Under 21: battuto il Catanzaro, il Tierre Sant’Isidoro può far festa

Quando una società di sani principi e di sani valori ha come scopo principale quello di crescere, rinnovarsi, crearsi un futuro, non può che puntare tutto, o quasi, al settore giovanile. Con la promozione in serie B, automaticamente al Tierre Sant’Isidoro era stato chiesto di formare una nuova Under 21, che avrebbe dovuto disputare un campionato nazionale con squadre blasonate facenti parte di questo mondo da diversi anni. Questo progetto è nato ad agosto ed è stato affidato a mister Gaetano Conti Guglia. Nessun obbligo, nessuno scopo di classifica per la società. Solo quello di formare dei calciatori pronti per un futuro più prossimo possibile e un piazzamento dignitoso in classifica, senza star lì a sindacare più di tanto. Partiti assolutamente da zero, con ragazzi del posto senza alcuna esperienza nazionale e pochissima regionale, mister Conti Guglia e il suo staff hanno creato un qualcosa di incredibile e non pronosticabile. Obiettivo raggiunto in pieno, anzi. Ad una giornata dalla fine i terribili ragazzi dell’Under 21 del Tierre Sant’Isidoro si sono matematicamente assicurati la terza posizione in classifica, alle spalle della corazzata Acireale e a soli 3 punti dall’Augusta, ancora raggiungibile per un eventuale secondo posto che avrebbe del clamoroso. Clamoroso in quanto i biancorossi si sono messi alle spalle realtà come il Futsal Melito, il Fata Morgana, il Città di Villafranca, il Viagrande e per molti mesi della stagione hanno lottato alla pari con Acireale e Augusta, vere e proprie istituzioni del calcio a 5 nazionale. Inoltre, alcuni calciatori di mister Conti Guglia si sono messi in luce anche con la prima squadra di mister Tripoli, che diverse volte ha attinto dal serbatoio dell’Under 21, dimostrando che al suo interno esistano personalità compatibili con la serie B. E se l’obiettivo principale della società Tierre Sant’Isidoro è quella di crearsi un futuro in casa, non può che essere orgogliosa per quello che i ragazzi del gruppo Under 21 hanno creato e stanno continuando a creare in questa stagione.

Passando alla cronaca del match, i bagheresi dovevano vedersela contro il Catanzaro, squadra relegata nella zone meno nobili della classifica ma non per questo arrivata a Bagheria da sconfitta. Durante i primi minuti di gioco, infatti, gli ospiti hanno mostrato personalità e spigliatezza, giocando sin da subito con il portiere in movimento creando qualche scompiglio ai ragazzi bagheresi. Meritatamente, infatti, gli ospiti sono riusciti a passare in vantaggio quando il cronometro segnava il 5’ minuto. Il pareggio da parte dei padroni di casa è tuttavia repentino e porta la firma di Di Salvo, bravo a rubar palla in mezzo al campo e a trafiggere il portiere ospite dalla distanza. Passano pochi secondi e Gullo sfrutta alla perfezione uno schema da calcio d’angolo scaricando in rete il pallone del 2-1. Il Catanzaro, tuttavia, non demorde, attacca e perviene al pareggio sfruttando un errore in disimpegno da parte dei padroni di casa. La prima parte di gara sembra incanalata sul punteggio di parità, ma è Pisciotta, tra i migliori in campo, a riportare i padroni di casa in vantaggio: assist a tagliare il campo da parte di Di Salvo e tocco sotto di Pisciotta ad eludere l’intervento del portiere avversario. Sul finale di prima frazione entra in campo Zizzo, decisivo come nelle ultime uscite del Tierre Sant’Isidoro. Il giovane pivot bagherese si trova al posto giusto nel momento giusto quando il pallone rimbalza dinanzi a lui: botta all’angolino e 4-2. Ad un minuto dalla fine il Catanzaro avrebbe l’opportunità di accorciare ulteriormente le distanze, ma Maggio chiude lo specchio della porta a tu per tu con l’avversario deviando il pallone in calcio d’angolo.

La ripresa si apre con gli ospiti in possesso del pallone cercare di scardinare la difesa casalinga, ermetica per buona parte della seconda frazione. I padroni di casa si dimostrano concentrati e ficcanti nelle ripartenze. In una di queste, Pisciotta semina il panico e serve Cannata, freddo e preciso a superare l’estremo difensore calabrese per il momentaneo 5-2. Pisciotta è in forma e si vede. L’universale bagherese segna e fa segnare e, dopo Cannata, serve un pallone d’oro anche a Scianna: 6-2 e palla al centro. I bagheresi arretrano il loro baricentro di gioco e il Catanzaro ne approfitta. Quando mancano 3 minuti alla fine del match, gli ospiti accorciano le distanze siglando la rete del 6-3 e del 6-4. C’è ancora tempo e spazio, tuttavia, per assistere alla splendida realizzazione da parte di Scianna: sombrero all’avversario e conclusione di sinistro che bacia il palo e termina in rete. E’ l’epilogo del match, terminato 7-4. Da segnalare, nel finale, l’esordio di Sciortino, classe ’96, tra i pali.

Prossimo appuntamento in programma domenica, alle ore 11, in trasferta contro il Viagrande Catania.

Addetto stampa

Salvatore Orifici