Immobiliare Neve Diavoli Vicenza conquista i tre punti fra le mura di casa con il risultato di 5-3 contro la neo promossa Cus Verona. I vicentini, decimati ed acciaccati, mettono al sicuro la vittoria

con un bel primo tempo, giocato su buoni ritmi, con tante azioni ed occasioni che si traducono nei cinque gol della partita e in altre belle azioni sulle quali gli avversari riescono con difficoltà ad opporsi. Nel secondo tempo i Diavoli calano un po’ sul piano fisico e della concentrazione e Verona comincia a prendere le misure facendosi più pericoloso e tentando una rimonta alla quale si oppongono Alberti prima e il secondo portiere vicentino Guglielmi poi e una grande determinazione da parte di tutta la squadra.
Onore ai veronesi che non hanno mai mollato, ma plauso ai Diavoli che hanno saputo supplire alle assenze e a qualche problema fisico con il carattere che li contraddistingue.

 

Nella prima frazione di gioco, i primi a rendersi pericolosi sono i veronesi con Begali e Carrer, vivaci e pungenti per tutto l’incontro, ma appena i Diavoli prendono le misure ed entrano in partita con una bella azione Stella/Roffo vanno in gol con il capitano biancorosso. La coppia d’attacco della prima linea fa bis poco dopo ai sei minuti di gioco con gol di Stella ben servito da Roffo. Verona chiama il time out, ma passa meno di un minuto e Vicenza va ancora vicino al gol con un’azione fotocopia della precedente alla quale risponde in qualche modo la difesa veronese. Occasioni anche per Maran e Pozzan che non trovano la zampata vincente, come anche il capitano vicentino su assist di Stella: un po’ per imprecisione e un po’ per la bravura di Ognibeni il disco non entra. Ma Verona ogni tanto si fa vedere dalle parti di Alberti, sempre attento, e salvato dal palo più o meno a metà primo tempo. Gli ospiti non riescono ad approfittare del power play, fuori Corradin, che appena rientrato si trova solo davanti al portiere, ma la sua conclusione non passa. Chiama Time out Vicenzza e al 16.19 va nuovamente in rete con conclusione di Testa su assist di Corradin per il 3-0 dei biancorossi. Sulla stecca di Pozzan due possibili conclusioni a rete, ma una è alta e una parata da Ognibeni. Penalità fischiata a Verona, fuori Varotto, e dopo i tentativi di Roffo, Corradin e Testa, è Corradin con un bel tiro a gonfiare la rete per il 4-0. Verona non si dà per vinto e con Riccelli impegna Alberti in una grande parata e lo chiama nuovamente in causa nel tentativo di rimonta che inizia con il gol di Riccelli a 19 secondi dal termine del primo tempo a cui risponde all’ultimo secondo un altro gol della coppia Stella/Roffo con il numero 32 vicentino velocissimo nel concludere a rete.
La seconda frazione di gioco inizia subito con un batti e ribatti: conclusione di Verona, ma ce’è Alberti, e poi tentativo di allungare con tiro di Corradin sulla cui ribattuta arriva Stella, ma para Ognibene.
Verona non si arrende e scheggia il palo con Carrer, ma dall’altro lato sono Pozzi e Maran ad arrivare alla conclusione bloccata dal portiere. Alla penalità fischiata a Ceschinelli i Diavoli non riescono ad approfittare del power play seppur rendendosi pericolosi con Stella e Corradin. Al 16,36 Vicenza cambia portiere, fuori Alberti e dentro il giovane Guglielmi. I Diavoli calano un po’, forse stanchi per quanto speso nel primo tempo, e ne approfitta Verona a segno con Carrer al 34,33. Penalità per Montanari nelle fila del Verona, ma i Diavoli sia con Corradin che con Stella non riescono a passare. Sono quindi gli avversari a rendersi pericolosi, prima fermati da Guglielmi ma poi in rete con Begali su assist di Carrer per il 5-3. Verona prende coraggio a alla penalità fischiata a Roffo tenta il tutto per tutto per la rimonta, ma la difesa e Guglielmi riescono a tenere. Di nuovo in parità i vicentini cercano di chiudere la gara con Roffo e Stella e con Pozzan e Maran, ma manca un po’ di lucidità. Negli ultimi minuti nuova penalità per Verona, fuori Riccelli, e terza penalità per Corradin, ma il risultato non cambia: 5-3 per i Diavoli.
“L’obiettivo era la vittoria e l’abbiamo conquistata con un ottimo primo tempo – ha dichiarato a fine gara l’allenatore dei Diavoli, Andrea Bellinaso. – Poi nel secondo tempo siamo un po’ calati, probabilmente sul piano fisico risentendo delle assenze, ma soprattutto in lucidità. Verona ha sfruttato il cambio del portiere con due gol a freddo su Guglielmi che poi si è riscattato molto bene, soprattutto nella nostra inferiorità”.

-Prossimo impegno con la Coppa Italia il prossimo week end a Padova.
“Adesso dobbiamo recuperare tutti per arrivare pronti alla Coppa Italia in cui non sappiamo ancora chi sarà l’avversario (in programma oggi, domenica 26 gennaio la sfida Cittadella – Milano che decreterà l’avversario dei vicentini fra Cittadella e Monleale). In ogni caso sarà difficile, ma possiamo comunque far bene. Proveremo a dare il massimo e raggiungere un buon risultato per dare la svolta a questa stagione. L’impegno è sempre stato il massimo e cerchiamo sempre di vincere, certo la posta in palio con la Coppa Italia è alta e quindi ci saranno sicuramente più stimoli e motivazioni”.

Tabellino:

Immobiliare Neve Diavoli Vicenza Zardini Etich. S.V. CUs Verona (5-1)

Immobiliare Neve Diavoli Vicenza: Alberti, Guglielmi, Bellinaso, Corradin, Testa, Maran, Pozzan, Pertile, Roffo, Stella.
Allenatore. Andrea Bellinaso

Zardini Etichette Sorci Verdi CUs Verona: Ognibene, Scudier, Begali, Ceschinelli, Endrizzi, Carrer, Valente, Riccelli, Montanari, Zardini, Pernigo, Garagna, Blasi, Varotto.
Allenatore: Jon Zaharia

Arbitri: Andrea Fonzari di Trieste e Luca Faragona di Rimini

Reti:
PT: 3,52 Roffo (V), 6,16 Stella (V), 16,19 Testa (V), 21,39 Corradin (V) pp, 24,41 Riccelli (VR), 24,59 Stella (V);
ST: 34,33 Carrer (VR), 40,31 Begali (VR).