IL 50% DEI TRIONFATORI SONO PROFETI IN PATRIA

Il ritrovo epifanico dei giovani pongisti è preceduto da un’amara constatazione. Nel cuore della notte uno o più vandali annoiati non hanno di meglio da fare che squarciare un lembo della tensostruttura di viale Rinascita, più nota come “Palestrina”, luogo di allenamento alternativo che permette alle due società pongistiche locali di programmare con meno patemi d’animo il ciclo di allenamenti. Fortunatamente niente di grave ma la notizia ha lasciato di sale tutti gli addetti ai lavori che già fanno fatica a mandare avanti l’attività quotidiana. L’arrivo di 53 atleti nell’impianto principale del comune sarrabese ha fatto dimenticare il triste e inspiegabile gesto di natura teppistica. In rappresentanza di undici società hanno animato la seconda tappa del Gran Prix Giovanile che ha visto prevalere proprio i due sodalizi locali (Ad Muravera TT e Asd Muraverese TT): su sette categorie disputate se ne sono aggiudicate due a testa. Un successo anche per Marcozzi Cagliari, La Saetta Quartu e TT Guspini.

Tra i giovanissimi maschili e femminili è proprio il Muravera TT a fare la parte del leone. Soprattutto il podio dei maschietti è un monocolore con il trionfatore Marco Nieddu che ha preceduto i compagnetti Gabriele Murru e Federico Mascia. Quarto posto per Gabriele Meloni della Marcozzi Cagliari. Un po’ più variegata la classifica finale delle femminucce dove prevale la “Muraverinas” Giulia Zucca che precede Francesca Saiu (TT Decimomannu), Michela Mura (TT Zeus) e la sua compagna Serena Anedda.

Nella categoria ragazzi ad imporsi è Jhon Michael Oyebode della Marcozzi che rispettando i pronostici si impone sul suo compagno di scuderia Edoardo Loi (3 – 1): tra i due solo cinque punti di differenza. Seguono Michele Saiu (TT Decimomannu) e Lorenzo Angioni (TT Zeus).

Aurora Piras della Muraverese è la vincitrice nel girone femminile: in finale batte (dopo tre set) Letizia Pili del Quattro Mori Cagliari in una gara tutt’altro che semplice. Podio minore per l’altra celestina Alice Mattana: in semifinale ha dato molto filo da torcere alla vincitrice. Con lei anche Alessandra Mura del TT Zeus.

In quattro si contendono il titolo maschile della categoria allievi. Gioele Melis conferma il buon stato di forma esibito il giorno prima nel 5^ categoria di Decimomannu (vedere in basso) superando l’ostacolo Luigi Pusceddu del TT Oristano che prima delle vacanze natalizie stava attraversando un ottimo periodo di forma. Nel mini campionatino terzo posto per Andrea Perna dello Zeus che precede Andrea Franceschi della Marcozzi.

Stessa formula tra le allieve: dopo il girone a quattro prevale Ilenia Ariu della Muraverese che non lascia neanche un set alle avversarie. Secondo posto per Elena Ricciu della Libertas Ping Pong Monterosello Sassari. Podio inferiore per Chiara Saiu (TT Decimomannu) e quarto posto conquistato da Sara Caddeo (Santa Tecla Nulvi).

La categoria con il numero maggiore di partecipanti è la juniores maschile con dodici atleti ai nastri di partenza. E il podio va alla brillante società quartese de La Saetta grazie a Claudio Rossi che partendo come testa di serie n. 3 ha preso il sopravvento in finale sul favorito Alessio Meloni della Marcozzi. La finale è stata molto vibrante con il forte musicista masese che è riuscito a recuperare due set di svantaggio. Ma nel corso della bella Claudio è uscito fuori con tutto il suo carattere sgominando il suo ex compagno di squadra per 11 a 6. Nel suo percorso verso la vittoria il pongista quartese aveva eliminato Andrea Giorgi (Muraverese) e Alberto Ticca (Libertas Sassari). Alessio Meloni ha incontrato e battuto ai quarti Stefano Macis (Muravera TT) e poi il suo compagno di scuderia Mario Bistrussu. Tra i primi otto figurano Francesco Ara (Santa Tecla Nulvi) e Luca Paganelli (Muraverese).

GIOELE MELIS VINCE A SORPRESA NELLA KERMESSE ORGANIZZATA DAL TT DECIMOMANNU

Sessantuno quinta categoria spalmati in sedici società isolane hanno animato il torneo post banchetti natalizi. Ottima come sempre l’organizzazione da parte della società locale che poteva contare sulla disponibilità di una struttura davvero confortevole come è il Palazzetto dello Sport di via Eleonora d’Arborea. Le prime schermaglie si sono concentrate in sedici gironi. I primi due classificati di ciascun raggruppamento sono stati promossi alla fase ad eliminazione diretta. E le sorprese non sono mancate perché la testa di serie n. 1 Nicola Cuccureddu (TT Oristano) ha dovuto abbandonare agli ottavi di finale in quella che stando ai pronostici sarebbe potuta essere la finalissima. È stato sconfitto infatti dalla testa di serie n. 2 Walter Casti che però nel suo girone si era classificato alle spalle di Roberto Caddeo del Santa Tecla Nulvi. Ma i colpi di scena non finiscono qui: Casti avanza fino alle semifinali mettendo al tappeto anche il padrone di casa Maurizio Saiu, ma poi si deve arrendere a Stefano Macis del Muravera dopo cinque set di cui tre terminati ai vantaggi. Macis a sua volta si era fatto strada sgominando Stefano Sozzi (Decimomannu), Mariano Zucca (Cagliari TT), e Giovanni Pomata (Azzurra Cagliari). Nella parte bassa del tabellone si fa notare colui che diventerà il vincitore della vivace competizione. Gioele Melis, classe 1999 in forza al TT Guspini ma residente a San Gavino Monreale si è preparato con attenzione al Torneo Over 2000 maschile. Partito come testa di serie n. 6 nel tabellone ad eliminazione diretta parte a razzo imponendosi su Carlo Maulu (TT Oristano) e Mattia La Gaetana (Marcozzi). Lo attendono due giocatori del Monserrato. Il primo set della serata lo cede a Gianfranco Soi ma in semifinale vince nuovamente per 3 a 0 su Alessandro Picciau. E arriva l’ora ics con lo scontro decisivo che lo vede primeggiare nei confronti di Macis in tre soli set, ma tutti molto equilibrati perché il divario finale sarà di appena sei punti.É stato un torneo fantastico – commenta Gioele Melis – che mi ha fatto capire tante cose. Il merito va anche a tutta la società. Ero in gran forma e mi sentivo carico. Piano, piano sono arrivato in finale giocando bene tutte le partite. Il grazie più grande lo devo al mio coach Alberto Manos; mi ha seguito fino all’ ultimo dandomi consigli vincenti soprattutto nelle gare contro Soi e Macis che sono state quelle più difficoltose. Spero di continuare a fare bene e di andare avanti così”. Tra i primi otto compare pure Stefano Riva del TT Quartu.

GIOVANI MARCOZZIANI D’ESPORTAZIONE: LE VICENDE FUORI LE MURA DI CARLO ROSSI E MARCO POMA

Uno stage in Germania per Carlo Rossi, un Top 8 giovanile torinese per Marco Poma. Appuntamenti degni di nota per entrambi che hanno così l’opportunità di affinare una preparazione che già va alla grande in via Crespellani con l’ausilio del tecnico Massimiliano Mondello e di tutti gli altri atleti importanti della serie A.

Da lunedì Carletto il grande è a Ochsenhausen, nel profondo sud teutonico, ospite di una struttura importante che ha forgiato tanti campioni. E lui non è da meno, e lo sta dimostrando con i numeri. Da pochi giorni ha appreso di essere il primo dei dodicenni nel ranking riservato ai Cadet Boys. Prima di lui altri 66 pongisti continentali che però sono leggermente più grandetti. Inoltre scala con vigore anche la classifica mondiale (ITTF) dove attualmente si posiziona al n. 75 della categoria under 15. La missione tedesca la condivide con i suoi compagni della nazionale allievi, coordinata da Valentino Piacentini. Lo stesso che qualche giorno prima, a Torino, ha organizzato un torneo al quale è stato invitato il monserratino Marco Poma. Figlio d’arte come Carletto, il marcozziano non ha fatto un semplice atto di presenza. Anzi ha proprio rischiato di aggiudicarsi il Top 8 che l’ha visto primeggiare nella prima fase del “tutti contro tutti” dove ha collezionato cinque vittorie su sette incontri. In semifinale si è però dovuto arrendere a Matteo Fruzzetti (Apuania Carrara) che già lo aveva battuto nella fase iniziale. Ma il piccolo sardo tira nuovamente fuori gli artigli quando c’è da combattere per il gradino più basso del podio e infatti si impone su Vincenzo Carmona (TT Torino) per 3 – 0. Vince Jacopo Sulis (TT Biella), atleta che Marco è riuscito a sconfiggere nella prima fase.

SERIE A PARALIMPICA: L’ESORDIO DI MURAVERESE E TENNISTAVOLO NORBELLO

Al via con due formazioni isolane. All’antesignano Tennistavolo Norbello, quest’anno si è aggiunta anche la Muraverese: entrambe partecipano alla Cip A classe 6 -10. Con loro anche Tennistavolo Vicenza, Sport Club Etna e TT Isola Peter Pan Roma. Ed è proprio la formazione laziale che ha organizzato il primo dei due concentramenti stagionali nel corso del quale le nostre rappresentanti non hanno deluso. Il Vicenza si è dimostrata squadra davvero forte con la coppia Furlan – Baroncelli. E infatti né il duo sarrabese (Andrea Manis – Luca Paganelli), né quello guilcerino (Mauro Mereu – Romano Monni) è riuscito a contrastare il club veneto che si è imposto in tutte e due le circostanze per 3 a 0. Ma nella giornata successiva (in cui il Tennistavolo Norbello riposava) la Muraverese si riscatta battendo i padroni di casa. Questa volta Andrea Manis (che nella gara inaugurale con il vicentino Furlan aveva qualcosa da recriminare) fa la differenza ottenendo due vittorie nel singolo e una nel doppio con Paganelli.

L’indomani i quattro atleti sardi hanno preso parte al 2° Torneo nazionale Predeterminato Paralimpico sempre organizzato dalla società capitolina. Nella classe 6 e 7 erano impegnati Mereu, Monni e Paganelli, ma solo il muraverese è riuscito a superare la prima fase: ha però dovuto cedere alla superiorità di Davide Scazzeri. Anche Andrea Manis, impegnato nella classe 8 -9 -10, non è riuscito a superare il suo girone: “Ho accusato un calo prestazionale” ha commentato a freddo l’atleta sulcitano. Il prossimo concentramento della serie A è fissato per l’undici aprile e si disputerà a Lignano Sabbiadoro.

LE RAGAZZE DELLA MURAVERESE FANNO MAN BASSA NEI QUARTA CATEGORIA

Lunedì sei gennaio la società del Muravera TT ha organizzato anche il secondo torneo stagionale riservato ai quarta categoria femminili. Ha vinto Ilenia Ariu che nella finale “amica” si è imposta sulla compagna Aurora Piras. Dietro l’altra celestina Alice Mattana, Letizia Pili (Quattro Mori Cagliari) e le sorelle Michela e Alessandra Mura dello Zeus Quartu.

TORNEI NAZIONALI: BRILLA SOLO IL TENNISTAVOLO NORBELLO

Da Livorno buone notizie per il Tennistavolo Norbello. La sua atleta di punta, Nikoleta Stefanova, si è imposta nel singolo femminile Top 1/12, incluso nel 3° Torneo Nazionale predeterminato “Nero”. In finale ha avuto la meglio su Wang You del Cortemaggiore, prossima avversaria nello scontro al vertice del 18 gennaio dove si sancirà quale delle due formazioni diventerà campione d’inverno. Stefanova aveva sofferto di più nella semifinale opposta alla laziale Chiara Colantoni del Castel Goffredo, eliminata al quinto set.

Non arrivano buone notizie dagli altri tesserati in Sardegna che hanno fatto tappa nella città costiera. Desta sensazione l’eliminazione al primo turno del tabellone di Alessandro Baciocchi (Marcozzi Cagliari) impegnato nel singolo maschile Top 13/100. Fa appena meglio Luigi Rocca (Tennistavolo Norbello), eliminato agli ottavi da Maurizio Massarelli (Mugnano Napoli). Cede ai sedicesimi anche il sardo doc Stefano Curcio.

Nel singolo maschile Top 1/16 non vanno oltre i quarti Luigi Rocca e i due marcozziani Paolo Bisi e Daniele Sabatino.

A Torino si ferma ai sedicesimi l’avventura di Alberto Mattana (Muraverese) nel Torneo “Blu” riservato ai Top 601/2000. Stop nei trentadue per il suo compagno di squadra Michele Buccoli.