L’Egna vince a Caldaro per 4 a 1 e allunga in vetta; un poker di Benjamin Kostner permette al Gardena di superare il Pergine per 6 a 1; torna al successo il Merano, che batte 3 a 1 l’EV Bozen a domicilio

Caldaro Rothoblaas – Egna Riwega 1:4 (1:2, 0:1, 0:1)

Caldaro Rothoblaas: Philipp Kosta (Massimo Camin); Donald Nichols, Ladislav Benysek; Leonhard Rainer, Felix Oberrauch, Markus Siller, Lukas Schweigkofler; Armin Ambach, Antti Hilden, Braian Belcastro, Patrick Gius, Manuel Gamper, Michael Felderer, Thomas Waldthaler, Alex Obermair;

Coach: Cory Laylin

Egna Riwega: Martin Rizzi (Hannes Pichler); Steve Pellettier, Eric Werner, Manuel Bertignoll, Alex Sulmmann, Daniele Delladio, Alexander Sullmann, Kevin Zucal; Domenico Perna, Simone Donati, Markus Simonazzi, Flavio Faggioni, Federico Gilmozzi, Patrick Zambaldi, Hannes Walther, Dominik Massar;

Coach: Rob Wilson

Marcatori: 0:1 Domenico Perna (12.23), 0:2 Federico Gilmozzi (13.08), 1:2 Ladislav Benysek (14.30), 1:3 Steve Pellettier (31.19), 1:4 Domenico Perna (59.39)

Domenica non semplice per il Caldaro, che affronta la capolista Egna dopo aver subito il sorpasso del Pergine nella zona playoff; le wild goose sono in caccia di punti importanti per approfittare dello stop del Milano. Quattro assenze a testa: lucci che sono senza Giovannini, Raphael e Alex Andergassen e Frei, ospiti che non hanno Zelger, Ciresa, Peiti e Michael Sullman. Inizio di match equilibrato, quindi l’Egna prova a scappare: rapido uno-due firmato Perna (in short-hand)-Gilmozzi, ma il primo gol di Benysek con la maglia del Caldaro tiene in partita i suoi. 1 a 2 alla prima sirena. Nel secondo periodo il gioco scorre fluido e senza troppe interruzioni, e l’Egna riesce a resistere ai tentativi dei padroni di casa di impattare il match. Ci pensa comunque Pellettier al 31.19 a firmare l’allungo ospite, ed è doppio il vantaggio al 40esimo minuto per le wild goose. Poco da segnalare nella terza frazione, con i lucci che sprecano l’unico power play a disposizione e non riescono a riaprire il match, chiuso dall’empty net gol del solito Perna. Torna dunque al successo l’Egna che si riporta a più sette su Milano ed Appiano.

HC Gherdeina – Pergine Solarplus 6:1 (3:0, 1:1, 2:0)

HC Gherdeina: Florian Grossgastaiger (Benjamin Saurer); Derek Eastman, Mikeol Moroder, Marco Senoner, Davide Caprioli; Jamie Schaafsma, Julian Mascarin, Kevin Senoner, Ivan Demetz, Benjamin Kostner, Joel Brugnoli, Fabio Kostner, Luca Vinatzer, Aaron Pitschieler, Andreas Wanker;

Coach: Erwin Kostner

HC Pergine Solarplus: Thomas Commisso (Daniele Facchinetti); Troy Barnes, Per Braxenholm, Lorenzo Casetti, Giulio Bosetti, Alberto Meneghini, Fabio Rigoni; Pontus Morén, Michele Bertoldi, Andrea Bertoldi, Lino De Toni, Manuel Accarino, Andrea Costantino, Alessandro De Polo, Davide Mantovani, Stefano Piva, Alessandro Reffo,Riccardo Tombolato, Alberto Virzi;

Coach: Marco Liberatore

Marcatori: 1:0 Benjamin Kostner (10.05), 2:0 Derek Eastman (12.47), 3:0 Jamie Schaafsma (19.50), 4:0 Benjamin Kostner (21.54), 4:1 Lino De Toni (23.51), 5:1 Benjamin Kostner (54.08), 6:1 Benjamin Kostner (59.03)

Appuntamento delicato per il Gardena in caccia di un successo casalingo per provare a staccare la concorrenza. Avversario dei ladini però proprio il Pergine, una delle squadre più in forma del momento. Coach Kostner non può contare sugli squalificati Fabrizio Senoner e Wallenberg, oltre a Gabriel Vinatzer e Spinell, mentre le linci trentine non schierano Fontanive e l’ultimo acquisto Jackson. Ottima prima frazione della truppa ladina, che schiaccia il Pergine nel suo terzo e non concede nulla. Apre Kostner in doppio power play, quindi ci pensano il difensore-goaleador Eastman e Schaafsma a firmare il netto 3 a 0 del 20esimo minuto. Nel secondo periodo è ancora Kostner ad andare in gol dopo pochi istanti, quindi Lino De Toni apre le marcature e rimette il Pergine in partita. Col passare dei minuti però il gioco è interrotto molto spesso da scazzottate e interventi duri, e gli arbitri hanno molto da lavorare. Si va comunque alla seconda pausa sul 4 a 1 per i ladini. Nella terza frazione il Pergine prova a riaprire i conti, ma il Gardena si affida ad uno straordinario Benjamin Kostner, che firma altri due gol (entrambi in power play) e sigla il punteggio finale di 6 a 1.

EV Bozen 84 Mirò Dental – Merano Nils 1:3 (0:1, 0:2, 1:0)

EV Bozen Mirò Dental: Martino Valle Da Rin (Martin Profanter); Stanislav Jasecko, Roland Battisti, Manuel Basso, Matthias Albarello, Michael De Zanna, Daniele Da Ponte; Richard Sechny, Tuomo Harjula, Martin Pircher, Christian Pircher, Franz Josef Plankl, Alexander Pancheri, Hannes Hölzl, Thomas Unterfrauner, Markus Malfertheiner, Philipp Grandi, Andre Rolfini, Simon Obexer;

Coach: Max Fedrizzi

Merano Nils: Dominik Steinmann (Charles Corsi); Victor Wallin, Jan Mair, Daniel Valgoi, Philipp Beber, Simon Baur; Mickael Simons, Daniel Rizzi, Stefan Palla, Alex Rottensteiner, Alex Lanz, Michael Stocker, Oliver Schenk, Gunnar Braito, Patrick Cainelli, Thomas Mitterer, Michele Guarise, Davide Turrin;

Coach: Roberto Quagliato

Marcatori: 0:1 Alex Lanz (15.10), 0:2 Alex Rottensteiner (21.41), 0:3 Oliver Schenk (33.58), 1:3 Tuomo Harjula (46.10)

Importante match per l’EV Bozen, che contro il Merano si gioca uno degli ultimi treni per provare ad agganciare i playoff. I bianconeri però non ci stanno, e vogliono assaltare il quarto posto, ma lo dovranno fare senza coach McKay, Quagliato, Huber e Kobler, mentre è il solo Lotti a mancare tra i padroni di casa. Da segnalare la presenza di Steinmann tra i pali meranesi. Match che inizia sotto il segno dell’equilibrio, con i portieri che hanno lavoro sin da subito. L’unica rete arriva in power play, e sono gli ospiti a sbloccare la contesa: la firma è di Lanz al 15.10. Nella frazione centrale il Merano spinge da matti, complici quattro power play a disposizione, ed è bravo Valle Da Rin ad arginare le iniziative ospiti. I bianconeri riescono comunque a segnare due volte, con Rottensteiner e Schenk, e vanno al secondo riposo avanti 3 a 0. Nell’ultimo periodo escono dal guscio i padroni di casa ma ormai è tardi: Harjula trova il gol dell’1 a 3 al 46.10 ma non si andrà oltre. Dopo tre sconfitte in fila torna dunque al successo il Merano, sempre più in zona playoff.

Serie A2 – venerdì 9 dicembre – anticipo 21a giornata stagione regolare

Hockey Milano Rossoblù – Appiano Sparer Ponteggi 3:5 (1:2, 1:2, 1:1)

Serie A2 – domenica 11 dicembre – 21a giornata stagione regolare

Caldaro Rothoblaas – Egna Riwega 1:4 (1:2, 0:1, 0:1)

HC Gherdeina – Pergine Solarplus 6:1 (3:0, 1:1, 2:0)

EV Bozen 84 Mirò Dental – Merano Nils 1:3 (0:1, 0:2, 1:0)

Classifica di Serie A2

1. Egna Riwega 49 punti

2. Appiano Sparer Ponteggi 42

3. Milano Rossoblù 42

4. HC Gherdeina 32

5. Merano Nils 29

6. Pergine Solarplus 25

7. Caldaro Rothoblaas 21

8. EV Bozen Mirò Dental 12