Abbonamento Musei). Informazioni e prenotazioni: 011 5211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com

Ufficio Stampa

Fondazione Torino Musei