Il nuovo Consiglio del Milano ’46 ha nominato presidente Alessandro Selmi, 37 anni, dirigente d’azienda, ex giocatore rossoblù tra il ’94 e il 2008. Selmi succede a Gianni Battaglia. Alessandro Selmi, 37 anni, milanese, dirigente d’azienda, una laurea in Storia, ex giocatore rossoblù, è il quindicesimo presidente del Milano Baseball 1946.

 

E’ stato nominato dal nuovo consiglio, insediatosi lunedì sera, e succede a Gianni Battaglia che ha retto la carica dal dicembre 2011 ad oggi. Selmi è il quinto giocatore del Milano a diventare presidente del club dopo Milesi, che fu uno dei fondatori, Lepetit, Fasani e Giulianelli, ma di tutti i presidenti con un passato da giocatore è quello che vanta più presenze in rossoblù: ben 308 (18° in assoluto per partite giocate nella storia del Milano) in 10 stagioni, tra il 1994 e il 2008. Nato a Milano il 23 luglio 1977, Selmi ha giocato nel ruolo di interno ed ha vestito anche le casacche degli Old Rags Lodi e del Bollate, chiudendo la carriera nel 2010 dopo 495 partite giocate. Con il Milano ha ottenuto due promozioni in serie A2 (nel ’95 e nel 2007) e una in serie A1 nel 1997.
Selmi diventa presidente in un momento di rilancio della società  ed ha posto al centro del suo programma la crescita del settore giovanile che, oltre alla quantità , dovrà  curare in modo particolare la qualità , per arrivare a fornire alla prima squadra il maggior numero possibile di giocatori cresciuti nel vivaio.

Elia PAGNONI
Ufficio Stampa