CF CAPRERA: Soldi, Verro (dal 19’ st Ambrosio), Balestri, Depalmas, Razzoli, Mannoni, Bruno, Casu, Grassino, Cutillo, Manno (dal 34’ st Tosi). A disposizione: Spano, Iuliucci, Putzu, Senes, Scanu, Tosi,    Ambrosio. All.: Andrea Pampaloni.

OROBICA CF: Salvi, Vezzoli, Gaspari, Fodri, Barcella (dal 35’ st Parsani), Merli Luana, Massussi, Brasi, Merli Cristina, Coffetti (dal 13’ st Asperti), Zamboni (dal 27’ Vavassori). A disposizione: Vavassori, Asperti, Quistini, Parsani. All.: Marianna Marini.

ARBITRO: Sig. Franck Loic Nana Tchato di Aprilia – GUARDIALINEE: Sig. Fabrizio Sebastiano Seu e Sig. Marco    Addis di Olbia.
MARCATRICI: 3’ pt Gaspari (O), 39’ st Merli Luana (O), 40’ st Massussi (O).     
AMMONITE: 19’ pt Zamboni (O), 10’ st Bruno (C), 14’ st Mannoni (C), 32’ st Merli Cristina (O).

L’Orobica batte il Caprera e si porta a ridosso delle capoliste ristabilendo una classifica che più le si addice. Eppure   la formazione di mister Marini dopo il vantaggio iniziale e due nitide occasioni per raddoppiare si é imbrigliata da sola con una condotta di gioco frammentaria e fitta di errori. Nella ripresa anche per l’inserimento di Vavassori e              soprattutto di Asperti le bergamasche hanno messo alle corde le sarde creando un numero impressionante di           occasioni fallite per proprio demerito ed anche per le belle parate di Soldi, comunque due delle quali sfruttate per     mettere al sicuro il risultato. La cronaca vede subito le ospiti in vantaggio al primo affondo: 3′ e palla da Merli Cristina in area per Gaspari che tocca di quel tanto per mettere fuori causa Soldi. Passano altri tre minuti e l’Orobica             potrebbe raddoppiare con Barcella che sola davanti al portiere le calcia addosso permettendole la respinta. Terza    occasione nel giro di otto minuti all’8′ e questa volta è Luana Merli a non superare il portiere avversario da distanza   ravvicinata.
Dopodiché si esaurisce la spinta delle bergamasche che faticano inspiegabilmente ad essere continue nelle trame di gioco e soprattutto nelle giocate piu semplici. Ciò permette al Caprera di uscire dal guscio anche se non                    pericolosamente come al 20′ con una punizione da fuori di Casu abbondantemente alta. Al 27’ entra Vavassori al     posto di Zamboni ammonita e un pò sottotono. Gli ultimi episodi della prima frazione di gara sono due conclusioni da fuori una al 43′ di Verro a lato e l’altra di Fodri al 45′ alta  sopra la traversa. Dunque squadre al riposo sul vantaggio Orobica.
Nel secondo tempo la musica cambia anche con l’innesto di Asperti al posto di Coffetti. Le bergamasche  si               ripresentano in campo con altro piglio e iniziano un valzer di occasioni. Si comincia al 10’: punizione  di Cristina       Merli, Vezzoli fa proseguire di testa Gaspari che a pochi metri dalla porta calcia incredibilmente fuori. Dopo una        punizione al 15′ di Merli a lato, Fodri al 18′ con un tiro dal vertice destro dell’area costringe Soldi a superarsi in          angolo. Il portiere sardo si ripete un minuto dopo su una conclusione da fuori di Barcella. Intermezzo sardo al 20′ con l’unico tiro di una certa pericolosità scoccato dal vertice sinistro dell’area da Grassino e deviato da Salvi. Bella          azione delle ospiti al 22′ con Gaspari che riparte dalla trequarti quindi palla a Luana Merli che cambia dalla parte       opposta con tiro finale di Cristina Merli sul fondo. Al 26′ ci prova Fodri con una punizione da 30 metri che finisce non distante dalla porta di Soldi. Continua il monologo dell’Orobica al 30′ quando Luana Merli ruba palla e si invola in      area ma invece di concludere serve Massussi ed un difensore mette in angolo. Passano tre minuti e Massussi entra  in area di rigore ed offre il più comodo degli assists a Luana Merli che con tutta la porta a disposizione tira addosso  al portiere avversario.
Altro pericolo per le padrone di casa al 34′ con Barcella che tira a botta sicura ma il suo tiro finisce di poco alto anche per l’intervento falloso di un difensore che avrebbe meritato la concessione di un penalty.
Per la botta la stessa deve lasciare il posto a Parsani. Ennesima occasione al 37′ per le ospiti con Massussi che ben servita in profondità da Luana Merli conclude a fil di palo. Finalmente al 39′ l’Orobica agguanta  il meritato doppio vantaggio con Luana Merli che su lancio di Cristina Merli questa volta non sbaglia e batte Soldi. C’è anche spazio per il   terzo goal al 40′ ed è di Massussi brava ad incunearsi sulla fascia destra e battere di precisione l’estremo difensore  sardo.
Dunque l’Orobica inanella la terza vittoria consecutiva che la proietta al terzo posto in classifica in coabitazione con il Meda e aumenta l’autostima delle ragazze che sono consapevoli che anche quest’anno potranno fare grandi,          sempre ponendo sempre la giusta attenzione ed applicazione. Nonostante il primo   tempo non sia stato dei migliori,  il secondo lo ha ampiamente compensato con  quella compattezza di gioco e agonismo che fanno della squadra     bergamasca una compagine difficile da affrontare.  Un plauso a tutte le giocatrici indistintamente perché tutte hanno contribuito ad un risultato molto importante per il prosieguo della stagione. Adesso dopo la sosta per la pausa           natalizia, il campionato riprenderà domenica 10 gennaio quando l’Orobica riceverà il Villacidro. Auguri a tutti.