ISLANDERS VENEZIA, ESORDIO AMARO A MIRANO: I DRAGHI PASSANO 19-6

Il TD di Sportillo illude i blu teal, ma l’attacco non gira e la difesa non regge l’urto friulano

Quarti

1

2

3

4

Finale

Islanders VE

6

0

0

0

6

Draghi Udine

0

7

0

12

19

1 quarto: 5’ TD Sportillo pass 44 yards Romanato.

2 quarto: 7’ TD Didoni pass 27 yards Simonetti e tr. Lius Della Pietà.

4 quarto: 1’ TD Didoni pass 5 yards Simonetti; 10’ TD Odiase corsa 1 yard.

Battuta d’arresto per gli Islanders Venezia che, all’esordio interno al Comunale di Mirano, cadono contro i Draghi Udine. Nella serata in memoria di Fabio Baggio, l’ex giocatore blu teal scomparso nel novembre 2013, gli isolani si arrendono 19-6 nella seconda giornata del Girone E del LENAF 2014 Seconda Divisione. Dopo il successo in trasferta contro i Cavaliers Castelfranco, gli Islanders sbattono contro la ruvida difesa friulana, che annulla l’attacco blu teal apparso non in grande serata. Così come la difesa, che non è riuscita a trovare i giusti adattamenti alle corse di Odiase e ai lanci del quarterback Simonetti. Un passo indietro per i ragazzi di coach Will Kreamer, chiamati ora al riscatto il 29 marzo quando faranno visita ai Muli Trieste, capolista solitaria del Girone E dopo aver battuto 37-6 i Cavaliers Castelfranco.

Cronaca. Il kick off degli Islanders dà il primo attacco ai Draghi che guadagnano terreno grazie alle corse, ma la difesa blu teal regge e costringe gli ospiti al primo punt. Sfruttando una serie di infrazioni friulane gli Islanders avanzano a metà campo e al 5’ colpiscono: il quarterback Romanato lancia 44 yards per Sportillo che sulla destra vola in end zone (6-0, trasformazione sbagliata). Il primo quarto scorre senza ulteriori sussulti. Il secondo si apre coi Draghi che sfondano con le corse dei running back Forgiarini e Odiase, ma Castellani e Matteo Cester placcano bene gli attaccanti arancioneri. I blu teal però sprecano perdendo palla, Udine inizia a mettere pressione portandosi nella red zone isolana e al 7’ approfitta della non perfetta difesa blu teal trovando il touchdown con Didoni su passaggio si Simonetti. Lius Della Pietà trasforma e i Draghi mettono la freccia 7-6. La reazione non arriva, anzi gli Islanders non riescono più a imbastire buone trame offensive.

Gli Islanders iniziano la ripresa sulle corse di Mattia Grassi e affidano le chiavi della regia a Jakaj che fa correre bene i ricevitori, peccato che Barbaro sprechi da buona posizione il field goal del possibile vantaggio. I Draghi selezionano bene i giochi offensivi alternando corse e passaggi, uno dei quali trova impreparata la difesa blu teal che si fa schiacciare nella propria red zone proprio sul finire del terzo periodo. E’ il preludio al touchdown friulano che, puntuale, arriva al 1’ con Didoni che riceve direttamente in end zone il lancio di Simonetti (13-6, trasformazione sbagliata). Jakaj prova ad accendere la luce innescando il solito Sportillo, ma la difesa dei Draghi è imperforabile (sugli scudi Roscani) e l’inerzia della gara è tutta a favore degli ospiti che infieriscono col terzo touchdown della serata (Odiase no trasformato) proprio sul finire del tempo.

Programma Week 3: Blacks Rivoli-Daemons Martesana 35-20; Skorpions Varese-Blue Storms Busto Arsizio 23-0; Barbari Roma Nord-Legio XIII Roma 41-0; Asd AFT Catania-Cardinals Palermo 37-48; Guelfi Firenze-Grizzlies Roma 28-12. Girone E: Islanders Venezia-Draghi Udine 6-19; Muli Trieste-Cavaliers Castelfranco 37-6. Classifica Girone E: Muli 4; Draghi e Islanders 2; Cavaliers 0.