Altra serata magica al Palaonda di Bolzano, con la formazione del capoluogo che supera per 6:2 il Villach ed aggancia il Salisburgo al secondo posto della classifica del Pick Round.

L’unico assente in casa biancorossa è John Esposito, mentre, sul fronte austriaco, spicca la presenza in porta di Höneckl al posto di Lamoureux. L’avvio del goalie ospite non è dei più semplici, perché ai Foxes bastano appena un minuto e 33 secondi per passare a condurre. Ripartenza veloce di Markus Gander che cede ad Angelo Esposito, il quale, ben appostato, mette dentro il suo primo gol stagionale. Egger e compagni non si accontentano e, al 3.31, raddoppiano grazie a Whitfield, servito in maniera ineccepibile da Beaudoin. Il Villach fa fatica a reagire, anche quando si trova a giostrare con l’uomo in più, e così, durante il primo powerplay a favore, è ancora il Bolzano a farsi notare in avanti, con Nicoletti che centra la traversa con una botta dalla distanza. Al 16simo altro montante colpito dai biancorossi, nella circostanza da Beaudoin.

La sosta sembra aiutare il Villach, che, in avvio di secondo tempo, appare più spumeggiante rispetto ai primi 20 minuti. Si tratta però di un fuoco di paglia, visto che i padroni di casa tornano a fare male in avanti. Trent Whitfield sfiora la doppietta personale addirittura in inferiorità, ma il gol del 3:0 è nell’aria e lo realizza, poco dopo, Mark Santorelli. Al 28.28, in situazione di 5 contro 4, i ragazzi di Pokel calano pure il poker: passaggio di Piche per la deviazione precisa, sotto l’incrocio dei pali, di Schofield. L’arrembaggio dei bolzanini prosegue incessante, anche se, al 35.08, c’è da segnalare una fiammata vincente degli ospiti, che, come da tradizione, si affidano a Derek Ryan, il quale, di rovescio, accorcia le distanze. A 4 minuti dal termine della seconda frazione la gara viene interrotta per un calo di tensione all’impianto di illuminazione. Le squadre guadagnano anzitempo gli spogliatoi, per rientrare e disputare un tempo allungato, che inizia con il piede sbagliato per i biancorossi, i quali incassano immediatamente il secondo gol della serata, dalla stecca di Eric Hunter.

La paura, in ogni caso, dura davvero poco, visto che, in quelle che sono le battute iniziali del terzo periodo, l’HCB Alto Adige mette a segno un terrificante uno-due che spegne le velleità degli austriaci. Autori delle realizzazioni che mettono la parola fine sulla contesa sono Baudoin, prima, e Pance, poi.

HCB Alto Adige – EC Villacher SV 6:2 (2:0, 2:2, 2:0)

HCB Alto Adige: Hübl (Hell); Egger-Nicoletti, Piche-Tomassoni, Charlebois-Oberdörfer, Miglioranzi; Strömberg-Sharp-Santorelli, Pance-Whitfield-Beaudoin, A.Esposito-Bernard-Gander, Zisser-Schofield-Insam, Wunderer.

Coach Tom Pokel

EC Villacher SV: Höneckl (Lamoureux); Pretnar-Hotham, Jarrett-Unterluggauer, Altmann-Bacher, Brunner-Steiner; Pewal-Hunter-Peintner, Fraser-Ryan-Hughes, Platzer-Göhringer-Nageler, Gelvanov-Alagic-Rauchenwald.

Coach: Hannu Järvenpää

Reti: 1:0 Angelo Esposito (1.33), 2:0 Trent Whitfield (3.31), 3:0 Mark Santorelli (26.17), 4:0 Rick Schofield (28.28), 4:1 Derek Ryan (35.08), 4:2 Eric Hunter (36.52), 5:2 Mathieu Beaudoin (41.17), 6:2 Ziga Pance (43.29)

Quinta giornata Pick Round – Giovedì 30 gennaio

HC Orli Znojmo – EC Red Bull Salzburg 3:0 (0:0, 0:0, 3:0)

1:0 Adam Havlik (53.54), 2:0 Jan Lattner (58.34), 3:0 Martin Podesva (59.54)


EHC Liwest Linz – UPC Vienna Capitals 0:3 (0:2, 0:0, 0:1)

0:1 Justin Keller (4.07), 0:2 Dustin Sylvester (8.44), 0:3 Justin Keller

La classifica del Pick Round:

1. UPC Vienna Capitals 10 punti                            
2. HCB Alto Adige 9 
3. EC Red Bull Salzburg 9                                              
4. HC Orli Znojmo 6                                 
5. EHC Liwest Linz 5 
6. EC Villacher SV 4

Ufficio Stampa