Nonostante la sconfitta di misura sul campo dei Wasken Boys

Club Wasken Boys – Nuotatori Ravennati: 8 – 7 (4-2, 2-2, 2-2, 0-1)

Club Wasken Boys: Ruggieri, Vanelli, Grassi, Boccali (2), Pederzoli (3), Zucchelli, Tortelli (3), Favini, Boselli, Manfredi, Turelli, Vignali, Gallotti. All. Crimi.

Nuotatori Ravennati: Federici, Longo, Mazzotti, Patti, Catalano (1 gol), Bilotti, Vultaggio (1), Bagnari (1), Miglio, Pozzi (3), Cecconi, Gentile. All. Salomoni.

Arbitro: Maggi

L’ultimo atto del campionato di serie B prevedeva una trasferta molto difficile per i Nuotatori Ravennati: la visita al club Wasken Boys di Lodi, formazione che ha conquistato il diritto di giocarsi la promozione in serie A2 nei play off contro il Crocera Stadium.

I giallorossi si presentano con una formazione particolarmente giovane (3 atleti del 1999 a referto per coach Salomoni) a causa della squalifica di Petrelli e della indisponibilità di Bustacchini e subiscono la pressione degli avversari nei primi due quarti.

Con un arbitraggio di difficile comprensione per entrambe le squadre, i padroni di casa si portano in vantaggio con il punteggio di 4-2 alla fine del primo quarto, di Cecconi dal centro e di Vultaggio con un tiro dalla distanza le segnature dei ravennati.

Il secondo parziale si chiude sul punteggio di 6-4 con la rete di Pozzi in superiorità numerica e di Bagnari in contropiede proprio in chiusura di periodo dopo che i padroni di casa si erano portati sul +3 (6-3).

Salomoni: “Oggi abbiamo affrontato la partita con una formazione molto giovane chiamata ad affrontare una squadra forte fisicamente e molto esperta ed abbiamo tenuto il campo molto bene. Peccato per l’arbitraggio che, pur senza condizionare il risultato dell’incontro, è apparso decisamente non all’altezza della categoria.”

Due reti per parte anche nel terzo quarto (Pozzi e Catalano a segno per i giallorossi) e la partita si accende con qualche colpo di troppo da entrambe le parti, situazione gestita davvero in malo modo dal direttore di gara, Maggi, che non ha saputo controllare quanto succedeva in acqua.

Ultimo periodo molto equilibrato con una singola rete messa a segno da Pozzi (tripletta personale per lui) che poi viene espulso per una reazione (comunque non giustificabile) proprio dopo il gol a seguito di un brutto colpo ricevuto e incredibilmente non rilevato dal signor Maggi.

Salomoni: “Chiudiamo la nostra stagione al quinto posto e siamo soddisfatti, soprattutto pensando alle aspettative di inizio stagione. Avevamo l’incognita di amalgamare alcuni elementi nuovi con l’ossatura della squadra dello scorso anno ed il girone di andata è stato sorprendente per qualità di gioco e per risultati. La seconda parte della stagione, anche a causa di qualche infortunio di troppo, non siamo riusciti ad allenarci con la stessa continuità ed intensità ed abbiamo perso qualche punto di troppo. Abbiamo inserito nella rosa della prima squadra alcuni elementi molto interessanti del nostro settore giovanile e questo è un aspetto che a Ravenna è sempre stato guardato con grande attenzione.”

Nel weekend si sono svolti due incontri della categoria under 13 di Bustacchini e Bagnari. I piccoli giallorossi sono usciti sconfitti dalla trasferta di Faenza con il punteggio di 9-6 e contro la capolista Adria con il punteggio di 4-7.

Nella foto di Fabrizio Zani: Lorenzo Federici, ottima la sua prestazione contro il club Wasken Boys

Classifica finale:

CSO Pharmitalia Bergamo 54 punti

Club Wasken Boys 46 punti

Firenze Pallanuoto 31 punti

Vela Ancona 30 punti

Nuotatori Ravennati 26 punti

Modena Nuoto 23 punti

Piacenza Pallanuoto 21 punti

Mestrina Nuoto 18 punti

CUS GEAS Milano 18 punti

Nuoto Vicenza Libertas 0 punti