La società aretina è incappata in un’immeritata sconfitta a Piombino contro l’Union Tirreno

Il bel gioco e la crescita dei giocatori fanno ben sperare in vista dei prossimi impegni di serie C

Gli Arieti Rugby lanciano importanti segnali di ripresa. La squadra aretina, impegnata nel campionato regionale di serie C, è incappata in un’immeritata sconfitta a Piombino contro l’Union Tirreno al termine di una buona partita che ha mostrato margini di miglioramento da parte di tutti gli uomini scesi in campo. Gli Arieti sono partiti bene, mantenendo il possesso della palla e passando in vantaggio dopo pochi minuti con una meta del neo-capitano Francesco Roggi che ha finalizzato un’azione insistita degli avanti sulla linea avversaria dei cinque metri. La gara è poi proseguita nel segno dell’equilibrio, con gli aretini che hanno mostrato qualche difficoltà nel touche ma che hanno dominato in mischia chiusa e che sono stati protagonisti di una positiva prestazione difensiva sia della linea dei trequarti che della terza linea. Nonostante questo, il Tirreno è prima riuscito a pareggiare con una meta e poi a passare in vantaggio allo scadere del primo tempo. La ripresa è iniziata con una pressione insistita dei padroni di casa nell’area aretina, con il muro degli Arieti che ha retto e che ha ceduto solo intorno alla metà della seconda frazione a causa di una meta del Tirreno viziata da una posizione irregolare del portatore di palla. Sul 17-5 gli aretini sono tornati ad attaccare con insistenza e hanno sfiorato numerose mete arrivando ad un soffio dalla linea di fondo avversaria, pur senza riuscire a diminuire il distacco a causa della troppa veemenza e di qualche rimpallo sfavorevole. A chiudere la gara è stato un attimo di distrazione che ha permesso al Tirreno di realizzare una meta in contropiede che ha portato il risultato sul 22-5 tagliando le gambe agli aretini che, a causa della stanchezza per una partita tanto intensa e per la scarsità dei ricambi, hanno ceduto e hanno lasciato terreno agli avversari fino al 41-5 finale. «Un risultato bugiardo rispetto a quanto effettivamente visto in campo – commentano dalla società. – Gli Arieti hanno dimostrato di essere una squadra e da questa partita possono ripartire nel loro percorso di crescita collettiva e individuale». Gli Arieti scesi in campo a Piombino, allenati da Paolo Casalini, erano Gabriele Accioli, Giuseppe Avella, Stefano Burzi, Marco Cipriani, Matteo Celati, Alex Comorasu, Luca Cesari, Aniello D’Ambrosio, Beniamino D’Ambrosio, Aniello Farella, Alessandro Ferrettini, Mirko Fiacchini, Giacomo Parati, Luca Perferi, Gabriele Pierozzi, Sandro Ramazzotti, Francesco Roggi e Gabriele Tega.

Uffici Stampa EGV