67° Campionato Nazionale Serie A2 Sustenium
Quinta Giornata
Domenica 23-10-2011 ore 18,00
Palazzetto Centro Pavesi FIPAV – Milano
CheBanca! Milano vs Cicchetti Isernia: 3-1
(25-19, 19-25, 27-25, 25-21)

 

 

CheBanca! Milano:
Mattera 2, Baroti 26, Mercorio 10, Vedovotto 20,  Beretta 6, Insalata (K) 5, Durante (L1), Jago 1, Angelov 4 , Cauteruccio (L2), Robbiati (ne), Blasi (ne), Corinto (ne).

Primo allenatore: Luca Moretti
Secondo allenatore: Marco Fumagalli

Cicchetti Isernia:

Saitta 5, Cardona 8, Torcello 8, Fiore (K) 13, Di Franco 5, De Luca 24, Spampinato (L1), Poikela, Mengozzi, Sesto, De Caria (L2), Della Corte (ne), Olli (ne).


Primo allenatore: Romano Giannini
Secondo allenatore: Francesco Sacchinelli

 

Arbitri: Cappello e Falivene

 

Milano – CheBanca! Milano si presenta all’appuntamento della quinta giornata di Campionato e seconda competizione casalinga con una novità dell’ultima ora: Enzo Di Manno, fermato da un leggero infortunio non può scendere in campo, al suo posto si schiera dunque Arpad Baroti e dal vivaio di Volley Milano viene chiamato anche Stefano Corinto, opposto titolare della B2.

 

Con queste premesse lo “starting seven” di CheBanca! Milano risulta composto dalla diagonale Mattera-Baroti, dagli schiacciatori Mercorio e Vedovotto, dai centrali Beretta ed Insalata, con Durante libero.

Coach Giannini risponde schierando il palleggiatore Saitta e l’opposto De Luca, le bande Fiore e Torcello, al centro Cardona e Di Franco ed il libero Spampinato.

La partita inizia con un minuto di silenzio per commemorare la prematura scomparsa di Marco Simoncelli, pilota della MotoGP che ha perso la vita questa mattina durante il GP della Malaysia ed a cui tutto il mondo dello sport desidera tributare un sentito omaggio.

   

Il primo tempo si apre con Vedovotto in battuta ed una fase subito combattuta punto a punto, da cui Milano esce grazie all’errore in battuta di Cardona ed al successivo punto di Vedovotto (6-4).

Segue una lunghissima e spettacolare azione, in cui il muro di Milano blocca più volte gli attacchi avversari, ma alla fine sono gli uomini di Isernia a prevalere, fermando l’attacco di Baroti. Sono però i padroni di casa a conquistare il punto di scarto al primo time out tecnico (7-8).

Torna in battuta Vedovotto, che piega per due volte la difesa degli ospiti e favorisce gli attacchi conclusivi portati dal centrale milanese Beretta (10-7). Milano cerca di scavare un primo break e si porta avanti di tre lunghezze, sull’attacco dalla seconda linea sempre di Vedovotto (12-9).

Isernia recupera subito tre punti, riuscendo a murare Baroti prima e Mercorio poi e si porta a sua volta in vantaggio, con un attacco della banda Fiore: 12-13.

Spetta a “SuperMario” Mercorio riconquistare il pareggio ed incitare i compagni, agevolando l’azione seguente di Baroti, che riporta Milano avanti di un punto.

Nuovamente pari a 14, un’altra battuta sprecata da Cardona e un Vedovotto in gran forma permettono a Milano di andare al secondo riposo tecnico sul 16 a 14.

Il servizio di Insalata è perfetto ed il muro di Beretta finisce nei tre metri; coach Giannini chiede tempo e sprona i suoi, ora con un gap di tre lunghezze da recuperare.

Ci prova Isernia con la pipe di Torcello, a cui però risponde Giordano Mattera di prima intenzione (18-15). Gli ospiti si trovano nella condizione di dover inseguire e forzare il gioco, esponendosi ai contrattacchi di Milano ed ai muri di Beretta. Entra poi Jago al servizio, proprio su Beretta e gela gli avversari con uno dei suoi magici ace: 21 a 17.

Cardona recupera il servizio per Isernia, ma Vito Insalata non lascia spazio al centro e chiude per due volte prima in attacco e poi a muro, guadagnando un altro strappo (23-18).

Una doppia della Cicchetti fa ben sperare i tifosi che vedono già chiuso il parziale (24-18); ci vogliono ancora due azioni, ma il risultato è assicurato da Mercorio, che sigla il 25 a 19.

CheBanca! Milano ha giocato il primo set con determinazione e lo dimostrano le alte percentuali in attacco (65%).

 

Si riparte nel secondo parziale con una fase analoga a quella del set precedente; le due formazioni sfoggiano i propri colpi migliori e si confrontano testa a testa, in un continuo rincorrersi; il gioco è veloce e spettacolare ed il pubblico ne è soddisfatto; in continua parità le due formazioni arrivano alla prima interruzione obbligatoria, sul muro vincente di Isernia, che ferma l’attacco di Mercorio (7-8).

Si riprende con grande agonismo ed il confronto prosegue in sostanziale parità; sul 9 pari Mercorio e Baroti salvano una palla impossibile, ma poi Isernia concretizza al centro ed in una rapida sequenza positiva allunga sul 10 a 13. Moretti dà spazio a Cauteruccio, che si alterna a Durante in difesa. I Meneghini attraversano una fase di difficoltà ed incassano ancora alcuni punti (11-15).

Vedovotto suona la carica per le fila milanesi e conquista un punto importante in attacco, ma al secondo time out tecnico Isernia si presenta avanti di ben quattro punti (12-16) ed al ritorno in campo incrementa ancora il break portandosi ad un preoccupante 13 a 20.

E’ ancora lo schiacciatore Vedovotto che cerca di tenere in partita la propria squadra, mettendo a segna una bella pipe; anche Mercorio prende la squadra per mano ed in battuta ottiene un ace per il 16 a 21.

Sempre Vedovotto guadagna un altro punto di forza in attacco (17-22), ma Jago, subentrato ad Insalata al servizio, manda fuori di poco (17-23). Il set per Milano appare ormai compromesso ed infatti si conclude con la vittoria di Isernia ed il medesimo parziale del set precedente, ma a cifre invertite (19-25).

 

Tutto da rifare per i padroni di casa, che nel terzo set subiscono l’iniziativa di un’arrembante Isernia, galvanizzata dal successo precedente e decisa a giocare il tutto per tutto (3-6).

Milano incassa e fatica ad uscire dal momentaneo tunnel, tanto che alla prima interruzione tecnica si trova sotto di quattro punti (4-8).

Saitta dà una mano ai Meneghini, sbagliando la battuta, ma l’azione seguente è ancora targata Cicchetti, che arriva sul 5 a 9.

Arpad Baroti va all’attacco e mette a terra una palla importante (6-9), che fa ben sperare per il recupero milanese; qualche azione dopo lo imita anche Mercorio e CheBanca! si fa nuovamente sotto; ancora Baroti beffa la difesa avversaria con un corto pallonetto e Milano accorcia per il 10 a 12; un muro magistrale di Vedovotto riaccende le speranze meneghine, alimentate dal seguente punto della parità.

E’ la volta di Saitta, che di prima sigla un nuovo allungo e poi propizia l’attacco vincente di Fiore (13-14); un’invasione fischiata a Vedovotto manda le squadre al secondo riposo obbligatorio, con gli ospiti sempre davanti a Milano (13-16).

I padroni di casa tornano in campo più decisi e guadagnano subito due punti; Isernia non demorde e fa tutto il possibile per tenere Milano sulla distanza; il sempre presente Vedovotto porta la propria squadra in parità con un bel ace (17-17), ma viene poi murato nell’azione successiva. Tocca a Baroti ottenere nuovamente la parità, poi annullata da Isernia. Prosegue intanto nella formazione milanese l’alternanza dei liberi Durante e Cauteruccio, mentre la partita vede un continuo capovolgimento di fronti e le squadre in equilibrio.

Baroti e Mattera tengono aperte le possibilità dei Meneghini di chiudere il set a proprio favore e sul 22 a 21 coach Moretti manda al servizio Angelov su Insalata; nuovamente pari sul ventiduesimo gradino, sono i giocatori della Fenice Volley, con Saitta in battuta a regalare un punto a Milano, che però riconquistano immediatamente (23 pari).

Il mani out conquistato da Baroti non è sufficiente ed Isernia va ancora in parità sul 24 e sul 25; l’onnipresente Vedovotto fa sognare la tribuna con la sua pipe e Cardona non riesce a fermare il successivo attacco di Mercorio; il set è di Milano per 27 a 25. Il pubblico esulta ed incita i propri beniamini.

 

Di nuovo in campo per la quarta frazione di gioco con obbiettivi ben diversi: i padroni di casa vogliono conseguire la vittoria da tre punti, mentre gli ospiti puntano ad arrivare all’imprevedibile tie-break.

Con rinnovato slancio le squadre si affrontano a tutto campo ed arrivano velocemente al time out tecnico, distanziate di due lunghezze a favore di Isernia (6-8). Si accende il confronto diretto tra i due opposti Baroti e De Luca, protagonisti nei reparti d’attacco delle proprie formazioni. I Molisani mantengono l’iniziativa e difendono il break, mentre CheBanca! Milano si adopera senza posa per riprendere le redini del match, chiamando Angelov a dare un importante contributo, in attacco, difesa e battuta: con due ace consecutivi il giocatore di origini bulgare porta Milano sul 14 pari e rilancia le pretese milanesi per la conclusione dell’incontro.

Tocca a Cardona fermare i Meneghini, ma il suo secondo attacco è out e le formazioni sono ancora pari; la battuta di Insalata va fuori ed il secondo riposo obbligatorio dice 15 a 16 per gli ospiti.

Si prosegue con Cicchetti sempre avanti; un bel muro di Vedovotto e Beretta ed una diagonale out di Fiore danno il momentaneo pareggio al punto numero 18.

Sempre appaiate le formazioni arrivano anche al 19 pari; un ace di Vedovotto ferma il tabellone sul 20 a 19, ma l’attacco successivo è della Fenice ed è ancora parità; dopo una battuta sbagliata di Isernia, Jago in battuta ed Angelov a muro portano Milano sul 23 a 20.

Baroti schiaccia il punto 24, ma la battuta di Jago si ferma in rete ed Isernia segna il ventunesimo punto; è ancora Baroti, che d’autorità chiude definitivamente i giochi e conquista set e match (25-21).

 

A fine serata, in occasione della conferenza stampa, Svetoslav Angelov, uno dei protagonisti della vittoria milanese, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano quanto potesse essere difficile fare una buona partita, non partendo subito da titolare, ha dichiarato: ”Sono soddisfatto per questa vittoria; è vero, non sempre si riesce ad entrare in partita quando non si parte fin dall’inizio, oggi però è andata bene ed ho potuto dare il mio contributo; in ogni caso è importante essere sempre pronti e farsi trovare preparati quando si viene chiamati ad entrare in campo”.

 

 

Intanto per questa sera la squadra può festeggiare un’ottima seconda posizione in classifica ad 11 punti, alle spalle di Loreto e Segrate a 12. 

 

Il prossimo impegno per CheBanca! Milano, sarà domenica 30 ottobre a Molfetta, contro Pallavolo Molfetta, mentre la prossima partita in casa si disputerà martedì 1° novembre alle 18 al Centro Pavesi, contro Sir Safety Perugia.

 

Programmazione televisiva:

Sport-Day/L’Angolo del Vero Volley

Mercoledì 26 ottobre

TeleMilano Tele TV (canale 12 DT) alle 19,30

TeleMilano Più Blu (canale 91 DT) alle 20,00

TeleMilano City (canale 288 DT) alle 19,30


Sport-Day/L’Angolo del Vero Volley

CheBanca! Milano vs Cicchetti Isernia

Mercoledì 26 ottobre

TeleMilano City (canale 288 DT) alle ore 21,00.


Sport-Day/L’Angolo del Vero Volley

Edizione weekend

TeleMilano Tele TV (canale 12 DT) sabato 29 ottobre alle 18,30 ed in replica domenica alle 21,00

TeleMilano Più Blu (canale 91 DT) domenica 30 ottobre alle 19,00

 

Dr. Riccardo Carossia
Consorzio VERO VOLLEY
Nella foto Arpad Baroti