3 a 1 col Femminile Nebrodi
Di Mariella Quintarelli

La trasferta siciliana in casa del Femminile Nebrodi si prospetta più difficile del previsto. Nel primo tempo la Roma calcio femminile gioca bene e crea molto, ma non riesce a mandare in rete la palla. Proprio alla fine della prima frazione di gara, al 42°, Federica Bevilacqua direttamente su calcio d’angolo sigla un bellissimo goal che manda in vantaggio la squadra giallorossa. Nel secondo tempo le padrone di casa si fanno più intraprendenti alla ricerca del pareggio e la Roma, dal canto suo, si innervosisce e non riesce a creare più occasioni per chiudere la partita. Si arriva così al 71° minuto di gioco quando il Femminile Nebrodi arriva giustamente e prevedibilmente al pareggio. Le giallorosse non ci stanno a pareggiare e con “testa e cuore” come vuole mister Seleman all’85° Vicentin (nella foto di Stefano Panella) riporta in vantaggio la sua squadra.  2 a 1. Le Siciliane però ancora non si arrendano e continuano a giocare fino a quando all’86°, durante il recupero, Francesca Pittaccio mette il suo sigillo sulla partita e la chiude di fatto sul tre a 1.
“Ci siamo complicati da soli la gara – dirà mister Seleman dopo la gara – Abbiamo fatto un buon primo tempo, ma dovevamo concretizzare di più…1-0 non bastava e nella ripresa loro hanno fatto dei grandi 25 minuti arrivando al pareggio anche in modo giusto. Noi eravamo nervosissimi, abbiamo completamente perso il controllo e non ci riusciva più nulla. Negli ultimi 10 minuti abbiamo ripreso la gara con la giusta concentrazione e l’abbiamo portata a casa con Visentin e Pittaccio. Aver preso quel goal, però,  mi ha rovinato una bella e difficile vittoria.
Dobbiamo lavorare…lavorare …lavorare….”