Il vice di Kovac sul prossimo confronto dei Block Devils: “Modena ha aggiunto con Bruninho il migliore nel suo ruolo, che dà tanto valore aggiunto tecnicamente ed anche come energia positiva alla squadra ed all’ambiente. Noi cercheremo di riproporre lo stesso tipo di energia e di intensità di domenica con Cuneo e …

che abbiamo avuto spesso quest’anno, cercando di tenere alta la qualità del nostro gioco”

 

Settimana di intenso lavoro quella della Sir Safety Banca di Mantignana Perugia. Reduci dalla convincente vittoria di domenica scorsa su Cuneo, i Block Devils si sono ritrovati in palestra ieri mattina per preparare al meglio l’ostica trasferta di domenica a Modena per il primo di una serie di incontri ad alto tasso di importanza e di difficoltà che attendono i bianconeri da qui al 2 febbraio.

Il ritorno al successo ha però restituito entusiasmo, convinzione e motivazione ai ragazzi cari al presidente Sirci. Tutti ingredienti indispensabili per affrontare al meglio un periodo così intenso e impegnativo. Cominciando da domenica nella bolgia del “Pala Panini”, il tempio della pallavolo italiana, contro Casa Modena di coach Lorenzetti e guidato in campo del genio del nuovo regista Bruninho.

Tranne Cupkovic, sulla via del recupero dopo l’infortunio patito alla caviglia nel derby con Città di Castello, tutti a disposizione i ragazzi agli ordini di Kovac e del suo staff. Staff del quale fa parte il vice allenatore Carmine Fontana che, a cavallo della settimana, fa il punto sulla Sir. Partendo dal ritorno ai tre punti di domenica scorsa:

“Contro Cuneo ha funzionato tutto”, dice Fontana. “L’attacco, la battuta, il muro ed anche il contrattacco. In particolare in contrattacco siamo stati davvero poco fallosi ed a muro, pur avendo in campo Paolucci che non è ovviamente il migliore in questo fondamentale, non abbiamo sofferto grazie all’ottima correlazione con la difesa. Per quanto concerne la gestione del nostro attacco, Paolucci, supportato da una ricezione sovente precisa, è stato bravo nella distribuzione e nella gestione degli attaccanti”.

Viene spontaneo chiedere cosa è cambiato in tre giorni dal match di San Giustino a quello contro Cuneo.

“Intanto – prosegue Fontana – abbiamo avuto tre giorni per lavorare con tutta la squadra. Poi principalmente tutti noi ci siamo dati delle colpe e delle responsabilità su come siamo entrati in campo a San Giustino come emotività ed intensità. Avevamo una ferita aperta e tanta voglia di reagire, qualità che ha nel proprio dna questa squadra. Infatti contro Cuneo si è vista questa determinazione dal primo punto”.

Prossimo passaggio: Modena.

“Modena ha aggiunto con Bruninho tanta qualità in più, senza nulla togliere a chi c’era prima. Ha scelto il migliore nel suo ruolo, che dà tanto valore aggiunto tecnicamente ed anche come energia positiva alla squadra ed all’ambiente, perciò troveremo un avversario migliorato che vuole dimostrare di essere protagonista in campionato e in un campo come il “Pala Panini”. Sono perciò tanti i fattori di difficoltà della gara, anche se poi ogni partita ha una sua storia. Noi cercheremo di riproporre lo stesso tipo di energia e di intensità di domenica con Cuneo e che abbiamo avuto spesso quest’anno, cercando di tenere alta la qualità del nostro gioco. E poi dovremo essere pronti a combattere su ogni palla”.

UFFICIO STAMPA SIR SAFETY BANCA DI MANTIGNANA PERUGIA