“A Treviglio una delle vittorie più belle della carriera”. Il protagonista della nostra intervista settimanale è Tommaso Raspino. L’under ex Trieste, oggi uno dei punti fermi della Paffoni capolista. A Treviglio Raspino, a pochi istanti dal termine della partita, ha dato il la alla rimonta con qualche canestro che ha letteralmente girato l’inerzia del match:

 

“Si diciamo che nel finale ho trovato qualche giocata che ha dato la scossa alla squadra, ma non è certo solo merito mio la vittoria: io mi sono messo in mostra soprattutto nel finale mentre gli altri ci hanno tenuto in partita. In questi casi è il gruppo che viene fuori e non il singolo giocatore“. E’ stata comunque una vittoria emotivamente importante, in una partita che sembrava ‘andata’: “Eccome – prosegue Raspino – dirò di più; è stata una delle vittorie più belle della mia breve carriera. Una grande soddisfazione. A pochi minuti dal termine eravamo sotto di 10 punti ed invece di darla per persa ci siamo serrati in difesa, non li abbiamo più fatti segnare ed abbiamo vinto. Quando siamo così convinti è durissima giocarci contro”. Ora altra ‘partitaccia’ contro Torino sabato al PalaBattisti, dove si attende un tutto esaurito: “La sento molto questa partita – spiega – e sto cercando di vivere la settimana con tranquillità. Contro Moncalieri e Torino ci gioco sin da piccolo, la ho molti amici. Arrivo a questa partita carico a molla e pronto a fare bene, stiamo lavorando bene tutti”.

 

PAFFONI FULGOR BASKET

Ufficio Stampa e Comunicazione

GIANLUCA TRENTINI