IL TRIONFO DEL SANGUE A PALLA!

Fatto il pieno di sport e solidarietà in casa Tennistavolo Norbello si può finalmente rifiatare. Il mancato arrivo della squadra lussemburghese del Nidderkaerjeng per problemi legati al trasporto aereo non ha offuscato la giornata votata al “Sangue a Palla” organizzata in collaborazione con l’Avis Intercomunale di Ghilarza, Abbasanta e Norbello. In attesa che i vertici dell’Intercup deliberino che provvedimenti adottare in seguito alla mancata disputa del match di coppa europea, il consuntivo di questo sabato particolare è davvero ricco di storie. A partire dallo slancio di generosità della popolazione autoctona e non solo che si è avvicinata all’autoemoteca per donare la bellezza di 26 sacche di sangue. Mentre gli adulti si sottoponevano alle operazioni di prelievo un centinaio di bambini delle scuole medie di Norbello e Ardauli gremivano la palestra comunale “assediando” i giocatori della A1 maschile per avere i primi rudimenti di tennistavolo e assimilare tutte le tematiche legate alla donazione del sangue. Ne è scaturita una mattinata di grande pathos con docenti, pongisti, rappresentanti delle istituzioni territoriali e responsabili dell’Avis accomunati da un insolito destino: quello di far divertire e sensibilizzare una marea strillante di ragazzini entusiasti. I discenti hanno raccolto autografi a volontà da regalare anche ai compagnetti assenti, hanno provato a colpire la pallina guidati da Maxim, Vilbene, Mauro, Lu Leyi, Luigi e Flavius che hanno indossato la maglietta ricordo dell’evento. E proprio l’atleta paralimpico romeno ha destato l’ammirazione dei presenti per la gioia di vivere e di praticare uno sport nonostante debba fare a meno di una gamba. E sempre lui è stato il primo a salire sull’autoemoteca e a sottoporsi ai controlli preliminari del Dottor Bruno Floris, responsabile del laboratorio di analisi dell’Ospedale Delogu di Ghilarza. Poi è stato preso sotto l’ala protettiva dell’infermiera Elisabetta che ha provveduto alla raccolta del sangue vera e propria. Dopo di lui tante altre persone, comprese quelle che per vari motivi in quel momento non sono risultate idonee per le operazioni di prelievo.

In palestra si sono susseguiti gli interventi delle autorità: hanno parlato il sindaco di Norbello Antonio Pinna, nella veste anche di vice preside della scuola di Ardauli, il suo collega primo cittadino di Ghilarza Stefano Licheri e il vice sindaco di Sorradile Franca Mascia. Con loro anche il consigliere comunale di Abbasanta Enrico Conversi e poi lo staff dell’Avis di Oristano con il neo eletto presidente provinciale Ignazio Porta e il responsabile dell’Avis Intercomunale del Guilcer Luigi Atzori.

La campagna di sensibilizzazione ha colpito gli studenti al punto che diversi avrebbero voluto donare il sangue ma non avendo la maggiore età si sono dovuti rassegnare. Come per esempio le sorradilesi Eleonora Frau ed Arianna Loi della seconda media “C” di Norbello che hanno ammesso di esserci rimaste molto male. Ma nel complesso la giornata trascorsa in via Azuni è stata molto bella e importante per tanti aspetti: “Ci siamo appassionate tantissimo nel vedere i professionisti che davano una dimostrazione della loro bravura – hanno detto le alunne – e poi abbiamo provato tanta emozione nell’impugnare una racchetta. Se ne avremo la possibilità ci piacerà sicuramente praticare la disciplina. Speriamo di ripetere al più presto esperienze di questo tipo”. Anche l’insegnante norbellese Marisella Schirra è rimasta profondamente colpita dall’iniziativa: “Giornata molto interessante, con i ragazzi sempre pronti ad accogliere queste iniziative”.

La scolaresca di Ardauli realizzerà un video della manifestazione, frutto anche dello scambio di impressioni fra loro sotto forma di intervista. Sin dalla mattina l’emittente oristanese Super Tv si è occupata della messa in onda dell’evento in streaming attraverso il sito www.tennistavolonorbello.it.

Sia a pranzo, sia a cena, soliti convivi mangerecci nella sede sociale di via Mele, in una collaudata prassi che vede impegnati ai fornelli gli infaticabili e generosi dirigenti del sodalizio sportivo guilcerino.

E in serata gli appassionati hanno avuto l’opportunità di seguire in diretta la prima assoluta in serie A1 maschile del team gialloblù. Battesimo con vittoria sul Cral Roma per 4 a 2 dopo quasi quattro ore di battaglia. E dal Lussemburgo arrivavano altre notizie interessanti con il passaggio al terzo turno della Ettu Cup da parte di Nikoleta Stefanova e compagne che con la gara domenicale chiudevano a punteggio pieno il girone, con tre bellissime vittorie. Per la dirigenza norbellese un’altra giornata da mandare ai posteri .

VOCI DA VIA AZUNI

Antonio Pinna (Sindaco di Norbello): “Come primo cittadino dico che il Tennistavolo Norbello continua a suddividere le sue attività, quella professionistica e quella della solidarietà. Mi fa piacere che entrambe le cose vengono portate avanti parallelamente, una fa da stampella all’altra e questo è importantissimo per una comunità come la nostra. Si pensi alle tematiche inerenti alla donazione, si pensi alla diversa abilità. In qualità di insegnante ho accompagnato con gioia una rappresentativa della scuola secondaria di primo grado di Ardauli che spesso e volentieri sposa le iniziative dell’Avis.

Tra non molto l’amministrazione comunale collaborerà con il Tennistavolo Norbello su un progetto relativo alle diverse abilità e poi saremo come sempre coinvolti nell’organizzazione del Trofeo Internazionale dell’otto dicembre.

Stefano Licheri: (Sindaco di Ghilarza): “L’abbinamento solidarietà e sport lo trovo molto riuscito perché chi, fortunatamente, ha un corpo sano ha il dovere di aiutare i meno fortunati. E questo può accadere anche con la donazione del sangue. L’idea è stata meravigliosa e faccio i complimenti a tutti. Mi ha colpito molto il gesto dell’atleta paralimpico Flavius Laurentiu che con molta gioia e serenità ha fatto vedere ai ragazzi che nonostante la disabilità lo sport si può fare e poi c’è la sua storia personale legata all’incidente stradale che gli ha provocato l’amputazione della gamba e quindi anche la disponibilità di tanto sangue per la sua sopravvivenza. Oggi si sono invertite le parti e con una prova di grande generosità ha regalato il suo sangue a chi ne urgente bisogno. Questo gesto è stato molto emozionante in un contesto che il Tennistavolo Norbello ha saputo organizzare, come sempre, nel migliore dei modi”.

Ignazio Porta (Presidente Provinciale Avis di Oristano): “L’opera di proselitismo portata avanti dal Tennistavolo Norbello con le scuole è stata ammirevole. Anche se i giovani non hanno potuto donare il sangue, molto probabilmente un domani saranno dei possibili fruitori. E nel frattempo possono parlarne in casa e sensibilizzare i genitori su delle problematiche legate alla sofferenza dei bambini che soffrono ed hanno bisogno delle donazioni soprattutto in una provincia che presenta percentuali alte di malati di talassemia nonostante la medicina sta facendo dei progressi notevoli nel tentativo di debellarla. Però il sangue non si compra, non si può produrre artificialmente, quindi contiamo solo ed esclusivamente sulla generosità del prossimo affinché il problema si possa risolvere. C’è stato un bell’afflusso di donatori, sono contento che diversi fossero di Norbello perché devono assolutamente ribaltare le percentuali che li vedono soccombenti nei confronti di Ghilarza e Abbasanta in questa gara per la solidarietà. In provincia non siamo autosufficienti, l’ospedale di Oristano segue circa settanta talassemici che hanno bisogno di quattro donazioni al mese per un totale di 280 donazioni che non possono mancare. Purtroppo la Sardegna è costretta ad importare sangue da fuori”.

Luigi Atzori (Presidente Intercomunale Avis Ghilarza, Abbasanta e Norbello): “L’obiettivo è stato centrato con l’acquisizione di 26 sacche. In effetti abbiamo lavorato ininterrottamente dalle 8,30 alle 13,30. Sono contento perché la metà di sangue raccolto é frutto di prime donazioni e la maggioranza degli artefici sono residenti proprio a Norbello. Alcune persone si sono pure iscritte alla nostra associazione intercomunale. Altro dato confortante è la presenza di diverse donne che hanno voluto dare un contributo concreto alla causa. Mi ha fatto piacere vedere tanti alunni delle scuole che hanno avuto l’opportunità di prendere confidenza con le problematiche legate alla talassemia. I nostri prossimi impegni saranno con le scuole superiori di Ghilarza (Liceo scientifico e Istituto professionale) e poi il 28 dicembre saremo a Sedilo per la Giornata della Solidarietà”.

Simone Carrucciu: (Presidente Tennistavolo Norbello): “Vorrei usare i seguenti aggettivi per fare il compendio della giornata di sabato: interessante, piacevole, soddisfacente, solidale, gratificante, divertente e.. sangue a palla!

Mi dispiace di non aver potuto condividere questa giornata di grande festa con la delegazione lussemburghese, ma sono ugualmente felice perché con l’Avis (ringrazio tanto il Presidente locale Luigi Atzori per la preziosa collaborazione) e con il patrocinio del Comune di Norbello (ringrazio tanto la disponibilità del Sindaco Antonio Pinna), siamo riusciti ad organizzare un evento che comunque ha portato i suoi importanti frutti. E poi non dimentico i tanti donatori tesserati con il Tennistavolo Norbello che hanno dato un segno tangibile di maturità e solidarietà e assieme a loro gli altri artefici della raccolta che ha prodotto 26 sacche. Avrei voluto avere tante di queste giornate. Voglio ringraziare i presenti e tutti coloro che si sono prodigati per l’ottima riuscita della manifestazione. Il connubio sport e solidarietà è stato un successone, sia con l’intervento dei bambini delle scuole locali e circostanti, sia con l’esordio storico in A1 Maschile contrassegnato da una bella vittoria. C’è stata la prima assoluta per Luigi Rocca e il cinese Lu Leyi che sono stati straordinari. Ma soprattutto un plauso va a Maxim Kuznetsov perché il veterano della squadra ha fatto due punti importanti nonostante qualche problemino fisico e il rapporto non esclusivo con la disciplina visto che ha un altro lavoro. Questa era la nostra partita e l’abbiamo vinta. Un primo passo importante per raggiungere l’obiettivo salvezza. E il mio pensiero va anche alle atlete che hanno superato il secondo turno in Coppa Europea a Lussemburgo nonostante un viaggio interminabile in macchina, causa sciopero aereo. Sono state a dir poco leggendarie. Questa è una grande iniezione di fiducia per il campionato che inizia sabato 26 a Norbello”.

Serie A1 Maschile Nazionale

Girone Unico

Prima giornata di andata

Sabato 19 Ottobre 2013

A.S.D. Tennistavolo Norbello

Cral Comune di Roma

4

2

Ufficio Stampa

A.S.D. Tennistavolo Norbello