Dominio incontrastato dell’Archigen Acicastello che espugna Bari e torna alla vittoria dopo due settimane di astinenza. Dimenticati i passi falsi di Quartu e la sconfitta casalinga contro la Lazio, l’Archigen porta a casa la seconda vittoria stagionale, la prima in trasferta, con una prestazione volitiva e convincente frutto di grande concentrazione del gruppo e dei singoli in una gara in cui il risultato non è stato mai in discussione sin dal primo parziale.

Acicastello in vantaggio per 2-0 dopo due minuti di gioco grazie alle reti di Deni Zovko e Fabrizio Basile dalla distanza. Dopo la rete di Cuccovillo, a 2.51 Deni Zovko ristabilisce il doppio vantaggio per l’Archigen per un parziale di 1-3 a fine primo tempo. Archigen impermeabile in difesa e sempre pericoloso in attacco con l’ungherese Gyorgy Szeles sugli scudi, autore di tre realizzazioni consecutive valide per il 2-6 a 41 secondi dal termine del secondo parziale. Per la Payton Bari il gol in superiorità numerica di Santamato riporta il risultato sul 3-6 a metà gara. Unico serio tentativo di rimonta dei padroni di casa nei primi minuti del terzo tempo, in gol con lo straniero Ivancevic, ma Acicastello subito pronto a ristabilire le distanze con una splendida palombella vincente di Giuseppe Postiglione e il cinque metri realizzato con freddezza da Szeles per il 4-8 a 4.38 dalla sirena. Dopo la rete di Santamato, è ancora Postiglione servito con un preciso assist da Riccardo Spadafora a fissare il risultato sul 5-9 alla fine del terzo parziale.

Accorcia la Payton con Cuccovillo a 5.22 dalla fine del match, ma immediata è la replica degli uomini di mister Cannavò con un diagonale formidabile di Szeles per il 6-10. Negli ultimi due minuti spazio ad altre due reti dei padroni di casa con Di Pasquale e Santamato e a due nuove prodezze dell’ungherese Szeles, protagonista assoluto con sette reti complessive, che sancisce il risultato finale di 8-12.

Abbiamo meritato la vittoria dominando la partita dall’inizio – commenta mister Cannavò –. Abbiamo lavorato in settimana soprattutto sotto il profilo psicologico, i ragazzi devono assumere consapevolezza della forza di questo gruppo ed oggi sono scesi in vasca proprio con la voglia di fare vedere il proprio valore. Dobbiamo sempre cercare di imporre ritmo e gioco e con questo atteggiamento solo chi dimostrerà di essere più forte di noi potrà batterci”.

 

Giuseppe Bonaccorso

Ufficio Stampa Archigen Pn Acicastello

 

Payton Bari-Archigen Acicastello 8-12 (1-3, 2-3, 2-3, 3-3)

 

Payton Bari: Cappuccio, Foglio, Rossi, Vettone, Angarano, Mannarini, De Bellis, Santamato 3, Di Pasquale 1, Patti, Ivancevic 1, Cuccovillo 3, Ferrone. All. G. Tau

 

Archigen Acicastello: Spampinato, Cafaro, Zovko 2, Faro, Postiglione 2, Palazzo, Toldonato, Spadafora, Sparacino, Indelicato, Ordile, Basile 1, Szeles 7 (1 r). All. Cannavò

 

Arbitri: Ferri e Navarra

 

Note: parziali 1-3, 2-3, 2-3, 3-3. Superiorità numeriche: Payton 3/10 e Acicastello 1/3 + 1 rigore. Spettatori 350