“it’s all about Art & Love”
Il film è prodotto e diretto da LISA IMMORDINO VREELAND, moglie del nipote del mitico direttore di Vogue  America  –  Diana  Vreeland,  e  autrice  del  film «Diana Vreeland: The Eye has to travel».

Il docu-film racconta magistralmente l’incredibile vita di Peggy Guggenheim, ereditiera americana che è diventata una figura centrale nel movimento dell’arte moderna. Mentre si muoveva attraverso il fermento culturale del 20° secolo, ha raccolto non solo l’arte, ma gli artisti. La sua colorata storia personale ha incluso figure come Samuel Beckett, Max Ernst, Jackson Pollock, Alexander Calder, Marcel Duchamp e innumerevoli altri.
Pur affrontando personali tragedie, Peggy ha mantenuto la sua visione per costruire una delle più importanti collezioni di arte moderna, ora raccolta nel suo palazzo veneziano.

Peggy Guggenheim non solo è stata un’appassionata collezionista e mecenate, ma anche figura cardine dell’arte del XX secolo, così carismatica da attrarre intorno a sé i talenti più importanti dell’epoca. Gusto per il bello, l’eccentricità e la fantasia sono le caratteristiche di tutta la sua vita, che influenzano anche la sua passione per la moda e gli accessori, come gli orecchini che per lei disegnano i suoi amici artisti Yves Tanguy e Alexander Calder.

Tra gli accessori che maggiormente hanno caratterizzato la sua curiosità e anticonformismo ci sono gli occhiali da sole. Ed ecco che negli anni ‘50 l’amico artista americano Edward Melcarth disegna per lei il celeberrimo modello a farfalla, un’icona che entrerà di diritto nella storia del costume. Originali e inconfondibili, gli occhiali divengono ben presto la firma di Peggy, l’espressione della sua filosofia, raggiungendo grande popolarità. Le formidabili linee d’ispirazione surrealista aprono ad un universo di creatività al di là delle convenzioni, dove curiosità, novità e

Un universo che è proprio di Safilo che, nel 1994, celebra l’iconico modello realizzando un omaggio a quello indossato da Peggy: un occhiale da sole da allora in vendita presso i bookshop della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia.
Vent’anni dopo, per festeggiare l’80° anniversario, Safilo dà vita a una nuova edizione numerata in acetato blu, con lenti specchiate in nuance e profili a contrasto nocciola, che donano all’occhiale i magici riflessi delle acque della laguna. In questi modelli, il valore dell’arte è esaltato dal savoir-faire manifatturiero, dal design senza tempo, dall’eccellenza di Safilo. Nel 2016 arriva una nuova versione colore, crema e avana, che segna con cadenza annuale una collectors edition.
Lisa Immordino Vreeland, regista e produttore dell’elegante e affascinante ritratto dell’ereditiera e collezionista americana, “Peggy Guggenheim: Art Addict” (nei cinema italiani dal 14 marzo, distribuito da Feltrinelli Real Cinema e Wanted) afferma: “Delle tante fotografie che  raffigurano  Peggy Guggenheim, quelle in cui indossa i famosi occhiali disegnati da Melcarth sono quelle che preferisco perché enfatizzano il suo stile eccentrico facendo prevalere una certa forza di carattere. Safilo si è
ispirata alla forza e all’indipendenza di Peggy, caratteristiche insite nell’etica del creatore di occhiali italiano, decidendo di entrare a far parte della sua storia. Perché non dare al resto del mondo l’opportunità di indossare i suoi occhiali iconici? Sono l’emblema dello stile nonostante esprimano una certa individualità. Peggy vedeva diversamente con questi occhiali? Vedeva forse uno splendido caleidoscopio dei suoi dipinti astratti e surrealisti? Chi li indosserà avrà la possibilità di entrare nel suo mondo fantastico? Una cosa è certa: quando Safilo ha deciso di realizzare questa edizione speciale l’intento era quello di condividere il suo spirito e il suo amore per l’arte.” E conclude: “Con il documentario Peggy Guggenheim: Art Addict raccontiamo in modo divertente la sua storia celebrando il suo grande talento. Indossando questo
modello rivisitato, chiunque potrà finalmente conoscere il mondo di Peggy Guggenheim ed entrare a far parte della sua storia.”

Ufficio Stampa