Serie D, Bra-Derthona 2-3

BRA: Diouf, Di Savino, Spera, Bottasso, Mazzafera, Prizio, Coccolo (20° st Sorato, 40° st Pirrotta), Dimasi (41° st Sardo), Ferrario, De Peralta, Erbini.
A disp: Carli, Massa, Ottonello, Cogerino.
Allenatore: Massimo Gardano.
DERTHONA: Ferraroni, Mechetti, Rubin, Procida, Mbodj, Gilio (43° st Romano), El Khayari, Dolce (7° st Noschese), Varela (35° st Diallo), Draghetti, Scienza.
A disp: Capra, Sinico, Echimov, Lejthija, Shehu.
Allenatore: Giancarlo Calabria.
Arbitro: Melillo di Pontedera (assistenti: Zingoni di Pontedera e Gilardenghi di Genova).
Marcatori:  24° pt e 16° st (rig.) Ferrario (B), 23° st e 38° st (rig.) Draghetti (D), 31° st Varela (rig.) (D).
Note: ammoniti Mechetti (D), Mazzafera (B), Coccolo (B), Dolce (D), Noschese (D), Prizio (B); espulso Mazzafera (B) al 48° st per doppia ammonizione.

Brutto scherzo degli alessandrini che, ieri pomeriggio, al Complesso sportivo Attilio Bravi hanno vinto in rimonta contro i giallorossi del Bra.
Nell’ultima partita casalinga del 2015 e penultima dandata, nessun punto per i padroni di casa. Anche sabato 23 agosto 2014, in Coppa Italia al Bravi, dal 2-0 iniziale per il Bra, finì con un 2-3 in favore del Derthona.
Un amarissimo remake, dunque, ma stavolta in campionato, nonostante uno straripante Carlo Emanuele Ferrario: per lattaccante braidese una doppietta che lo incorona sempre più bomber nella classifica marcatori, arrivato a 16 gol in 18 partite di Serie D.
Pubblico molto numeroso e caloroso sulle tribune dellimpianto di Bra (oltre 400 spettatori), con lundici allenato da Massimo Gardano sceso, così, in campo (nel classico completo giallo e rosso): Diouf (tra i pali), Di Savino, Bottasso, Prizio e Spera (difensori), Coccolo, Mazzafera e Dimasi (centrocampisti) con Ferrario, De Peralta ed Erbini nel reparto avanzato.
Derthona in completo nero con inserti bianchi.
Partita combattuta nei primi 45 minuti, con i giallorossi concentrati, combattenti e volenterosi.
Capitan De Peralta, al 10°, non trova lo specchio della porta da buona posizione ma quattordici minuti più tardi il Bra è già in corsia di sorpasso: slalom di Spera, entra in area e calcia di mancino, la palla timbra il palo e carambola sui piedi di Ferrario che da due passi mette dentro l1-0! Allo scadere del primo tempo, El Khayari coglie lesterno della rete, calciando da posizione defilata.
Traversa colpita dal Bra, con Di Savino, al 3° del secondo tempo: tiro-cross dalla fascia destra e pallone che sbatte sul legno orizzontale, a Ferraroni battuto.
Rigore assegnato ai giallorossi al quarto dora, su azione dangolo Erbini è ostacolato in area da Mechetti: sul dischetto si presenta Ferrario, destro angolato, Ferraroni tocca ma la sfera gonfia la rete, doppietta e 2-0!
Primo cambio Bra al 20°, fuori lacciaccato Coccolo (brutto intervento sulla caviglia, non sanzionato dallarbitro) e dentro Federico Sorato, centrocampista 1995.
Tre minuti dopo il Derthona accorcia le distanze: angolo di Scienza e Draghetti, di testa, anticipa tutti in area piccola e 2-1.
Mezzora di gioco e rigore per i tortonesi: punizione mancina di Scienza, Varela aggancia il pallone a pochi passi da Diouf, Bottasso lo affronta fallosamente e larbitro opta per il penalty che, al 31°, lo stesso Varela trasforma per il 2-2.
Sorpasso Derthona: al 37° tocco di mano (ma braccia vicine al corpo) di Prizio nei propri sedici metri su tiro di Draghetti e per il direttore di gara è rigore, messo a segno sempre da Draghetti al 38° per il 2-3.
I giallorossi tentano il tutto per tutto, con Pirrotta per Sorato (al 40°) e Sardo per Dimasi (al 41°); ma al 43° De Peralta, su lancio del neo-entrato Pirrotta, trova solo lesterno della rete con il destro, dopo una buona girata in area.
Nei cinque minuti di recupero, al 48° i padroni di casa restano in inferiorità numerica: secondo cartellino giallo e conseguente espulsione per Mazzafera.
Fischio finale e 2-3 che permette al Derthona (ora a 29 punti) di staccare i braidesi (fermi a quota 26).
Mister Massimo Gardano, nella conferenza stampa post-partita: Si sono visti i nostri limiti. Preso il loro primo gol, ci siamo intimoriti e la nostra fragilità è venuta allo scoperto, permettendo al Derthona di acquisire fiducia. Il 2-1 è stato come una valanga che scende dalla montagna. Per unora il Bra ha fatto una partita generosa, di volontà, corsa e sacrificio.
Domenica 20 dicembre (ore 14,30) è in programma lultima giornata dandata: i giallorossi saranno ospiti della Novese allo stadio Costante Girardengo di Novi Ligure (Alessandria).

Danilo Lusso A.C. Bra