NEW FLYING BALLS – DESPAR 4T 74 84 (24-28, 13-14, 21-17, 16-25)

Despar 4T: Burresi 3, Bertocco, Fenati 5, Brandani 14, Parmeggiani 10, Lugli 3, Marchetti, Martini 2, Paquali 20, Magni 3, Agusto (k) 22. All: M.Cavicchioli, vice A.Fels
New Flying Balls: Pasquali 2, Verardi 5, Rorato, Mini 25, Rossi 8, Savic, Caprara, Regazzi 5, Guazzaloca 7, Martelli, Rambelli 9, Gianasi (k) 13. All: Grandi, vice Dal Pozzo

La Despar 4T sbanca anche Ozzano e ottiene così la sua settima vittoria consecutiva (decima se si considera la Coppa). Inizia così il commento della partita di sabato sera al Pala Gira, un incontro che, anche per l’atmosfera creata dai padroni di casa, si sapeva essere tra i più duri. Atmosfera o ambiente determinati da alcuni fattori come la voglia di riscatto dopo la sconfitta dell’ultimo turno e cercati come l’innesto di un giocatore come Marco Rorato, che col tempo saprà essere pedina fondamentale e alcune premiazioni nell’intervallo che hanno portato lo storico palazzetto ad essere quasi esaurito e molto caldo. In questo contesto i granata ferraresi dovevano dimostrare che la squadra da battere, per ora, sono loro. Occorreva quindi la determinazione e la sicurezza che solo le squadre che guadagnano, meritatamente, la vetta della classifica, hanno.

E così è successo. Si è vista una partita, sempre tirata nel punteggio ma per un buon ottanta per cento del tempo condotta con autorità dalla Cavicchioli band. I granata sono partiti alla grande e con azioni spesso da applausi, hanno concluso il primo quarto mettendo sui tabelloni del Gira un bel 28. A contrastarli la buona vena di Mini, Gianasi e Rossi che, grazie alle loro performance e ad alcune disattenzioni banali dei ferraresi, hanno compresso il divario delle due squadre alla fine del quarto a soli 4 punti. Nel prosieguo dell’incontro, prima della pausa lunga, vi è stata una sostanziale parità causa anche del freno ai canestri riscontrato (13 a 14), e si è andati quindi al riposo con un più 5 per Ferrara. Il terzo quarto è stato vinto da Ozzano 21 a 17. A nostro modo di vedere, più che per i meriti delle “palle volanti” ciò è stato il risultato di cinque minuti in cui a Ferrara pareva “scoppiato” il generatore di potenza. La squadra di capitan Agusto ha per alcuni minuti smesso di giocare la palla in attacco e ha cercato, spesso sbagliandole, soluzioni personali. Risultato, un break a favore degli ozzanesi di + 13. Il minuto chiamato da Cavicchioli ha però rimesso in riga i granata che hanno arginato la marea e chiuso il quarto in vantaggio di 1 (58 -59). Ultimo quarto della Despar da squadra leader che, rimettendo in ordine i valori in campo, ha chiuso la gara con un più 10 che, per noi, ci sta tutto. Per concludere anche ieri sera si è avuta la conferma che la vera forza della 4T 2014/2015 è il gruppo. Con una meravigliosa alternanza, di partita in partita, cambiamo i protagonisti ma non il risultato. Avanti così e pronti per la nova, imminente doppia sfida consecutiva in casa, cominciando a quella che tra quattro giorni (mercoledì 19 ore 21) la vedrà impegnata con un’altra brutta gatta da pelare, il Giorgina Saffi di Forlì. La spazzola è pronta.

Despar 4 Torri Ferrara
Ufficio Stampa