Gradita visita allo Stadio Martelli questa mattina, venerdì 8 maggio, da parte della squadra femminile di Serie A1 della Polisportiva Bagnolese di Tennis Tavolo. Dirigenti e giocatrici bagnolesi hanno incontrato in sala stampa il mister del Mantova Calcio Ivan Juric. La delegazione della Polisportiva Bagnolese era composta dal responsabile del settore tennis tavolo Paolo Frigeri, il segretario Carlo Zampolli e le giocatrici Yuan Yuan, Cristina Semenza e Lisa Ridolfi. L’incontro è stato fortemente voluto dalle due società, le quali hanno gli stessi colori sociali, principalmente per sostenere la Polisportiva Bagnolese impegnata domani sabato 9 maggio alle 18 a Bagnolo San Vito (palestra Scuole Medie) nella semifinale di andata per lo scudetto contro la sarda Tennistavolo Zeus. Il ritorno si disputerà in terra sarda sabato 17 maggio. Ivan Juric: “Non conoscevo la realtà del tennis tavolo, mi fa molto piacere che una squadra mantovana stia lottando ai vertici del loro campionato”.

Paolo Frigeri: “Una gioia per tutti gli sportivi mantovani. Noi come Polisportiva Bagnolese, insieme alla Sterilgarda, siamo le uniche due realtà lombarde nei playoff di Serie A1. Avere due squadre mantovane su quattro nei playoff è un risultato sportivo importante”.

Carlo Zampolli: “Ci riconosciamo molto nel cammino del Mantova Calcio. Con pochi mezzi abbiamo fatto un vero e proprio miracolo sportivo, proprio come ha fatto Juric con il Mantova”.

Yuan Yuan, ex Nazionale Cinese: “L’obiettivo stagionale era salvarsi e invece siamo arrivate ai playoff. Ora dobbiamo crederci”.

Cristina Semenza, veterana con 25 anni di esperienza: “L’anno scorso andò male contro le sarde, perdemmo entrambe i confronti. Questi play off sono molto importanti per la Bagnolese e possono rappresentare il rilancio della polisportiva in un momento difficile”.

Lisa Ridolfi, ex Nazionale Italiana: “Faccio i complimenti a mister Juric e al Mantova per la salvezza in campionato. Ci tengo a sottolineare che il tennis tavolo, e non ping pong, è uno sport come gli altri. Ad esempio io ho lasciato casa, Trieste, a 16 anni per trasferirmi in una società sportiva di Milano. Poi è arrivata la Nazionale. Dopo un anno a Bolzano ora sono alla Bagnolese e voglio vincere in terra mantovana”.

Alessandro Tanassi
Addetto stampa Mantova Calcio