Dopo il convincente esordio contro i Rhinos Milano i Giaguari Torino si confermano, vincendo il secondo match stagionale contro i Briganti Napoli, con un perentorio 45-14.
Come contro i Rhinos, la partita inizia con la difesa dei Giaguari che non concede nulla agli avversari, e con l’attacco giallo nero che segna sul primo drive offensivo: dopo una serie di corse di Mittasch, autore di una prestazione monstre che lo porterà a fine partita ad aver corso 196 yards in 15 portate, i giallo neri violano la endzone napoletana con un lancio di Morelli per Battista. Pronti via ed è già 7-0 per i Giaguari.
La difesa torinese continua con il suo perfetto lavoro, costringendo i Briganti al punt quattro volte consecutive, ma l’attacco si inceppa: in due drive consecutivi infatti i giallo neri non riescono a muovere l’ovale, prima a causa di un fumble di Morelli, che non riesce a controllare uno snap impreciso, poi grazie alla difesa napoletana che costringe i Giaguari al punt. I Briganti le provano tutte, ma il quarterback Palazzolo, che pure ha dimostrato di essere mobile e di avere un buon braccio, non trova varchi. Così sale in cattedra Mittasch, dando nuova linfa all’attacco dei Giaguari, che vanno a segno negli ultimi due drive del primo tempo. Il runningback ex Oregon Ducks si prende il meritato touchdown dopo una corsa da 19 yards, e quasi allo scadere si ripete l’accoppiata Morelli-Battista per il parziale 21-0 con cui si va al riposo. Nel terzo quarto i Giaguari chiudono i conti, mettendo a segno altre due marcature nel giro di pochi minuti. L’assoluto MVP della partita Niles Mittasch riceve da Morelli un passaggio corto, che trasforma in un’ubriacante volata in endzone da 53 yards e fa 27-0. Il preciso piede di Guidetti (anche ieri un perfetto 6 su 6 negli extra points) fissa il parziale sul 28-0.
Il kicker torinese diventa poi protagonista non solo grazie ai piedi: nel drive successivo infatti i Giaguari vengono fermati dai Briganti e costretti al tentativo di field goal.
Guidetti entra in campo per cercare di centrare i pali, ma lo snap è troppo alto: il kicker però non si fa prendere dal panico, controlla l’ovale e decide di andare al lancio: il tight end Flecchia è bravo a trovare un varco nello special team napoletano, riceve e segna.
Sul 35-0 la partita è virtualmente finita, e coach Merola, forse anche spaventato da un paio di infortuni occorsi a Torrente e Rossi (non ancora certa la diagnosi per entrambi) decide che è ora di far rifiatare i titolari e manda in campo le seconde linee.
Nel più classico del garbage time c’è spazio per due segnature napoletane, con Affede su passaggio di Palazzolo, e Lucarelli, che varca la goal line torinese con una corsa da una yard.
Nel mezzo un field goal di Guidetti, che concretizza con tre punti un buon drive orchestrato dal giovane quarterback Ligotti e imbastito principalmente sulle corse dell’elusivo runningback Lemnushi. Un’ultima emozione al nuovamente folto pubblico del Nebiolo la regala Chris Salvi, l’altro americano dei Giaguari: abbastanza insoddisfatto della propria prova difensiva, infatti, decide di rifarsi nel ruolo di punt returner, e trasforma il suo unico ritorno di giornata in un altro touchdown per i torinesi, fissando il punteggio sul definitivo 45-14.
Ovviamente soddisfatto a fine partita Niles Mittasch, che così commenta la prova della squadra: “Dopo aver vinto con i Rhinos non ci siamo seduti sugli allori, abbiamo lavorato molto in settimana per preparare questa partita e il campo ci ha dato nuovamente ragione. Ora però bisogna dimenticare in fretta anche questa partita e pensare alla prossima contro i Warriors Bologna. Loro sono una buona squadra, e per noi sarà la prima trasferta del campionato, quindi non dobbiamo abbassare la guardia”.
Della stessa opinione Renato Morelli, linebacker: “ Sicuramente la vittoria di oggi ci dà ulteriore consapevolezza delle nostre potenzialità, ma l’obiettivo non cambia: continuare a migliorare per arrivare nella miglior condizione possibile alle partite più dure, che saranno nella seconda parte del campionato”.
Dopo le due partite casalinghe i Giaguari dovranno adesso affrontarne altrettante in trasferta: sabato prossimo a Bologna contro i Warriors e settimana successiva a Bergamo contro i Lions. Due partite che potranno aiuteranno a capire le effettive ambizioni dei torinesi in questo campionato.

Ufficio Stampa Giaguari Torino