Lino Lardo (coach Pallacanestro Trapani): “Abbiamo affrontato una squadra veramente forte e in forma come Verona, con giocatori validissimi e un allenatore che li fa giocare bene. Noi non siamo nel nostro miglior momento, ma probabilmente anche se fossimo stati brillanti avremmo dovuto cedere contro un’avversaria così quotata. Tutto considerato, sono convinto che la mia squadra abbia fatto un’ottima gara e sono soddisfatto che i ragazzi abbiano mostrato ancora una volta di avere un’anima. Non ci arrendiamo, giocheremo le ultime quattro partite di campionato con lo spirito che ci ha contraddistinto finora e provando a mantenere la buona immagine che siamo riusciti a fornire per tutta la stagione”.

Alessandro Ramagli (coach Verona): “Paradossalmente, essere riusciti a costruire un vantaggio consistente sin dai primissimi minuti non ci ha favoriti nello svolgimento del match. Temevo un ritorno di Trapani e così è stato. Bisogna fare i complimenti ai nostri avversari che ci hanno fatto soffrire e hanno reso difficile questo successo, ottenuto su un parquet dove vincere è complicato per chiunque. Il nostro merito maggiore è stato non aver perso la lucidità anche quando l’entusiasmo e la pressione difensiva di Trapani hanno preso il sopravvento e ci hanno costretto a subire un break molto consistente, soprattutto nel secondo quarto. Proseguiamo nel nostro cammino consapevoli che la nostra squadra adesso deve lavorare per valorizzare i suoi pregi e nascondere i suoi difetti. Le ultime quattro gare saranno un vero antipasto dei playoff”.

Ufficio Stampa Pallacanestro Trapani