Non di certo una gara positiva quella delle milanesi in terra veronese. Già le due ultime amichevoli (Fiammamonza e Franciacorta) avevano lasciato non pochi dubbi all’entourage bleus. Eppure l’inizio gara dava ben da sperare, Bocconi che parte forte e guadagna subito una punizione dal limite. Calcia Longo, Colcera respinge di pugno il pallone che impatta sui piedi di Oleotti, a pochi metri dalla porta, ma sfera che finisce incredibilmente fuori. Passano 10’ ed al 14’ sul fronte opposto una punizione dal limite di Peretti impegna Ripamonti che si salva deviando la conclusione lateralmente. Dopo questo primo quarto d’ora giocato sostanzialmente alla pari, le ospiti si trasformano in “assenti non giustificate” in campo e le padrone di casa non fanno altro che approfittarne. Al 23’ il vantaggio di Rasetti che, anticipando Baronchelli sul lato opposto, scaraventa in rete un cross dalla sinistra che taglia tutta la difesa meneghina. Al 35’ il raddoppio: calcio di punizione indiretto in area di rigore fischiato da Perenzoni di Rovereto per aver ravvisato “volontarietà” nell’intervento difensivo in extremis di Airaghi che in scivolata anticipa l’attaccante scaligero che si stava involando a rete, sfera poi controllata con le mani da Ripamonti (… ma come fa un tackle ad essere considerato un retropassaggio volontario … ??? REGOLA n.12 [Calcio di punizione indiretto “Un calcio di punizione indiretto è accordato alla squadra avversaria se un portiere, all’interno della propria area di rigore, commette una delle quattro infrazioni seguenti: ….. tocca con le mani il pallone dopo che è stato volontariamente calciato verso di lui da un compagno di squadra] n.d.r.). Fatto sta che Peretti scarica sotto la traversa un terra-aria che passa in una barriera non messa proprio nel migliore dei modi. Finisce la prima frazione con un debole tiro da fuori delle venete allungato in corner dall’estremo milanese e con avanti il Mozzecane ed una Bocconi non pervenuta. Ripresa che inizia con Tolda e Wolleb al posto di Baronchelli e Zullo. Il Mozzecane ha giustamente un atteggiamento attendista sul 2-0 e si affida alle ripartenze per chiudere la gara, la Bocconi dal canto suo inizia a macinare gioco senza però arrivare a conclusioni degne di nota. Si arriva al 15’ della ripresa quando Airaghi, da un fallo laterale, riceve un pallone sul lato corto dell’area di rigore e scaglia un diagonale che incoccia la testa di Salaorni con il pallone che termina alle spalle di Colcera sull’angolo opposto 2-1 !!! Passano 4’ ed è Oleotti che dai 30 metri colpisce la traversa a Colcera ormai battuta. I tifosi ospiti sembrano crederci in un risveglio delle bleus ma gioco a parte la ripresa non ha visto altri spunti per poter raggiungere il pari. Sul fronte opposto al 32’st le padrone di casa reclamo un penalty per fallo di Wolleb su Rasetti ai più parso evidente ma Perenzoni a pochi metri fa giocare. Solo una piccola fiammata della Bocconi nella ripresa. Mozzecane che sul 2-0 ha contenuto le ospiti giocando unicamente in contropiede e rischiando quasi nulla. Troppo poco quanto visto e fatto dalle ospiti ieri a San Zeno di Mozzecane, nella speranza di un pronto riscatto entro 7 giorni tra le mura amiche con le altre veronesi del girone il Real Bardolino che ha vinto 1-0 sul Villa Valle.

F.MOZZECANE: Colcera, Pecchini, Caliari, Salaorni, Bindella, Faccioli, Rasetti, Santin, Mecenero (3’st Marcazzan), Peretti (33’st Sossella), Caneo (28’st Giubertoni). A disposizione: Venturini, Bonamini, Boni. All. M.MAFFICINI

C.F.BOCCONI MILANO 1999: Ripamonti, Lazzari, Pisani, Zullo (1’st Wolleb), Tosini, Longo, Baronchelli (1’st Tolda), Calvo, Oleotti, Povia, Airaghi (33’st Roncucci). A disposizione: Guarino, Morelli, Zrouki, Baccarani. All. F.ANDOLFO


DIRETTORE DI GARA
: PERENZONI di ROVERETO
ASSISTENTE 1: MARCOMINI di VERONA
ASSISTENTE 2: DE VITO di VERONA

RETI: 23’ RASETTI (M), 35’ PERETTI (M), 60’ AIRAGHI (B).
RECUPERO: 0’pt + 3’st
AMMONITI: LAZZARI (B)
ESPLUSI: Nessuno
NOTE: Giornata piovosa, campo non pesante 60 spettatori circa

Ufficio Stampa CFC Bocconi