Arriva il #SicurEDU che informa i consumatori
Un percorso video, dal linguaggio facile e accessibile, aiuterà gli automobilisti che vogliono acquistare o trasformare la propria auto a GPL
Il progetto #SicurEDU, dedicato agli automobilisti e consumatori italiani che vogliono conoscere di più sui componenti dell’auto e la manutenzione, si arricchisce del nuovo capitolo dedicato al GPL per auto. Dopo lo scandalo Dieselgate, che ha recentemente stravolto il mondo automotive, oggi più che mai si parla di auto ecologiche e di ecologia. Lo speciale sul GPL per autotrazione, realizzato da SicurAUTO.it in collaborazione con le aziende leader del settore, svela tutti i segreti e le curiosità sull’alimentazione ecologica a Gas di Petrolio Liquefatti. Con questo speciale video SicurAUTO.it risponde a tutte le domande, anche le più semplici, che gli automobilisti si pongono prima di acquistare o trasformare un?auto a GPL. Un percorso di brevi interviste chiarisce quali vantaggi si ottengono trasformando un?auto a GPL, quali miti restano ormai un retaggio del passato e perché un?auto a GPL di nuova generazione non ha nulla da invidiare, in termini di prestazioni e sicurezza, ad una normale benzina.

Per realizzare il #SicurEDU SicurAUTO.it ha vestito i panni di un comune consumatore ed ha visitato ? in esclusiva – i laboratori BRC, dove nascono nuove soluzioni per il GPL, le linee di assemblaggio, dove il GPL incontra le auto KIA ECO-GPL+, il reparto corse BRC Racing Team, dove vengono testati e stressati i nuovi componenti, nonché le aree di test che mettono alla prova la sicurezza degli impianti e dei veicoli alimentati a Gas di Petrolio Liquefatti. Un aspetto che SicurAUTO.it non poteva assolutamente trascurare.

Il nuovo capitolo #SicurEDU sul GPL si aggiunge ai più recenti su: seggiolini per bambini (con Bébé Confort); lampade auto alogene, xenon e led (con Philips); tergicristalli (con Champion) e freni (con Ferodo). I lettori potranno consultare i video educational su ogni dispositivo (grazie alla tecnologia responsive) e potranno condividere i contenuti con amici e conoscenti grazie ai social. Tante nuove aree sono in arrivo nel 2016.

Ufficio Stampa