Un’altra occasione persa in trasferta per il Lavezzini Basket Parma che esce sconfitto nel finale dal PalaSampietro di Casnate per 59 a 55. Alle ragazze parmensi sembra mancare la “birra” necessaria nei minuti conclusivi dei match per far propri i due punti in palio.

Franchini, Adriana, Antibe, Corbani e Tobin questo il quintetto scelto da coach Mauro Procaccini per iniziare la partita con Como che risponde con Harmon, Hicks, Gatti, Spreafico e Smith. Inizio che arride alle gialloblù che vanno avanti prima 0 a 4, poi 2 a 8 e poi 5 a 10 coi canestri di Tobin scatenata già dall’avvio. La Pool Comense torna a giocare nel suo PalaSampietro dopo aver scontato le giornate di squalifica per il caso Wabara e vuol fare bella figura davanti al proprio abituale pubblico ed a metà del primo quarto recupera e si porta avanti per 13 a 12 grazie alle prodezze della lunga americana Smith. Lei segna 11 punti ed il primo periodo si chiude con le lariane avanti per 19 a 14. C’è spazio per Gibertini all’inizio della seconda frazione di gioco e la giocatrice cresciuta nel vivaio parmense non si fa pregare e segna subito: 19 a 16 al 12’.

A seguire la tripla di Adriana porta le sorti in parità. Ma sono i rimbalzi ad essere disequilibrati a favore delle padrone di casa: 13 a 7! Il break a favore di Parma diventa di 0 a 9 sempre grazie principalmente al play brasiliano e coach Barbiero si rifugia in un timeout. Al 16’ siamo 22 a 23 con la ex di turno Slavcheva in campo. Il match si disputa sul filo del rasoio dei punti: 27 a 25 al 18’. Per ora mancano i punti di Antibe nello score parmense. Al riposo si va sul 29 a 26 con scarse percentuali al tiro da tre da parte di entrambe le formazioni. Per il Lavezzini anche una grave lacuna ai liberi: solo 7 su 12. Il terzo quarto si sviluppa come i precedenti, anzi con ancor più equilibrato se possibile: 31 a 32 al 25’. Si prosegue con continui, ma avvincenti, minisorpassi sino al 41 a 44 dell’ultimo miniriposo con Becca Tobin sempre sugli scudi (sono già 13 punti i punti personali). Dura poco il minivantaggio delle crociate che si fanno sorpassare nuovamente in due giri d’orologio: 46 a 44. E Julian Harmon raggiunge a quota 13 punti Brooke Smith. La contesa entra nel vivo con la Pool Comense che allunga in modo decisivo sul 54 a 47 a metà della quarta frazione. Una prova di fuga che si rivelerà determinante grazie anche ai palloni persi da parte di Parma e nonostante la bella prova di Tobin. Per lei oggi 21 punti alla fine e sarà la miglior marcatrice di marca ducale. Un abisso sulle seconde Antibe ed Adriana ferme a quota 9. Ai due minuti dalla sirena siamo ancora 56 a 53 sempre grazie alle realizzazioni della statunitense, ma il Lavezzini non riesce a concretizzare la rincorsa finale e soccombe per il già riportato 59 a 55 che relega Franchini e compagne ad un deludente nono posto in classifica con tre vittorie ed un passivo di cinque sconfitte. Decisivi i canestri nel finale di Hicks.

Al Lavezzini spetta ora un doppio turno casalingo per fare punti. Domenica 11 arriva il Geas delle ex Summerton e Zanoni, oggi corsaro a Cagliari (63-75) ed il sabato successivo la big Umbertide della ex Zara. La partita con il Bracco Geas è a dir poco uno spareggio per entrare nei playoff, in quanto entrambe le compagini dividono l’ottavo posto a quota 6 punti.

Ufficio Stampa

A.S.D. Basket Parma