Fiorentina a caccia del tris che significherebbe percorso netto.
Roma e Ravenna alla ricerca disperata di identità, risposte tecniche e primi punti in classifica.

Milano, 23-03-2012. Il terzo turno del XVI campionato italiano di baseball giocato da ciechi è incentrato attorno all’esordio dei Thunder’s 5 Milano che scenderanno domenica sul Gurian Field di Malnate per affrontare gli enfants terribles della matricola Patrini.
Cambio al vertice della formazione dominatrice del nostro battiecorri (6 titoli negli ultimi 7 anni), che affida quest’anno la barra del proprio timone alle solide  mani di Eugenio Brivio, manager di indiscussa esperienza tecnica e lunga militanza in diamante, principale artefice e promotore della crescita del softball nell’interland Milanese, nonché protagonista di un quinquennio piuttosto felice e costellato da successi significativi all’interno del coaching staff dei cugini Lampi, la seconda formazione meneghina di baseball giocato da non vedenti, costituita in gran parte da atleti che agli albori del nostro movimento militavano tra le file degli stessi Thunders 5.
Brivio avrà tuttavia il compito di gestire l’eredità pesante ed il comprensibile vuoto di carisma che certamente verrà avvertito nel dug out dei Tuoni dopo la partenza di Lorenzo Vinassa De Regny, piccolo grande uomo votato al successo, oggi Consigliere AIBXC, a cui commissioner Malaguti ha affidato la missione di promuovere e far crescere il nostro battiecorri su scala nazionale ed europea.
Non sarà certamente facile riprodurre in campo e nel Clubhouse dei Tuoni l’incendio agonistico che solo un personaggio singolare e crepitante come Lorenzo sapeva accendere nei suoi ragazzi, alimentato da quella voce roca, tagliente e chirurgica all’occorrenza, sistematicamente in grado di spremere il meglio delle individualità di una squadra a cui il grande Bruce Springsteen non esiterebbe a dedicare la celeberrima “born to run”, con riferimento alla sete insaziabile di vittorie di questi Thunder.
Grinta e voglia di vincere che tuttavia verranno alimentate dal manipolo di senatori alla guida dei campioni d’Italia da ormai un decennio, in campo e fuori, a partire da quell’Angelo Novali, Mario Tempesta e Mario Rossi che una quarantina di anni fa vestivano la casacca della gloriosa Europhon Milano e contendevano all’altrettanto invincible armada dell’Amaro Montenegro Bologna, guidata dal talento cristallino di altrettante icone del baseball nostrano (Meli, Malaguti, Mazzanti ecc) titoli italiani e continentali sui diamanti di mezza Europa.

Ironia della sorte, questi fieri avversari un tempo in campo conservano oggi lo stesso animus pugnandi alla guida del movimento AIBXC e delle formazioni candidate alla conquista del Pennant.
Roster dei Thunder sostanzialmente invariato da ormai sette stagioni con il pachistano Sarwar “Gigante Buono” Guhlam chiamato a ripetere gli exploits micidiali registrati lo scorso anno (oltre 25 fuori campo), che gli sono valsi il titolo di “Home Run King” coonquistato nel corso delLA Mole Cup,, sollevata nel cielo di Freising lo scorso settembre da una selezione mista di atleti milanesi.
Guhlam verrà supportato dai guanti e dalle mazze esperte di Fabio “Littorina de Trastevere” Scali, Francesco “El Presidente” Cusati, Christiano “Tato” Tedoldi e dall’esperienza di una quota rosa ormai inamovibile nei momenti più caldi di partita, capitanata dalla leggiadria dei gesti tecnici di Loredana “Giovanna d’Arco” Ruisi e dall’albanese Arjola “Decadanza” Dedaj.
Thunder’s 5 favoriti al titolo anche quest’anno e che non amano nascondersi dietro a un dito. Sarà estremamente curioso verificare quali escamotages gli indomiti Patrini riusciranno a cavar fuori dal proprio cilindro per ingargugliare il gameplan della corazzata Milanese.
Contemporaneamente all’esordio dei “Migliori”, doppia sfida in scena sul Leoni di Casteldebole.
La scintillante Fiorentina AIBXC, formazione decisamente in palla e che maggiormente ha impressionato in quest’avvio di stagione, affronta l’Aquilone RS, reduce dalla brutta imbarcata subita lo scorso week end dal Bologna White Sox.
Turno che si profila agevole per i giliati di Valerio Ranieri che potrebbero allungare ulteriormente in vetta al girone Est contro una formazione in forte crisi atletica e di personale che tuttavia confida di recuperare alcune pedine fondamentali del proprio line up negli auspici di manager Adriano Costa.
A chiudere il ricco menu la sfida tra Roma All Blinds e CVINTA Ravenna, confronto in cui le due formazioni in piena fase di rinnovamento roster cercheranno di scorgere una luce tenue  in fondo ad un tunnel al momento davvero tetro.
Roma dovrà affidarsi all’intelligenza di Alfonso “Talpone” Somma e alla sagacia difensiva di Federico Bassani nel tentativo di risolvere i propri empasses offensivi, mentre Ravenna spera di poter contare su prestazioni rassicuranti da Fabrizio Merli e Marco Ferrigno a cui certamente non mancherà il supporto della coriacea Daniela Pierri.

Matteo Briglia
Ufficio Stampa