E’ un tecnico davvero speciale quello che quest’oggi prenderà la parola ai microfoni viola: mister Mario Manzo coach del Como, roccioso difensore tra gli anni ’80 e ’90 di Salernitana, Brescia, Como, Lucchese e Cesena.

Gentile, disponibile, con la disinvoltura che lo contraddistingue ogni volta che è chiamato ad intervenire negli usuali pre partita afferma senza mezzi termini:

“All’andata, a prescindere dallo score finale, notai un Firenze vitale: portato ad un frenetico agonismo, grintoso, voglioso di non mollare mai e di lottare su qualsiasi pallone.
Non nascondo: l’A.C.F., a mio personale parere, non troverà alcun problema nel salvarsi perché un collettivo che può vantare certe caratteristiche e ben determinate giocatrici, alla lunga, emerge sempre.

Per quanto riguarda noi, ultimamente, siamo migliorate esponenzialmente sia sotto il profilo tattico, sia sotto il profilo tecnico, sia ritrovando una forma fisica ottimale, poco consistente agli inizi di stagione.
Le ultime apparizioni hanno testimoniato un Como dinamico ed attivo, capace di insidiare qualsiasi avversario trovasse sulla propria strada.

Inutile dire che i novanta minuti tra lombarde e toscane saranno uno scontro diretto… Uno scontro diretto che farò di tutto per vincere!”

Ufficio Stampa: Mattia Martini.