Due partite, due vittorie. Egger e compagni, dopo aver superato il Sapa Fehervar davanti al pubblico amico, concedono il bis in trasferta, nella seconda gara della serie di quarti di finale. I biancorossi si impongono con il punteggio di 4:2.

Per la trasferta in terra ungherese coach Tom Pokel può ancora contare su tutti i suoi effettivi, riproponendo, sostanzialmente, le medesime linee di gara 1. A differenza dell’incontro del PalaOnda, però, le risposte sono immediatamente positive, con i Foxes che passano in vantaggio alla prima situazione di superiorità, affidandosi a Ziga Pance. Anche i padroni di casa, a metà frazione, possono contare su 2 minuti di superiorità, non riuscendo però a fare male dalle parti di Hübl. A segnare, allora, sono ancora i biancorossi, i quali, al 19.37, raddoppiano grazie a capitan Alexander Egger.

La sosta risulta comunque salutare per la formazione guidata da Raimond, che, alla ripresa delle ostilità, accorcia prontamente le distanze con Bryan McGregor. Il risultato rimane in bilico sino alle battute conclusive del periodo centrale, quando si registra la terza marcatura dell’HCB Alto Adige. A portare i biancorossi nuovamente sul più due ci pensa il difensore Sebastien Pichè, al suo undicesimo gol stagionale. Il botta e risposta, in ogni caso, non si esaurisce qui. I magiari tornano in scia al 47.57, in situazione di penalità differita, con il Bolzano che è comunque pronto a rispondere, esattamente un minuto più tardi, con un altro terzino, Hannes Oberdörfer. L’ultimo pericolo, per la squadra altoatesina, si concretizza al 51esimo, momento in cui Trenton Whitfield è costretto a sedere in panca puniti per 2 minuti. Il Sapa Fehervar, in ogni caso, non passa più ed i Foxes possono festeggiare il punto del 2:0.

SAPA Fehervar AV19 – HCB Alto Adige 2:4 (0:2, 1:1, 1:1)

Sapa Fehervar AV19: Hetenyi (Balizs); Sziranyi-Jackman, Sertich-Hetenyi, Varga-Kiss, Pozsgai; Benk-Sarauer-Banham, Kovacs-Yellow Horn-Naglich, Mihaly-McGregor-Magosi, Toth-Nemes-Nemeth;

Coach: Marty Raimond

HCB Alto Adige: Hübl (Hell); Egger-Nicoletti, Pichè-Tomassoni, Oberdörfer-Charlebois, Miglioranzi; Strömberg-Sharp-Santorelli, Pance-Whitfield-Lalibertè, Insam-Bernard-Gander, J.Esposito-Schofield-Zisser, A.Esposito

Coach: Tom Pokel

Reti: 0:1 Ziga Pance (5.07), 0:2 Alexander Egger (19.37), 1:2 Brian McGregor (21.46), 1:3 Sebastien Pichè (37.05), 2:3 Andrew Saurer (47.57), 2:4 Hannes Oberdörfer (48.57)

Serie “best of seven”: 0:2 (2:3 d.t.s.; 2:4)

EBEL, gara 2 playoff quarti di finale (best of seven)


EC Villacher SV – UPC Vienna Capitals 5:2 (1:0, 2:1, 2:1)

1:0 Brock McBride (6.19), 2:0 John Hughes (26.34), 3:0 Patrick Platzer (28.50), 3:1 Rafael Rotter (32.32), 4:1 Curtis Fraser (46.59), 4:2 Jonathan Ferland (56.31), 5:2 Derek Ryan (59.20)

Serie “best of seven”: 1:1 (2:4, 5:2)

 

EHC Liwest Black Wings Linz – HC Orli Znojmo 6:5 d.t.s. (2:1, 3:2, 0:2, 1:0)

0:1 Ondrej Fiala (0.56), 1:1 Patrick Spannring (2.04), 2:1 Jason Ulmer (8.56), 3:1 Brian Lebler (20.43), 4:1 Daniel Oberkofler (20.51), 4:2 Antonin Boruta (21.21), 4:3 Michael Kolarz (28.29), 5:3 Patrick Leahy (39.54), 5:4 Jan Lattner (48.11), 5:5 Jan Lattner (53.28), 6:5 Gregor Baumgartner (64.30)

Serie “best of seven”: 1:1 (3:4 d.t.s.; 6:5 d.t.s.)

 

Dornbirner EC – EC Red Bull Salzburg 5:4 (2:0, 2:2, 1:2)

1:0 Martin Mairitsch (9.18), 2:0 Brett Sonne (16.39), 3:0 Graham Mink (34.08), 3:1 Konstantin Komarek (35.00), 3:2 Mark Cullen (35.48), 4:2 Graham Mink (39.08), 5:2 James Arniel (44.58), 5:3 Thomas Raffl (49.37), 5:4 Garrett Roe (53.25)

Serie “best of seven”: 2:0 (3:2 d.t.s.; 5:4)