Il Fassa supera la Valpe; va all’Alleghe il derby con il Cortina; il Renon passa 4 a 0 sul Vipiteno; l’Asiago espugna Bolzano; un Pontebba indomito vince a Brunico

Buon successo della Fassa, che batte 4 a 1 la Valpe con una bella prova del collettivo; l’Alleghe si prende la rivincita ed espugna l’Olimpico di Cortina per 4 a 0; stesso risultato per il Renon, che non lascia nulla al Vipiteno; l’Asiago con una prova solida batte il Bolzano 4 a 1; continua la favola del Pontebba: friulani che battono ancora il Val Pusteria a domicilio.

Val di Fassa Ferrarini – HC Valpellice Bodino Engineering 4:1 (1:0, 2:1, 1:0)

Val di Fassa Ferrarini: Frank Doyle (Marco Menguzzato); Daniel Sullivan, Robert Schnabel, Thomas Dantone, Hannes Oberdorfer, Damiano Casagranda; Trevor Kell, Brad Snetsinger, Diego Iori, Stefano Margoni, Enrico Chelodi, Devid Piffer, Luca Planchesteiner, Mattia Bernard, Christian Castlunger, Nicola Deluca;

Coach: Miroslav Frycer

HC Valpellice Bodino Engineering: Tero Leinonen (Marcello Platè); Jon Awe, Trevor Johnson, Ryan Martinelli, David Urquhart, Florian Runer, Martino Durand Varese; Robert Sirianni, Taggart Desmet, Garret Bembridge, Alex Nikiforuk, Alex Silva, David Stricker, Marco Pozzi, Stefano Coco;

Coach: Mike Ellis

Marcatori: 1:0 Diego Iori (14.40), 2:0 Luca Planchesteiner (20.48), 3:0 Robert Schnabel (31.16), 3:1 Rob Sirianni (31.58), 4:1 Stefano Margoni (50.02)

Reduce da due sconfitte consecutive, il Val di Fassa prova a rilanciarsi nella sfida interna contro il Valpellice, formazione che chiude la classifica della Serie A. I trentini, però, devono fare a meno di numerosi interpreti, visto che mancano all’appello Turon, Martin Castlunger, Locatin, Piva, Mironov e Chrenko; sull’altro fronte, invece, assenti Regan, Kantee, Frigo e Canale. Dopo un avvio sostanzialmente equilibrato, i padroni di casa riescono a sbloccare il punteggio, affidandosi a Diego Iori, in gol, al 14.40, durante una situazione di inferiorità. Luca Planchesteiner, 48 secondi dopo l’ingaggio di inizio secondo tempo, permette ai ladini di portarsi a quota due. Il tris, poi, arriva a metà frazione, firmato da Schnabel, sigillo che trova però la pronta risposta avversaria, la quale si concretizza dalla stecca di Sirianni. Al 50.02 Stefano Margoni inibisce ogni tentativo di rimonta da parte dei torresi, mettendo in fondo al sacco il quarto disco per i suoi, che è sinonimo di successo.

Hafro SG Cortina – HC Alleghe Tegola Canadese 0:4 (0:2, 0:2, 0:0)

Hafro SG Cortina: Jean-Philippe Levasseur (Luca Burzacca); Marek Chvatal, Mark Isherwood, Luca Zandonella, Michele Zanatta, Luca Zanatta; Ryan Dingle, Curtis Fraser, Jonas Johansson, Luca Felicetti, Giorgio De Bettin, Ryan Menei, Francesco Adami, Andrea Moser, Denis Soravia, Andrea Baldo, Christian Menardi;

Coach: Stefan Mair

Alleghe Tegola Canadese: Adam Dennis (Davide Fontanive); Michael Schutte, Jani Forsstrom, Mike Card, Francesco De Biasio, Milos Ganz, Diego Soppera; Adam Henrich, Vincent Rocco, Greg Hogeboom, Markku Tahtinen, Daniele Veggiato, Alberto Fontanive, Manuel De Toni, Manuel Da Tos, Patrick Tormen, Davide Testori;

Coach: Steve McKenna

Marcatori: 0:1 Vince Rocco (8.11), 0:2 Daniele Veggiato (17.22), 0:3 Michael Schutte (23.34), 0:4 Greg Hogeboom (39.54)

Sul ghiaccio di Cortina si gioca il sentitissimo derby tra i padroni di casa e l’Alleghe. Gli ampezzani, che non vincono da quattro turni consecutivi, si sono però aggiudicati le due sfide già disputate con le Civette nel corso di questo campionato: Stefan Mair deve fare a meno di Baur, Bowman e Hennigar, Steve McKenna di Nicola Fontanive e Monferone. Forti della recente conquista della Final Four di Coppa Italia, gli ospiti iniziano la sfida con maggior piglio, passando a condurre, all’8.11, con Vince Rocco, smarcato alla perfezione sotto porta da Schutte. Seguono, alla marcatura, due doppie superiorità, una per parte, entrambe non sfruttate, anche se, prima della sosta, si torna comunque a segnare: sono i biancorossi a passare ancora, a seguito di un tentativo di assist di Tahtinen, deviato nelle propria porta da Isherwood. L’andamento della sfida non cambia nemmeno dopo la sosta, visto che l’Alleghe segna per la terza volta con Schutte, in powerplay. La reazione ampezzana si registra al giro di boa, ma non porta gli effetti desiderati; al 39.54, anzi, il poker delle Civette, addirittura con l’uomo in meno, con Greg Hogeboom. Nemmeno la sorte strizza l’occhio a De Bettin e compagni, i quali, nel finale, sbattono sempre e costantemente sul muro eretto da Adam Dennis (terzo shoot out consecutivo per lui) e, quando non ci arriva il portiere, è il palo a dire di no, come accaduto su conclusione di Jonas Johansson.

Renon Sport Renault Trucks – SSI Vipiteno Weihenstephan 4:0 (1:0, 2:0, 1:0)

Renon Sport Renault Trucks: Florian Grossgasteiger (Josef Niederstatter); Benjamin Bregenzer, Andy Delmore, Brad Farynuk, Ingemar Gruber, Markus Hafner, Klaus Ploner; Thomas Spinell, Scott May, Dan Tudin, Thomas Pichler, Chris Blight, Mac Faulkner, Emanuel Scelfo, Matteo Rasom, Lorenz Daccordo, Matthias Fauster, Alexander Eisath, Rupert Stampfer;

Coach: Greg Holst

Vipiteno Broncos Weihenstephan: Thomas Tragust (Dominik Steinmann); Agris Saviels, Christian Rainer, Fabian Hackhofer, Simon Baur, Philip Pircher, Luca Scardoni; Ryan Ginand, Randall Gelech, Dirk Southern, Markus Gander, Josh Prudden, Christian Sottsas, Hannes Stofner, Florian Wieser, Thomas Pichler, Patrick Mair, Alex Lanz;

Coach: Oly Hicks

Marcatori: 1:0 Mac Faulkner (11.38), 2:0 Chris Blight (29.15), 3:0 Thomas Pichler (37.15), 4:0 Brad Farynuk (59.18)

Derby numero 17 tra Renon e Vipiteno, in palio punti molto pesanti vista la classifica delle due formazioni. I padroni di casa presentano il nuovo acquisto Andy Delmore, giocatore con oltre 100 punti NHL in curriculum, ma devono rinunciare a Krizan (al suo posto Grossgasteiger) e Graham. Nei Broncos invece ritorna capitan Gander ma non ci saranno i terzini Lee e Power e gli attaccanti Bustreo, Kofler ed Erlacher. Primo tempo giocato su buoni ritmi, con il Vipiteno che parte meglio ma il Renon che risponde per le rime. E sono proprio i padroni di casa, a trovare l’unica marcatura della frazione con Faulkner, bravo a chiudere una controfuga all’11.38. Nel periodo centrale i Broncos spingono forte per agganciare gli avversari, ma si scontrano contro un positivo Grossgasteiger che salva i suoi in più occasioni. Sfruttando proprio la voglia di attaccare del Vipiteno gli attaccanti del Renon siglano altre due reti importantissime in controfuga: prima Blight e poi Pichler firmano il 3 a 0 nei secondi 20 minuti di gioco. Nella terza frazione non c’è molto da segnalare con i Rittner Buam che controllano bene il match senza rischiare più di tanto. A chiudere i conti ci pensa Farynuk a 42 secondi dal termine, e il Renon si prende così per 4 a 0 il derby contro i Broncos di Vipiteno.

HC Bolzano – Supermercati Migross Asiago 1:4 (0:2, 0:1, 1:1)

HC Bolzano: Matt Zaba (Günther Hell); Brandon Rogers, Josh Meyers, Alexander Egger, Christian Borgatello, Anti Bruun, Andrea Ambrosi, Daniel Fabris; Jordan Knackstedt, Mac Gregor Sharp, Marco Insam, Derek Edwarson, Mark McCutcheon, Anton Bernard, Stefan Zisser, Enrico Dorigatti, Christian Walcher, Federico Demetz;

Coach: Adolf Insam

Supermercati Migross Asiago: Jeff Lerg (Davide Mantovani); Drew Fata, Matthew MacDonald, Stefano Marchetti, Enrico Miglioranzi, Michele Strazzabosco, Marco Rossi, Vittorio Basso, Andrea Gorza; John Vigilante, Layne Ulmer, Sean Bentivoglio, Michael Henrich, David Borrelli, Raffaele Intranuovo, Federico Benetti, Matteo Tessari, Nicola Tessari, Mirko Presti, Filippo Busa;

Coach: John Tucker

Marcatori: 0:1 David Borrelli (9.12), 0:2 Layne Ulmer (17.31), 0:3 Raffaele Intranuovo (33.21), 1:3 Derek Edwardson (44.57), 1:4 Michael Henrich (57.09)

Il Bolzano ospita al PalaOnda l’Asiago, in un match di grande prestigio e valore dopo l’infinita serie di semifinale dello scorso anno. Nei padroni di casa marca visita per la prima volta in stagione il bomber Giliati, mentre nei vicentini non ci saranno Grieco, Zamparo e Pitton (per turnover) e Stevan, convocato con la Nazionale Under 20. L’inizio del match non offre molto spettacolo, a parte quando sono in pista le due terze linee che si fanno ben notare. L’Asiago si dimostra spietato e colpisce in due delle rare occasioni avute: prima Borrelli con un tiro al volo dalla destra e poi Ulmer colpisce con una deviazione in power play. Bolzano poco presente sottoporta, è 0 a 2 alla prima sirena. Nella frazione centrale i biancorossi provano a spingere sin dall’inizio ma la poca precisione sottoporta non permette loro di battere Lerg. Dall’altra parte invece c’è un Asiago estremamente cinico, e dopo due controfughe sbagliate da Bentivoglio e Ulmer arriva il gol del 3 a 0 siglato da Intranuovo con una deviazione su tiro di MacDonald. Nel terzo periodo il gioco scorre veloce e con poche emozioni sino al gol di Edwardson, che ridà benzina ai padroni di casa. Il Bolzano infatti sul 3 a 1 prova a rifarsi sotto, ma senza troppo ordine e non è difficile per l’Asiago salvarsi. Ci pensa poi Michael Henrich a far calare il sipario, trovando il gran tiro di polso del 4 a 1 finale.

Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Aquile FVG Pontebba 2:3 d.t.s. (2:1, 0:0, 0:1, 0:1)

Lupi Fiat Professional Val Pusteria: Mikko Stromberg (Hannes Hopfgartner); Christian Willeit, Fredrik Persson, Olivier Magnan, Armin Hofer, Christian Mair; Giulio Scandella, Matt Kelly, Max Oberrauch, Joe Jensen, Joseph Cullen, Ryan Watson, Thomas Erlacher, Lukas Tauber, Benno Obermair, Viktor Schweizer, Aaron Tomasini;

Coach: Teppo Kivela

Aquile FVG Pontebba: Alex Petizian (Simon Fabris); Matt Waddel, Davide Nicoletti, Peter De Gravisi, Andrea Ricca; Tommy Goebel, Luca Rigoni, Patrick Rizzo, Kevin DeViriglio, Brian Ihnacak, Nick Anderson, Felice Giugliano, Pat Iannone, Paolo Nicolao, Andrea Rezzadore, Niccolò Pace, Ettore Tartaglione;

Coach: Tom Pokel

Marcatori: 0:1 Kevin DeVergilio (2.01), 1:1 Matt Kelly (8.08), 2:1 Joe Cullen (16.30), 2:2 Brian Ihnacak (58.39), 2:3 Kevin DeVergilio (64.53)

La capolista Val Pusteria ospita il Pontebba, quarta forza del torneo e compagine decisamente in forma. I gialloneri sono senza Glira, Ling, Crepaz, Bona e Dicasmirro, i friulani, dal canto loro, rinunciano unicamente a Tomko. Ci mettono davvero poco i ragazzi di Pokel a sbloccare il punteggio. Al vantaggio ospite, messo a segno in powerplay da DeVergilio (2.01), fa comunque seguito la reazione da parte dei Lupi, che porta prima al pareggio, firmato da capitan Kelly (8.08), e successivamente al sorpasso, messo a segno, anche in questo caso con l’uomo in più, da Joe Cullen (16.30). Più Val Pusteria che Pontebba nel corso della seconda frazione, la quale, in ogni caso, non fa registrare variazioni nel punteggio, soprattutto per la bravura tra i pali di Petizian. La forza della formazione friulana sta nel fatto di credere al pareggio sino in fondo e di centrarlo, al 58.39, con Brian Ihnacak. Si prosegue così all’overtime, nel corso del quale sono proprio gli ospiti a trovare il gol vittoria: Kevin DeVergilio, al 64.53, regala due punti al Pontebba.

Serie A – Giovedì 15 dicembre – 24° giornata stagione regolare

Val di Fassa Ferrarini – HC Valpellice Bodino Engineering 4:1 (1:0, 2:1, 1:0)

Hafro SG Cortina – HC Alleghe Tegola Canadese 0:4 (0:2, 0:2, 0:0)

Renon Sport Renault Trucks – SSI Vipiteno Weihenstephan 4:0 (1:0, 2:0, 1:0)

HC Bolzano – Supermercati Migross Asiago 1:4 (0:2, 0:1, 1:1)

Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Aquile FVG Pontebba 2:3 d.t.s. (2:1, 0:0, 0:1, 0:1)

Classifica di Serie A:

1. Lupi Fiat Professional Val Pusteria 47

2. HC Bolzano 45

3. Aquile Pontebba 40

4. Hafro Sg Cortina 39

5. Alleghe Hockey Tegola Canadese 39

6. Val di Fassa Ferrarini 33

7. Supermercati Migross Asiago 32

8. Renon Sport Renault Trucks 30

9. SSI Vipiteno Weihenstephan 29

10. HC Valpellice Bodino Engineering 26