Lavezzini Basket Parma– Erg Priolo 71 a 70 (39-39)

Nella prima giornata di campionato il Lavezzini comincia col piede giusto e porta a casa i primi due

punti di questa annata in un modo a dir poco rocambolesco. Parma vince per 71 a 70 con una super Slavcheva ed una decisiva Antibe: 16 punti a testa.

Con le cinque straniere tesserate ad andare in tribuna tocca alla belga Callens, arrivata un mese fa a far fronte agli infortuni di Antibe e Tobin oggi recuperate. Non sono al meglio, ma possono essere della partita. Parma scende in campo, quindi, con Adriana, Tobin, Corbani, Antibe e la capitana Franchini con qualche problemino alla schiena. Dall’altra parte una vecchia conoscenza dell’ambito ducale: Elena Bestagno. Coach Santino Coppa inizia la contesa con Buccianti, Seino, Fabbri, Cirov e Favento. Pronti via e le parmensi vanno sul 5 a 0 subito, ma le siciliane non ci stanno e mettono le sorti del match sul filo dell’equilibrio. Coi

liberi al quarto di Seino, Priolo va avanti sull’8 a 12.  Al sesto l’Erg allunga ancora: 13 a 19 coi tiri dalla lunetta di Buccianti e Procaccini è costretto a chiamare il primo time out. Chiara la difficoltà delle gialloblù

nel difendere. Tobin viene sostituita da Gibertini e ne approfitta per rifasciare la caviglia dolorante. Per il pivot parmigiano però giungono tre falli in pochi secondi. Al settimo doppio cambio dalla panchina parmigiana: ad entrare tocca ora a Narviciute. Rientra anche Tobin. L’andamento però non cambia ed il primo parziale si fissa sul 17 a 26. All’avvio dei secondi dieci minuti entra nel match anche Slavcheva che con una tripla riaccende le speranze del Lavezzini: 24 a 28 al secondo. Coppa chiama un minuto di sospensione sul 24 a 30. Procaccini continua a ruotare i propri elementi nel tentativo di arginare le siciliane: ora è il turno di Antibe e Franchini di tornare nel rettangolo di gioco. L’effetto positivo sembra esserci: 30 a

32 a quattro minuti dall’intervallo lungo ed il pareggio arriva trenta secondi dopo con Antibe. Subito vanificato, però, dalla tripla di Favento. Ripareggia i conti a quota 37 Antibe dalla lunga distanza. Negli spogliatoi si va sul 39 pari con ancora la fuoriclasse francese sugli scudi: sono già 13 i punti per lei. Si riparte dopo il riposo con il vantaggio di Parma coi punti di Slavcheva, Battisodo e Narviciute: 53 a 39 al quarto ed il Priolo si rifugia in un time out. Ma Slavcheva è scatenata: 56 a 41 al sesto. All’ultimo miniriposo si va 62 a 49, ma l’inizio troppo soft dell’ultimo parziale di Franchini e compagne costringe Procaccini al time out sul 62 a 53. Arrivano anche i primi punti per Adriana con una bella tripla al terzo: 65 a 56. Una vera stranezza la sua assenza nel tabellino marcatrici. C’è lo spazio anche per l’ingresso per Fall che blocca con fallo il contropiede di Buccianti che però sigla i liberi e riporta a meno cinque la propri formazione: 65 a 60. Bella la tripla di Battisodo che riallunga. I tifosi di Parma ci sono e si fanno sentire. A quattro minuti dalla fine siamo 68 a 64 e tutto è ancora in gioco: Cirov da due. Buccianti commette il quinto fallo e lascia la contesa a 3’ e 34”. Bonfiglio porta a meno due il Priolo e Seino pareggia: manca 1’ e 41”. Il finale è incredibile. Parma non segna più e Cirov mette i 2 liberi, conquistati grazie ad un contropiede, che sembrano decisivi. Mancano solo otto secondi. Adriana suona la carica e scarica sul suo pivot Antibe che dai 7 metri mette la tripla ad un secondo dalla sirena che porta a Parma i primi due punti in classifica. Una partita che sembrava già vinta con merito, rimessa in discussione fino a darla oramai per persa e vinta col tiro più impensabile. Grande Antibe, ma bisogna crescere.

Domenica prossima il Lavezzini sarà impegnato ancora fuori dalle mura amiche del PalaCiti. Le ragazze di Procaccini faranno visita al Pozzuoli oggi sconfitto dal Lucca per 59 a 48.

Ufficio Stampa

A.S.D. Basket Parma